Impostazione di un obiettivo tagliente

//commons.wikimedia.org/wiki/File:Ai_competition_at_cs_games_2005.jpg
Fonte: Wikimedia Commons: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Ai_competition_at_cs_games_2005.jpg

Marissa è molto intelligente. Ne è consapevole, ma non arrogante. Sua madre, Monica, vuole che usi quell'intelligenza per farsi strada in un college di prim'ordine. [Anche se "Marissa" e "Monica" sono persone vere, ho camuffato una serie di aspetti di questa storia per proteggere la loro identità.]

Negli ultimi anni – ora Marissa ha 14 anni – è stata iscritta a varie competizioni che mettono alla prova le sue conoscenze. Lei studia duramente. Lei riceve lezioni extra. Fa bene nei test di preparazione. Ma quando si tratta delle competizioni, la sua prestazione è adeguata, non eccezionale. Partecipa alle competizioni sentendosi insicura. Se i problemi sembrano troppo difficili, a volte non completa nemmeno il concorso.

Monica conosce la psicologia dello sport e il modo in cui certe tecniche, come il positivo parlare di sé e le immagini, possono essere davvero d'aiuto con gli atleti che non si sentono sicuri di sé. Mi contatta e inizio a lavorare con Marissa.

I nostri incontri sono produttivi. Marissa impara rapidamente e usa la respirazione diaframmatica per gestire la tensione. Aumenta la sua attenzione sul proprio lavoro piuttosto che farsi coinvolgere nel fare ipotesi su altri concorrenti. (Sono sempre migliori, più esperti).

Ma dopo alcune sedute mi rendo conto che anche se Marissa ha imparato queste tecniche, il suo atteggiamento è ancora più o meno lo stesso: si aspetta di essere una specie di media (tra bambini molto brillanti). Sente la pressione di sua madre per diventare una star. Sente rabbia e delusione quando, ancora una volta, "fallisce". Infatti, mentre incontro sia la figlia che la madre, mi rendo conto che loro due sono finiti in una situazione di stallo: invece di sentirsi supportati e apprezzati da Le grandi aspettative di Monica, Marissa si sente gravata. Per mantenere il senso di sé, la sua risposta è di aspettarsi meno da se stessa. È una specie di altalena familiare … e Marissa è a terra.

Monica e Marissa sanno come impostare obiettivi "SMART" (che rappresentano obiettivi specifici, misurabili, regolabili [o attivi], realistici e basati sul tempo) e "SCORE" (Semplici, coerenti, osservabili, raggiungibili e spiegabili).

Mi sembra, tuttavia, che ciò di cui hanno bisogno è un modo per giungere ad un accordo su cosa siano effettivamente questi diversi elementi obiettivo, in questa situazione. E come essere realistici nelle loro anticipazioni. Come possono imparare a non sopravvalutare né sottovalutare la realizzazione di Marissa?

Suggerisco di provare un metodo sviluppato più di 30 anni fa dagli psicologi dello sport Frank O'Block e Frederick Evans, chiamato Interval Goal Setting, o IGS. Forse perché ci vuole un po 'di lavoro aritmetico per capirlo, è un metodo che non ha mai guadagnato molta popolarità. Mi sembra che in questa situazione, potrebbe aiutare a risolvere questa impasse familiare.

Come è successo, non ho familiarità con i vari modi in cui vengono segnate le gare di conoscenza, quindi lascio a Marissa e Monica decidere quali aspetti delle esibizioni sulla concorrenza di Marissa saranno misurate. Sto solo fornendo uno strumento che è sia specifico che allo stesso tempo, riconosce una potenziale gamma di risultati. Con il suo stesso nome, l'attenzione si concentra su un ragionevole intervallo di realizzazione, con l'aspettativa che si continui a migliorare, entro un intervallo.

Impostazione dell'intervallo degli intervalli:

[Nota: Marissa sta cercando di aumentare il suo punteggio. Se sei coinvolto in una situazione di performance in cui un punteggio inferiore indica che stai andando meglio, allora invertiresti il ​​punteggio in un paio di punti chiave.]

Step 1: somma i punteggi delle ultime 5 performance, quindi calcola la media. Questa media = A, il punto medio della prestazione corrente.

Passaggio 2: utilizzare la migliore prestazione di quei 5 per indicare B. B è ora considerato il limite inferiore dell'intervallo di risultati delle prestazioni.

Passaggio 3: Sottrai A [punto medio corrente] da B [migliore prestazione corrente]. Questo = PD [differenza di prestazioni]

Step 4: Aggiungi PD a B. Questo indica C, il punto medio atteso nell'intervallo da buono [cioè B] prestazioni a D, prestazioni eccezionali. Un punteggio di C è incrementalmente migliore di B, e probabilmente il miglior risultato probabile per la prossima performance.

Passaggio 5: aggiungi il PD a C per ottenere il massimo risultato possibile per la performance successiva. Questo = D.

A parità di altre condizioni, quindi, un punto nell'intervallo tra C e D sarà un buon risultato, basato sulle prestazioni precedenti. Per andare avanti, dopo questa prossima performance, si dovrebbe abbandonare la prima di quelle precedenti, aggiungere insieme e fare la media delle ultime cinque performance, e continuare a fare questo aggiustamento dopo ogni performance.

Vedi una rappresentazione grafica di questo metodo.

L'idea essenziale di IGS è che i miglioramenti delle prestazioni avvengono gradualmente: solo perché hai ottenuto un punteggio eccellente una volta non significa che il prossimo sarà sempre meglio. È probabile che la traiettoria di miglioramento sarà più simile a una linea ascendente frastagliata piuttosto che a una linea retta.

In che modo Marissa e Monica gestiscono questo nuovo approccio? Ti farò sapere.

Puoi contattarmi direttamente attraverso il mio sito web.

Solutions Collecting From Web of "Impostazione di un obiettivo tagliente"