Imparare dalla menopausa di Orca

Orca Network, used with permission.
Fonte: rete Orca, utilizzata con autorizzazione.

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia. – William Shakespeare, Hamlet (Act I, Scene 5)

La menopausa è un argomento che provoca varie battute, angoscia e disorientamento. Ma, tra i ricercatori di cetacei, pone un formidabile enigma. Oltre agli esseri umani, ci sono solo due altre specie, entrambi i cetacei, noti per seguire questi ritmi ormonali: le balene pilota ( Globicephala ) e le magnifiche orche assassine in bianco e nero ( Orcinus orca ). Sebbene alcuni cessino di essere giovani a causa della fragilità o della malattia, le femmine di altre specie rimangono fertili per tutta la loro durata. I biologi affermano che poiché la menopausa prende il futuro investimento di una femmina dal pool genetico, conferisce uno svantaggio sostanziale. L'idea è che se i tuoi geni non sono più in corsa, allora tu e il tuo lignaggio tenderete a perdere. Quindi la domanda è, perché? Perché il gene egoista farebbe qualcosa che apparentemente si oppone al successo evolutivo?

L'ipotesi era che la profondità dell'esperienza accumulata dalle donne più anziane compensi l'infertilità. Le energie riproduttive potrebbero essere reindirizzate per aiutare il resto della famiglia. Ma ora uno studio recente afferma che la ragione della menopausa è "più oscura". Le donne più anziane, sostengono i ricercatori, si ritirano perché vengono espulse efficacemente dalla razza riproduttiva: perdono lotte per le risorse con i loro genitori e figlie infermieristiche. "Una madre balena ha bisogno del 42% di sostentamento aggiuntivo per nutrire il suo vitello" e "perché le orche condividono il cibo che prendono, può ottenere quelle calorie chiedendo una quota maggiore". Anche se la matriarca più esperta dal punto di vista socio-economico "trova e prende la maggior parte del salmone. . . Le loro figlie e grandi polpacci probabilmente finiscono con la maggior parte di esse sui loro piatti, probabilmente combattendo e accumulando. "[1, 2]

Orca Network, used with permission.
Fonte: rete Orca, utilizzata con autorizzazione.

In superficie, la teoria del conflitto riproduttivo sembra risolvere il puzzle della menopausa Whale. Ma quando la società Orca è vista con più attenzione attraverso la lente della neuropsicologia, dall'interno verso l'esterno, emerge un'immagine molto diversa e coerente con la vasta accumulazione di Orca e altri dati di storia naturale animale. Inizia con l'esplorazione di chi sono veramente le orche e di come si sviluppa il loro senso di sé e della loro moralità.

Per prima cosa, prima di addentrarti nelle acque di Orca, prenditi un minuto per riflettere sul tuo senso di sé. Ad esempio, pensa a come potresti rispondere a uno sconosciuto che chiede: "Chi sei?" La tua prima risposta potrebbe essere il tuo nome ("Madeline Harrison", "Peter Beckworth"). Oppure potresti riferirti alla tua professione ("studente", "idraulico") o all'etnia ("italiano", "maori"). La tua risposta potrebbe dipendere anche dalla posizione: in una partita di baseball dopo il lavoro ("il lanciatore"), nella sala della comunità ("il vicino a due porte in giù") o in una festa ("fratello di Jimmy"). Tutte queste risposte riflettono la consapevolezza di sé – aspetti del tuo senso di sé. Ma rivelano qualcos'altro.

Direttamente o indirettamente, ogni risposta alla domanda "Chi sei?" Ti mette in relazione con un'altra persona, che sia un individuo ("fratello di Jimmy") o un gruppo ("idraulico"). Anche il tuo nome ti mette in relazione con qualcuno, la tua famiglia. Sappiamo chi siamo da coloro con cui siamo associati e anche da coloro che non siamo. "Io sono femmina (non maschio)" o "Io sono Maori" (non americano). "Sono un idraulico" (non un contadino), e così via. Un senso di sé è intrinsecamente relazionale. Lo sviluppo iniziale e interno ed esterno è al plurale. Ci vogliono almeno due al tango: se uno sperma e un uovo o una madre e un bambino.

Orca Network, used with permission.
Fonte: rete Orca, utilizzata con autorizzazione.

Come noi, il senso di sé, cervello e mente di Killer Whale è modellato attraverso l'attaccamento e il flusso e riflusso delle successive connessioni interpersonali dall'infanzia in poi. Ma a differenza della maggior parte della progenie urbanizzata, industriale e tecnologica, i bambini che provengono da antiche culture orientate collettivamente come Orche, Elefanti e umani tribali, nascono in un complesso di relazioni annidate simili a matrioske che abbracciano lo spazio e il tempo. I parenti Natal Orca mantengono forti legami e non si separano mai più di poche ore. I giovani rimangono nutriti e protetti all'interno di questo bozzolo prosociale. Orca "I-ness" è perfettamente integrata in una rete di modelli interlacciati sociali, ecologici e culturali, in cui l'intera storia collettiva della comunità, il DNA e le esperienze vivono in ogni individuo. La mente, il sé, la cultura e l'ecologia sono processi co-evoluti nel dialogo attraverso l'interazione epigenetica. Le orche vivono e inspirano, "uno spazio dinamico in cui vive l'intera comunità di esseri che esistono nel mondo; questo include esseri umani, piante, animali, montagne, fiumi, pioggia, ecc. Tutti sono collegati come una famiglia. "[3] Il sé, quindi, è implicitamente infuso con i valori e le tradizioni della cultura in cui è inserito. L'Orca incorpora in sé la morale degli orchi – Killer Whale regles du jeu .

Le orche sono ben note per rigide regole di condotta all'interno della comunità. Ad esempio, a parte due eccezioni – L98 (Luna) e A73 (Springer) – non vi è alcun record fino ad oggi di qualsiasi individuo che abbia lasciato permanentemente le matriline del Pacifico nord-occidentale del Sud (linee di discendenza comune da una particolare femmina tracciata attraverso orca individuale madri, attraverso le generazioni). I membri semplicemente non si disperdono. Non lasciano mai la loro casa sociale e si associano esclusivamente con altre matriline all'interno del loro pod e della loro comunità. Il sociologo Howard Garrett, che insieme a Susan Berta, ha co-fondato la rete senza scopo di lucro Orca, descrive i costumi culturali dei residenti meridionali:

Le orche sono creature di regole. Agiscono secondo tradizioni profondamente radicate. Esistono nell'involucro delle loro culture e sono sintonizzati l'uno con l'altro continuamente. Sono al di sopra delle esplosioni emotive e degli atti distruttivi inconsci. Le orche non combattono, non giostrano, non ci sono litigi o richieste di autorità e non si uccidono a vicenda. Si prendono cura gli uni degli altri e insegnano ai propri figli questa comprensione e rispetto, generazione dopo generazione. Sono sempre in contatto acustico, parlano avanti e indietro. Vediamo le matriarche dare comandi e guidare la famiglia. Sono così ben collegati che in un istante possono cambiare direzione, completamente sincronizzati. Stanno facendo e condividendo significati tra loro e il gruppo che trasmette informazioni sensoriali e cognitive molto sofisticate. La loro sensibilità e acuta intelligenza sono sbalorditive. [4]

 Robert Pittman
Fonte: fonte: Robert Pittman

Questa descrizione è in sintonia con quella che la neuropsicologa morale di Notre Dame Darcia Narvaez definisce un'etica del fidanzamento .

L'etica del coinvolgimento riguarda le emozioni dell'intimità e dell'armonia interpersonale nel momento presente, il che significa che il cervello destro è l'esperienza dominante. L'impegno come "armonia morale" riguarda amore / cura / attaccamento, miglioramento e elevazione. L'etica del coinvolgimento abbraccia le nozioni di adorazione e sentimento di comunità. L'impegno è "qui e ora", sta vivendo la piena presenza nel flusso della vita, connettendosi agli altri nel momento. [5]

Le orche esibiscono anche rigide regole di condotta al di fuori della loro comunità. Nonostante le loro dimensioni, le orche non esercitano violenza se non con coloro che mangiano. Non c'è un singolo incidente in cui un'Orca abbia molestato o danneggiato un umano in tutta la storia conosciuta, che include le migliaia e migliaia di anni di passato aborigeno dalle acque che vanno dagli Antipodi, al Nord America, all'Asia e all'Europa. E in oltre quarant'anni, c'è stato solo un episodio di ostilità intraspecifica di Orca osservata. Howard Garett:

Non vediamo mai orche che sbattono la testa o si sbattono a vicenda come fanno i transienti quando abbattono un leone marino. C'è un solo esempio, nel 1993, quando [il ricercatore canadese di Orca] Graeme Ellis osservò il conflitto Orca-on-Orca. Vide il J Pod dirigersi verso una baia a sud di Nanaimo. A parte una nonna, madre e neonato, l'intero branco corse nella baia e picchiò tre Orsi transitori. Ellis vide sciami e raffiche d'acqua e i Transienti fuggirono. Nessuno è stato ucciso Non abbiamo idea della causa o del perché sia ​​successo. Ciò che ci dice, tuttavia, è che le orche hanno sviluppato coscienti culture e tradizioni filosofiche per consentire loro di vivere virtualmente liberi da conflitti. Ci dice anche che conosciamo solo una frazione di come comunicano le orche. È una vera lezione di quanto poco sappiamo e della profondità della loro intelligenza e cultura. [6]

I rapporti interpersonali orca li hanno serviti bene. La pura forza dei loro legami familiari e culturali ha permesso a Orcas di sopportare l'assalto implacabile degli umani – ma a malapena. Le sette orche di J Pod sono morte solo lo scorso anno. Tre orche probabilmente morirono di fame a causa di dighe e pesca eccessiva che hanno sventrato la loro dieta base, il salmone. Un mese prima che il 105enne J2 (chiamato anche "Granny") scomparisse, mostrò un marcato indebolimento ed emaciazione.

Shelby Proie, used with permission.
Fonte: Shelby Proie, usato con permesso.

Le orche stanno soccombendo ad altre minacce letali. J34 (soprannominato "Doublestuf"), un robusto maschio di diciotto anni, fu ritrovato lavato a riva, il suo corpo gravemente abraso. L'assenza di danni interni suggerisce che la sua causa di morte potrebbe essere stata le onde d'urto associate alle attività militari. [7] Poi c'è Tokitae (conosciuta come Lolita), una femmina catturata e rubata dalla sua famiglia da bambina, portata in un acquario dove è rimasta languida dal 1970. [8] La terribile situazione dei Residenti del Sud ha spinto la loro lista come in via di estinzione. Tuttavia, i problemi chiave, le dighe e il sovrasfruttamento, rimangono non indirizzati.

Successivamente, da questa prospettiva morale neuropsicologica e culturale, l'ipotesi di "conflitto madre-figlia" della menopausa di Orca sembra altamente non plausibile. Mentre caratterizza la cultura, i valori e anche le istituzioni accademiche occidentali, il comportamento competitivo, "cane-mangia-cane", non ha posto nel sobrio e raffinato mondo prosociale di Orcinus orca . Queste balene non sono vittime passive di "i miei geni mi hanno fatto fare a me". Piuttosto, le orche esibiscono un'intelligenza altamente emotiva e sociale con cervelli, menti e morale che superano quelle degli umani moderni.

La cultura dell'Orca residente meridionale solleva alcuni punti molto importanti per la scienza e la società. In primo luogo, Killer Whales offre un esempio morale per guidare la nostra specie lontano dal suo percorso violento e sociopatico verso la pace prosociale e il rispetto per i parenti e gli animali. In secondo luogo, la storia della menopausa di Orca è una lezione di oggetti che illustra i pericoli di fare asserzioni di sciocchezze sulle motivazioni di altre culture. La proiezione irriflessa dell'ombra dell'umanità moderna su altre specie costituisce una profonda violazione etica e scientifica. Errori simili sono stati fatti da altri teorici evoluzionisti che "presumono che il comportamento umano di oggi sia normale e normativo e quindi proviamo a spiegarlo come adattivo" [9].

Come molte culture umane tribali mostrano e i ricercatori hanno scoperto, il 99% del genere umano ha funzionato in compagnia di cura simile alle Orche. L'umanità moderna può essere guidata da un guadagno egocentrico, ma la stragrande maggioranza di umani e non umani non ha e non ha. [9, 10] La prosocialità animale come forza trainante dell'evoluzione si alterna alla competizione non è un'idea nuova. Nel 1902, lo scienziato russo Peter Kropotkin pubblicò, Mutual Aid: A Factor of Evolution, in cui elaborò una "teoria dell'aiuto reciproco" delineata dallo zoologo Karl Kessler. Entrambi gli scienziati affermano che la cooperazione, l'aiuto e l'educazione, non la competizione e il conflitto, permeano i geni animali. Kropotkin ha visto questa prima mano durante i viaggi in Siberia e Manciuria:

Due aspetti della vita animale mi hanno impressionato di più durante i viaggi. . Uno di loro era l'estrema severità della lotta per l'esistenza che la maggior parte delle specie di animali deve portare avanti contro una natura inclemente. . E l'altro era che, anche in quei pochi punti in cui la vita animale pullulava di abbondanza, non riuscivo a trovare – anche se la stavo cercando con impazienza – quell'aspra lotta per i mezzi di esistenza. In tutte queste scene di vita animale che sono passate davanti ai miei occhi, ho visto il Mutuo Soccorso e il Supporto reciproco portati avanti in misura tale da farmi sospettare in esso un aspetto della massima importanza per il mantenimento della vita. [11]

Un'ultima e una terza lezione delle orche è che c'è molto di più nella filosofia Orca di quanto non siamo attualmente in grado di sognare. E come illustra il patetico video dei Tokitae in uno degli spettacoli di intrattenimento senza fine al Seaquarium di Miami, è la nostra specie che si è resa colpevole di azioni oscure, non delle Orche. Quando ci confrontiamo con una cultura molto più evoluta e sofisticata, siamo meglio serviti per guardare e imparare dalle balene in modo che un giorno la nostra specie possa raggiungere le vette di Orcinus orca .

Letteratura citata

[1] Croft, DP, RA Johnstone, S. Ellis, S. Nattrass, DW Franchi, LJN Brent, S. Mazzi, C. Balcomb, JKB Ford e MA Cant. 2017. Conflitto riproduttivo e evoluzione della menopausa nelle orche assassine. Biologia corrente. http://www.cell.com/current-biology/abstract/S0960-9822(16)31462-2

[2] Morrell, V. 2017. Studio suggerisce una ragione sorprendente che le orche assassine attraversano la menopausa. http://www.sciencemag.org/news/2017/01/study-suggests-surprising-reason-…

[3] Justo Oxa citato in Marisol de la Cadena, Earth Beings: Ecologie di pratica in tutti i mondi andini (Durham, NC: Duke University Press, 2015).

[4] Garrett. H. citato in Bradshaw GA 2017. Menti carnivore: chi sono questi animali temibili . Yale University Press.

[5] Narvaez, Darcia. Etica trina: le radici neurobiologiche delle nostre molteplici moralità. Nuove idee in psicologia 26, no. 1 (2008): 95-119.

[6] Garret, H. In discussione con l'autore. Gennaio 2017.

[7] Berta, S. e H. Garrett. 2017. In discussione con l'autore.

[8] Orcanetwork, 2015. "Proposta di ritiro dell'Orca Lolita al suo habitat nativo nel nord-ovest del Pacifico", http://www.orcanetwork.org/Main/index.php?categories_file=Lolita, accessibile a novembre 2015.

[9] Narvaez, D. 2013. Il 99% di sviluppo e socializzazione all'interno di un contesto evolutivo. In Fry, Douglas, Guerra, Pace e Natura umana: la convergenza delle visioni evolutive e culturali.

[10] Ingold, T. (1999). Sulle relazioni sociali della banda di cacciatori-raccoglitori. In RB Lee e R. Daly (a cura di), The Cambridge Encyclopedia of Hunters and Gatherers (pp. 399-410). New York: Cambridge University Press.

[11] Kropotkin, P. 1902/2012 Mutuo aiuto: un fattore di evoluzione. Corriere Corporativo.

Solutions Collecting From Web of "Imparare dalla menopausa di Orca"