Imparare dai nativi digitali: 6 sorprendenti benefici

Per la cronaca, stabiliamo che c'è un sacco di materiale online senza valore, se non addirittura offensivo, e che alcuni che si nascondono nel cyberspazio hanno intenzioni meno che onorevoli. Siamo d'accordo, anche, che alcuni di noi sono colpiti, forse troppo, dai nostri giocattoli tecnologici. Di conseguenza, il professore del MIT Sherry Turkle ci mette in guardia nel suo nuovo, assolutamente da leggere, Alone Together: Why We Expect More From Technology e Less from Each Other , dovremmo considerare il "prezzo" del nostro "incanto" con la tecnologia.

Ma come Turkle è pronto a ricordarci, Internet non sta andando da nessuna parte. Continuerà a cambiare ogni cosa, dalle nostre relazioni alle nostre professioni, al modo in cui pensiamo alla vita. La domanda su come ci cambierà, però, dipende da noi. Howard Rheingold, l'uomo che ha coniato i termini "comunità virtuali" e "mob intelligenti" e ha avuto un posto in prima fila sul dramma di Internet che si sta svolgendo, lo pone in questo modo:

I nostri nipoti cresceranno sapendo come cogliere la risposta a qualsiasi domanda dal nulla, convocare i loro social network per assisterli personalmente o professionalmente, organizzare movimenti politici e mercati online? Collaboreranno per risolvere i problemi, partecipare alle discussioni online come forma di impegno civico, condividere e insegnare e imparare a loro vantaggio e quello di tutti gli altri? Oppure cresceranno sapendo che il mondo online è un puzzle sconcertante di cui hanno pochi indizi, un quartiere pericoloso dove le loro identità possono essere rubate, una palude di spam e porno, disinformazione e disinformazione, leggende metropolitane, bufale e truffe? … l'umanità o la tossicità della cultura digitale del prossimo anno dipende in larga misura da ciò che sappiamo, impariamo e ci insegniamo a vicenda.

Chiamami un ottimista, ma penso che possiamo cogliere il futuro digitale – ironicamente unendo le forze e condividendo l'esperienza con i nativi digitali – bambini e adolescenti cresciuti con la Rete (se non il tuo, figlio di un amico o dei vicini! ). Questo potrebbe sembrare controintuitivo. Non dovremmo limitare il tempo di schermatura e compensare i bambini desiderosi di gadget e messaggi? Non pensiamo che i nativi digitali non ameranno mai i libri nel modo in cui lo facciamo e temono che il loro cervello sia influenzato da così tanto stimolo digitale? Il problema è che a volte dimentichiamo che stiamo navigando nello stesso territorio. Il ragazzino che non sente la mamma chiamarlo non è diverso dal padre che si mette in disparte con il suo Blackberry a tavola. Entrambe le generazioni hanno bisogno di aiuto e, in alcuni casi, i bambini ne sanno più di noi. (E se non ci credi, passa qualche minuto ad ascoltare il TED Talk di 12 anni di Adora Svitak, Che adulti possono imparare dai bambini.)

La buona notizia, sottolinea Turkle, è che Internet è ancora giovane. Ci assicura che c'è "tempo di apportare correzioni".

Non abbiamo bisogno di rifiutare o denigrare la tecnologia. Dobbiamo metterlo al suo posto. La generazione che è cresciuta con la rete è in una buona posizione per farlo, ma questi giovani hanno bisogno di aiuto … noi dobbiamo essere i loro partner.

Possiamo alzare le mani e rabbrividire al pensiero di cosa accadrà se non diventiamo più consapevoli della tecnologia. Ma possiamo anche immaginare cosa può accadere quando leghiamo con i nativi digitali per diventare alleati e compagni di avventurieri nel cyberspazio:

1. Diventeremo tutti più "alfabetizzati" su Internet. Certo, l'utente più anziano deve essere il limitatore, il proctor e il protettore. Dal giorno in cui un bambino ha il suo indirizzo e-mail o accede a uno dei tanti siti pre-Facebook adattati ai bambini, hanno bisogno di linee guida e la certezza che prestiamo attenzione. Come una madre esperta di cyber-informatica, che conosce le password di tutti i conti online di suo figlio e figlia, mi ha detto, "Non ho mai dovuto controllarle, ma sanno che posso." Ma l'insegnamento e l'apprendimento vanno entrambi i modi. Cerca di capire come funzionano i suoi videogiochi: le competenze necessarie, i livelli, il tipo di pensiero che incoraggia. Prova Wii se non l'hai già fatto. Siediti accanto a lei al computer o mentre sta giocando con un dispositivo portatile. Fai domande e prova a vedere tutto dal punto di vista del nativo digitale. E mentre ci provi, chiedi aiuto di cui hai veramente bisogno, ad esempio nel configurare la tua pagina Facebook o il tuo blog.

2. Entreremo nel loro mondo. Il terapeuta familiare Ron Taffel consiglia ai genitori di conoscere la "seconda famiglia" del loro bambino – quella forza aggregata della cultura pop e del gruppo di pari che può sedurre un bambino vulnerabile lontano dalla prima famiglia. Quel libro (full disclosure: I co-authored it) è uscito nel 2001, ma il messaggio è ancora più importante un decennio più tardi, specialmente alla luce della scoperta di Turkle che i bambini di oggi bramano l'attenzione dei loro genitori distratti dalla tecnologia. Condividere le strategie di Internet può stabilire un sano dare e avere. Lavorare in linea con un bambino apre una porta a quello che stanno facendo, ciò che li attrae, ciò che li ossessiona, chi incontrano online e dove vanno come risultato di questi interessi.

3. Inizieremo a sviluppare un'etichetta di Internet. Ai vecchi tempi, i genitori intelligenti insegnavano ai loro figli come parlare al telefono, proprio mentre insegnavano loro a dire "per favore" e "grazie" ea stringere la mano e guardare le persone negli occhi. Ora, tutti, giovani e vecchi, hanno bisogno di capire cosa è educato, civile e morale online e sui telefoni cellulari. Qual è la lingua e il contenuto appropriati per l'email? Come "conversi" via Skype? Che tipo di informazioni pubblichi sui siti di social network? Come crei una nuova relazione o respingi qualcuno? Condividi le tue storie di guerra, forse come hai offeso involontariamente qualcuno o frainteso e reagito in modo eccessivo a un commento e ascoltale. Certo, dare l'esempio. Se sei rispettoso, premuroso e attento a come ti comporti in linea, è più probabile che lo siano anche in questo modo.

4. Miglioreremo tutti in "rivelazione di merda". Howard Rheingold – ovviamente un grande coiner di termini – ha anche inventato l'infotention per descrivere "le abilità / strumenti psico-sociali-tecnologici" di cui i bambini e gli adulti hanno bisogno per le loro incursioni in linea. Tra queste abilità c'è "l'identificazione delle merda". I nativi digitali imparano velocemente e molti di loro non sono solo appropriatamente cauti, ma sono anche aperti a racconti cautelativi. Le mie nipote adolescenti erano incantate durante una riunione di famiglia mentre raccontavo una lunga storia di una donna che mi ha fatto credere che fosse un'adolescente. Fortunatamente, tutto quello che voleva era la mia attenzione. Ma il mio richiamo ravvicinato li ha incoraggiati a condividere storie per conto loro. Cerca questi momenti insegnabili durante il giorno. Ad esempio, mio ​​nipote di otto anni ha appena ottenuto il proprio account Gmail. La mia prima e-mail a lui era: "Come faccio a sapere che sei davvero tu?"

5. Continueremo una conversazione in corso. Parlare di tecnologia è come parlare di sesso: è necessario continuare ad avere "la discussione". I siti, le app, la proliferazione di gadget, cambiano costantemente i fenomeni che portano meraviglia e pressione nelle nostre vite. Siamo in contatto con molte persone e, allo stesso tempo, siamo sopraffatti. Come dice il critico sociale Doug Rushkoff, autore di Program o Be Programme, "Internet è cambiato da una cosa che fa al modo in cui si vive." Se la velocità della luce dello sviluppo di Internet ci dice qualcosa, è qualcosa di nuovo e inaspettato ci trascineremo la nostra attenzione tra sei mesi, se non presto. Inoltre, man mano che i bambini crescono, la loro comprensione del terreno cambierà. Alcuni sanno già che il gossip può assumere una vita propria e, peggio, non scompare mai. Dobbiamo continuare a parlare di come viaggiano le informazioni e come (in sicurezza) cogliere le opportunità per connettersi. Dobbiamo chiederci cosa significa essere parte di un intero più grande? O, per questo, essere costantemente in contatto con la tua rete? E che dire della privacy? Sebbene le risposte siano diverse per ciascuno di noi, dobbiamo continuare a porci tali domande.

6. Insieme, possiamo ridimensionare la dimensione di Internet. Tutti noi dobbiamo trovare modi per gestire la nostra attenzione e integrare la vita online con il tempo faccia a faccia. I genitori tengono "riunioni di famiglia" per parlare del coprifuoco e delle regole e dei privilegi della casa. Ha senso capire insieme come gestire la tecnologia. Quindi, raccogli i bambini con cui vivi o dai bambini e medita insieme le domande: quanta attenzione viene sottratta alla conversazione faccia a faccia con i nostri giochi e gadget? Stiamo inavvertitamente riducendo il tempo di famiglia e rinunciando ad altre esperienze IRL nella vita reale? Stiamo riducendo le nostre relazioni reciproche o con la natura perché siamo così immersi nel dominio digitale?

Sherry Turkle, che ha trascorso quindici anni a scrivere il suo libro, a condurre studi, a intervistare bambini, adolescenti e adulti, conclude il suo libro con due frasi eloquenti e speranzose.

Meritiamo di meglio. Quando ci ricordiamo che siamo noi a decidere come mantenere la tecnologia occupata, avremo di meglio.

Questo post appare anche su Shareable.net e MotherU.

Solutions Collecting From Web of "Imparare dai nativi digitali: 6 sorprendenti benefici"