Imparare a muoversi, spostarsi per imparare?

School girls in sabarmati ashram

Solo giocando?

Un affascinante e potenzialmente molto importante esperimento è stato portato avanti con un gruppo di bambini di 10 e 11 anni a Vanves, un piccolo distretto di Parigi, in Francia negli anni '50. Gli insegnanti-ricercatori si sono chiesti cosa sarebbe successo se una parte significativa del tempo per le materie accademiche durante la giornata scolastica fosse dedicata alle attività fisiche. La precisa motivazione di questa audace idea non è chiara, ma sembra che i ricercatori abbiano semplicemente avuto l'impressione che i loro studenti traggano beneficio dalla dose giornaliera di esercizio.

È improbabile che uno studio come questo sia autorizzato oggi. Per lo meno, i ricercatori avrebbero bisogno di dedicare molto tempo ed energie a convincere i vari comitati della saggezza di tagliare drasticamente 15 ore a settimana di lezioni in classe – matematica, francese, storia e così via – e sostituirlo con sport, ginnastica , nuoto e trekking. Avrebbero anche bisogno di ottenere l'accordo dei genitori e dei figli (anche se sospetto che il secondo gruppo non si prenderebbe molto da persuadere), e avrebbero bisogno di affrontare il fatto spinoso che nessuno aveva mai realizzato uno studio come questo prima, quindi non avevano assolutamente idea di cosa sarebbe successo. Ma questi erano tempi più semplici, quando quelli con idee potenzialmente rischiose, ma interessanti per gli esperimenti tendevano ad andare avanti e ad eseguirli. Quindi ogni giorno di scuola, mattina e pomeriggio, metà dei bambini camminava, correva, si stirava e giocava, mentre un gruppo di controllo (presumibilmente abbastanza miserabile) continuava a prendere parte allo standard di due ore a settimana di attività fisiche.

I risultati dello studio di Vanves sono stati notevoli. Nonostante la perdita di oltre un quarto del tempo di insegnamento in classe, i voti accademici del gruppo sperimentale non peggiorarono e in molti casi furono effettivamente migliorati. Inoltre, gli insegnanti hanno riportato meno problemi di disciplina, maggiore attenzione in classe e meno assenteismo.

Prima di lasciarsi trasportare da queste scoperte e iniziare a sostituire la matematica con la mountain bike e la scienza per la salsa in tutte le scuole, è necessario prestare attenzione. Questo era uno studio su piccola scala, sebbene usasse un gruppo di controllo. Inoltre, i ricercatori non hanno pubblicato le loro scoperte in riviste scientifiche convenzionali, e lo sappiamo solo da alcune riviste del giorno, quindi non è stato esposto ai controlli e ai bilanci delle critiche che sono caratteristici della buona scienza. E comunque, è notoriamente difficile slegare il valore relativo e il danno causato dalla moltitudine di fattori vissuti da bambini e giovani mentre attraversano la scuola. Anche se prendiamo i risultati riportati sul valore nominale, è impossibile dire con certezza che l'attività fisica è stata il fattore chiave. Potrebbe essere stato il caso che l'aumento dell'attività abbia portato a cambiamenti nel cervello dei bambini, il che significa che erano più capaci di affrontare le sfide intellettuali loro presentate. O forse i bambini hanno semplicemente risposto bene a trascorrere più tempo all'aria aperta, o in contesti sociali o giocosi? Forse gli è semplicemente piaciuta la novità offerta loro?

Quindi, così com'è, l'esperienza di Vanves è poco più di un caso di studio interessante. Ma se le sue conclusioni risultassero valide, solleverebbero interrogativi profondi sui modi standard in cui le scuole organizzano e danno priorità alle loro varie responsabilità. Inoltre suggeriscono una soluzione a un problema di enorme importanza contemporanea. Per quanto inattivi i bambini di questo distretto francese avrebbero potuto essere, è improbabile che fossero come i nipoti probabilmente sarebbero diventati. La Francia, come quasi tutti i paesi sviluppati e molti in via di sviluppo, ha assistito a un progressivo declino nei livelli di attività fisica quotidiana tra i suoi giovani, e questo ha sollevato serie preoccupazioni circa gli effetti che questo potrebbe avere sulla loro salute e essere, sia durante l'infanzia che nella vita successiva. Nelle parole di una recente dichiarazione di un gruppo di esperti sanitari internazionali pubblicati dalla rivista medica Lancet, i giovani sono attualmente nel bel mezzo di una "pandemia" mondiale di inattività. Quindi, accanto alla storia educativa dell'esperimento Vanves, c'è un secondo sulla salute dei bambini che non dovrebbe essere dimenticato.

Un certo numero di scienziati è successivamente tornato alla stessa domanda fondamentale posta a Vanves: cosa succede se tagliamo una grossa fetta del calendario scolastico della scuola e la sostituiamo con l'attività fisica? – e hanno generalmente usato metodi più rigorosi e gruppi di bambini molto più grandi. Il primo di questi studi fu condotto nella città canadese di Trois-Rivières negli anni '70, che si concentrò nuovamente su studenti di età elementare, ma questa volta ne seguì più di 500 per 6 anni, con gruppi di controllo formati dalle classi precedenti e classi successive nelle stesse scuole. Le lezioni sperimentali richiedevano un'ora al giorno di lezioni di attività fisica, il che comportava una riduzione del 14% nel tempo per le altre lezioni scolastiche, mentre le lezioni di controllo venivano impartite per gli standard standard di 40 minuti di educazione fisica a settimana. Secondo le valutazioni dei loro insegnanti, le prestazioni educative complessive del gruppo di attività giornaliere erano significativamente migliori rispetto ai loro coetanei meno attivi. Hanno anche ottenuto punteggi più alti in un test di intelligenza standard e hanno ottenuto voti più alti in matematica negli esami (anche se hanno fatto meno bene nei test in inglese).

Ora ci sono stati molti studi che esplorano la questione della relazione tra attività fisica durante la giornata scolastica e rendimento scolastico – più di 40 secondo la mia stima, basata negli Stati Uniti, in Australia, in Europa e in Asia – e tendono ad arrivare in generale le stesse conclusioni: la sostituzione di una quantità considerevole di tempo per i soggetti in classe con attività fisiche non danneggia le prestazioni in questi soggetti e in alcune circostanze sembra migliorare i voti di alcuni bambini.

Una seconda serie di studi ha affrontato la questione da una prospettiva leggermente diversa: in che modo la forma fisica influisce sulle prestazioni educative? L'attività fisica e la forma fisica sono correlate, ovviamente, poiché la forma fisica tende ad essere maggiore tra le più attive. Ma, dal punto di vista del povero ricercatore, il fitness è un concetto molto più sfuggente, poiché è impossibile separare il contributo dato all'attività fisica dall'attività fisica scolastica a scuola da quella che si svolge prima e dopo la scuola, nel fine settimana, e durante le vacanze. È anche un incubo metodologico affrontare il fatto che i corpi e il cervello dei bambini sono costantemente in uno stato di cambiamento e sviluppo e che i bambini più grandi, più fisicamente maturi, tendono comunque a sovraperformare i loro coetanei più giovani.

Nonostante tutte queste precauzioni e preoccupazioni, vale ancora la pena notare che numerosi studi hanno rilevato che i bambini fisicamente idonei tendono a sovraperformare i loro coetanei meno in forma. Secondo una meta-analisi – essenzialmente una panoramica degli studi pubblicati – l'aumento della forma fisica è stato associato a migliori voti in matematica e lettura e punteggi QI. Che siano queste particolari misure che sembrano essere maggiormente associate alla forma fisica è di per sé piuttosto intrigante. Alcuni scienziati suggeriscono che sono proprio quelle aree che dovrebbero essere influenzate dal miglioramento del funzionamento del cervello. Ma questa è una storia da considerare in dettaglio in un altro articolo.

Per ora, si consideri un recente studio dall'Australia che ha scoperto che, nelle parole del suo titolo, "Le scuole con bambini più adatti ottengono migliori risultati di alfabetizzazione e numeracy". I ricercatori hanno scoperto che sia i livelli di attività che i punteggi di fitness correlavano con i punteggi dei bambini sui test governativi e che una differenza ancora più chiara è stata trovata tra le scuole. In altre parole, le scuole con figli più in forma hanno sovraperformato le altre. Perché dovrebbe essere? La spiegazione più plausibile sembra essere che l'attività fisica e lo sviluppo del fitness sono elementi di scuole che tendono ad avere "atmosfere" che supportano il successo scolastico e il successo.

I risultati scolastici, come il successo degli esami e dei voti, sono enormemente apprezzati da genitori, insegnanti e politici. Il confronto tra scuole, distretti e paesi è ormai una caratteristica di routine in molti paesi del mondo e gli amministratori di ogni livello sono in uno stato permanente di paura che i risultati siano sotto il loro controllo rispetto a quelli dei loro concorrenti. Ancora più importante, dal punto di vista della responsabilità nei confronti dei singoli bambini, non vi è dubbio che il rendimento scolastico sia fortemente correlato al successivo successo di carriera, specialmente tra i gruppi più emarginati all'interno della società.

La posizione di default tra molti di questi decisori è che le aree tematiche in classe come matematica e lettura sono di grandissimo valore, ed è essenziale che queste aree siano prioritarie all'interno delle scuole. Una seconda ipotesi è che qualsiasi interferenza con il successo degli studenti in queste aree deve essere contrastata a tutti i costi. Di conseguenza, molte scuole si sono trovate sotto pressione per spremere argomenti non fondamentali come le arti e lo sport, non perché non siano importanti, ma semplicemente perché hanno una priorità inferiore. Queste pratiche sono state rafforzate da genitori che temono le conseguenze del tempo lontano dalle aree tematiche più accademicamente prestigiose. Quindi, le attività fisiche, come lo sport e la danza, sono spesso relegate a posizioni di piacevoli, ma alla fine frivole ricreazioni che distolgono l'attività principale della scuola.

In questo contesto, non sorprende che ogni studio degli ultimi decenni sullo stato e lo stato delle opportunità di attività fisica – e in particolare delle loro manifestazioni come curriculum, educazione fisica e sport – abbia riportato serie preoccupazioni. Alcuni sistemi scolastici hanno poco o nessun posto per queste esperienze di attività fisica. Altri mantengono un posto nell'orario, ma la loro qualità è compromessa da insegnanti scarsamente addestrati o inesperti, strutture inadeguate, o un modello comune che quando il tempo e il denaro sono limitati, questi sono tra i primi argomenti da tagliare. Esistono ovviamente notevoli variazioni tra paesi e stati, e nel tempo, ma le prove sono abbastanza chiare: le esperienze di attività fisica di qualità nelle loro varie forme spesso vengono spinte ai margini, offerte come una fuga banale dall'attività principale della scuola, o schiacciate completamente fuori orario scolastico.

Le scuole sono le principali impostazioni sociali per la promozione dell'attività fisica nei bambini. In realtà sono l'unico posto in cui tutti i bambini possono apprendere nuove competenze e avere opportunità regolari di essere fisicamente attivi. Ma anche i genitori possono contribuire a questa situazione. Un certo numero di studi internazionali ha rivelato una tendenza a scoraggiare i bambini dalla partecipazione al club sportivo quando gli studenti invecchiano, e specialmente quando si spostano verso esami e transizioni importanti, come quelli delle scuole superiori e dell'università. In molti casi, le ragazze sono le più colpite da questi cambiamenti e sono quelle che sono in genere meno attive già [http://www.icsspe.org/sites/default/files/Girls.pdf].

Il ragionamento alla base di queste azioni è del tutto comprensibile. I voti in classe sono potenti determinanti della progressione e del successo successivi, quindi il buon senso impone che più tempo speso per studiare questi argomenti è un buon investimento. Di conseguenza, il tempo trascorso a correre e giocare è tempo perso.

Ancora una volta, la scienza suggerisce che il buon senso sia probabilmente sbagliato.

Questi e problemi correlati saranno al centro del blog. Mira a esplorare il complesso e, penso, affascinante rapporto tra attività fisica e buona vita. Quale ruolo, se del caso, lo sport e altre attività fisiche giocano nell'educazione, nella salute e nella felicità? In che modo l'esercizio influisce sul cervello e sul comportamento? Perchè importa?

Commenti e domande sono benvenuti.

Maggiori informazioni su questo argomento:

Bailey, R., Hillman, C., Arent, S., & Petitpas, A. (2013). Attività fisica: un investimento sottovalutato nel capitale umano ?. Journal of Physical Activity & Health, 10 (3), pp. 289-308.

Solutions Collecting From Web of "Imparare a muoversi, spostarsi per imparare?"