Immagini di Dio e immagine corporea

La tua immagine di Dio influenza la tua relazione con il tuo corpo?

La maggior parte delle persone, compresi gli atei, hanno un'immagine (o immagini) di "Dio". Noi ereditiamo queste immagini dalle nostre tradizioni religiose, dalle nostre famiglie e / o dalla nostra cultura. Spesso, queste immagini sono in gran parte non esaminate, sia perché ci è stato ordinato di non metterle in discussione, o perché non abbiamo mai avuto l'opportunità di esplorare le loro implicazioni più profondamente, o perché semplicemente non sembrano rilevanti per le nostre vite. In ogni caso, questa mancanza di esame può essere sfortunata perché indipendentemente dal nostro orientamento spirituale (o dalla sua mancanza), le immagini di "Dio" possono avere un profondo effetto su come vediamo e sperimentiamo il nostro corpo.

Questo perché tali immagini forniscono un modello per come pensiamo al potere, come immaginiamo le relazioni di genere e come vediamo la connessione (o meno) tra spiritualità e fisicità. Più specificamente, le immagini tradizionali di "Dio" come essere onnipotente o potere maschile dominante che si libra sul resto del creato (un'immagine che la maggior parte degli atei e degli agnostici rifiuta giustamente) contribuiscono tacitamente alla credenza delle donne che possono e devono controllare il loro corpo, e che questa è in effetti la via della virtù.

Iniziamo con l'immagine di "Dio" come controllante. Come sottolinea la sacerdotessa Wiccan Starhawk, questa immagine riflette la comprensione del potere come "power-over" (il suo termine – vedi le prime 14 pagine di Magic, Sex and Politics). In questo paradigma, potere = dominazione; è esercitato da un'entità superiore che controlla o costringe un altro inferiore. Nella misura in cui crediamo (o meno) che "Dio" opera nel mondo in modo onnipotente e onnipotente, possiamo inconsciamente cercare di esercitare il potere, sia nei confronti dei nostri corpi, o verso gli altri, o entrambi, in modi che sono prepotenti

"Power over" è il tipo di potere a cui molte donne si rivolgono nei loro tentativi di "correggere" i loro corpi perdendo peso. Spesso la logica inespressa di questi sforzi assomiglia a qualcosa: "Controllare ciò che mangio mi fa sentire più in controllo nella mia vita." Ma questo approccio al potere orientato alla conquista spesso ci lascia sentire frammentati e infelici, non solo perché, alla fine, noi non controllare i nostri corpi (testimonia il modo in cui cambiano, si ammalano e anche muoiono senza il nostro consenso), ma anche perché ci mette in guerra con una parte fondamentale di noi stessi: la nostra fisicità.

Inoltre, immaginarci il divino come un "potere su di noi" può impedirci di vedere un altro tipo di potere, un potere che Starhawk definisce "potere dall'interno". Questa forma alternativa di potere assomiglia più strettamente alla radice latina di potere – "podere" – che significa "essere capaci". In questo modello, il potere è il processo di crescita e di potenziamento inerente al processo della vita stessa. Se riconosciamo il "potere di Dio" come vissuto e collegato alla nostra stessa emancipazione ed evoluzione, potremmo trovare la forza di cui abbiamo bisogno per affrontare i nostri problemi in modo più preciso e, potremmo arrivare a sperimentare il nostro corpo come imbevuto del potere sacro di vita.

Ora consideriamo come la visione tipica di "Dio" come maschile modella la nostra psicologia e la nostra società. Una delle madri della teologia femminista, Mary Daly, ha riassunto bene questo quando ha notato (sto parafrasando qui) che se "Dio" nel "suo" paradiso è un padre-re che governa il "suo" popolo, allora è naturale perché la società preveda che l'autorità e il potere risiedano primariamente negli uomini, ed è naturale per le donne interiorizzare un senso della propria inferiorità spirituale (vedi Daly's Beyond God the Father). Le immagini sacre rafforzano i modelli, le norme e le aspettative sociali, che sono allo stesso tempo interiorizzati nella mente e nel cuore degli individui. Quindi un'immagine maschile di "Dio" afferma implicitamente l'autorità maschile nella società e nella psiche individuale. Una donna potrebbe non essere consapevole della sua assunzione che "gli uomini sono più potenti" o che gli uomini sono "leader nati più naturali", in modo da influenzare la sua auto comprensione, compresa la sua esperienza del suo corpo. Se più donne hanno fiducia nella propria autorità spirituale e nel potere innato di fare la differenza nel mondo, forse non sarebbero così vulnerabili alla convinzione che il loro valore primario risiede nel loro aspetto fisico.

Un altro assunto convenzionale su "Dio" che supporta tranquillamente le relazioni problematiche delle donne con i loro corpi è l'idea che "Dio" è un essere totalmente trascendente e separato che risiede al di sopra del regno fisico dell'esistenza. Questa convenzione teologica individua il divino oltre la sfera degli esseri umani e della terra. "Lui" è un essere supremo e onnipotente che è categoricamente altro. Questa immagine di "Dio" rispecchia la visione cartesiana della "mente" come separata e dominante sul "corpo", e in un modo simile, suggerisce che i nostri corpi sono meno che spirituali (per dirla bene), o profani (per essere più schietto su di esso). Questo senso che i nostri corpi sono in qualche modo meno che sacri combustibili la convinzione che abbiamo bisogno di monitorarli costantemente e "ripararli". Ci toglie anche l'opportunità di sperimentare la forza vitale dei nostri corpi – il potere della vita che è al di là e dentro di noi e che ci anima e ci sostiene – come sacro. In che modo potremmo vedere e sperimentare il nostro corpo in modo diverso se li comprendiamo come imbevuti della vita divina?

Più di trenta anni fa, la femminista carol Christ ha sottolineato che le nostre menti aborriscono il vuoto quando si tratta di immagini sacre. Quando i simboli tradizionali cadono in disgrazia o sono considerati socialmente e psicologicamente dannosi, dobbiamo fare molta attenzione a sostituirli. Cristo stesso ha sostenuto l'immagine della "Dea" come mezzo per affermare l'autorità spirituale delle donne, i loro corpi mutevoli ei loro legami l'uno con l'altro (vedi "Perché le donne hanno bisogno della dea").

Mentre apprezzo molto queste intuizioni, dubito che ci sia solo un rimedio alla disfunzione teologica che ha tranquillamente contribuito all'immagine corporea delle donne e ai problemi alimentari. Ciò di cui abbiamo bisogno sono modi nuovi e diversi di pensare al divino. Dobbiamo anche riconoscere la rilevanza delle nostre immagini di Dio per come vediamo e sperimentiamo i nostri corpi. Domande su ciò che le nostre immagini ci insegnano sulla natura del potere, sulle relazioni di genere e sulla connessione / distinzione tra "corpo" e "spirito" sono al centro delle nostre conversazioni.

Per quelli di noi che hanno lottato o stanno lottando con l'immagine del corpo e i problemi alimentari, le nostre immagini della scuola domenicale di Dio – il vecchio nonno, con la barba bianca e il nonno in accappatoio e circondato da nuvole – non lo faranno più. Infatti, che crediamo o meno in "Dio", abbiamo bisogno di immagini sacre che affermino la nostra capacità di crescere e di guarire, di amare noi stessi e il nostro corpo a prescindere, e di fare il lavoro che dobbiamo fare per creare un mondo in cui tutti i corpi possono prosperare.

Solutions Collecting From Web of "Immagini di Dio e immagine corporea"