Illusione illusoria del libero arbitrio

mechanical mind

Questo saggio è stato scritto da Andrew Monroe, studente di dottorato presso la Brown University. Il suo lavoro focalizza le credenze delle persone sul libero arbitrio e l'effetto di queste credenze sul giudizio morale.

Le persone hanno il libero arbitrio? E se no, cosa significa questo per responsabilità morale e punizione? Queste sono domande che hanno entusiasmato il dibattito tra filosofi per migliaia di anni, e recentemente studiosi coinvolti nello studio della mente hanno iniziato a indagare anche su queste domande. Tuttavia, dal momento che la scienza ha approfondito la comprensione delle capacità alla base della scelta umana, alcuni psicologi e neuroscienziati hanno espresso il timore che il libero arbitrio, e ancora più importante il suo cugino stretto: la responsabilità morale, siano in pericolo.

Queste paure di solito sono disponibili in due varietà. Il primo si concentra su una preoccupazione proveniente dalle neuroscienze. Nello specifico, come ricerca svela di più sui meccanismi neurali alla base della scelta umana, le persone saranno costrette a scartare la loro fede nel libero arbitrio libertario e, per estensione, nel loro concetto di responsabilità morale. Oppure un altro modo di esprimerlo è questo: dicendo alle persone che le loro decisioni sono "determinate" dai loro neuroni e che non possono controllare direttamente i loro neuroni, gli scienziati danno alle persone carta bianca per fare ciò che vogliono.

La seconda preoccupazione riguarda l'incompatibilità ipotizzata tra il libero arbitrio e il nostro universo deterministico. Cioè, l'esistenza del libero arbitrio è in contrasto con le leggi fisiche dell'universo. Ciò, dato lo stato attuale dell'universo e le leggi della fisica, gli eventi possono trasparire in una (e solo una) via data agli eventi precedenti (cioè, non c'è capacità di fare altrimenti). Anche se può essere vero, il nostro universo è determinato – e probabilmente dovremmo sperare che lo sia – è molto dibattuto se questo escluda il libero arbitrio. Inoltre, anche se accettiamo che il determinismo elimina la possibilità del libero arbitrio, non è chiaro che minaccerebbe la responsabilità morale.

Mettendo da parte questa seconda preoccupazione, cosa dobbiamo temere dalle neuroscienze? La preoccupazione che la neuroscienza mina la fiducia delle persone nel libero arbitrio (e quindi nella responsabilità morale) si basa su un'assunzione precaria: vale a dire che la definizione di libero arbitrio delle persone è permeata da profonde assunzioni filosofiche (o persino magiche) contrarie a ciò che la scienza empirica ha dimostrato riguardo alla funzione del nostro universo e delle nostre menti. Tuttavia, mentre alcuni hanno allegramente deriso la gente che ha un concetto di libero arbitrio che è "insensato e non supportato da alcuna prova" (Cashmore, 2010, 4501), o come "una sorta di causalità mentale magica" (Greene & Cohen, 2004, p.1780) che "scaturisce da un luogo speciale non incallito" (Bayer, Ferguson, & Gollwitzer, 2003, 100), e che dipende da "una credenza nella magia dell'anima" (Cashmore, 2010). 4499), ci sono pochi dati fino ad oggi per supportare tali descrizioni beffarde.

Può essere considerato un lusso scientifico studiare ciò che la gente pensa del libero arbitrio. Ma non è solo un lusso. Più è in gioco qui. Non solo il concetto di libero arbitrio è preteso di essere obsoleto, ma anche la morale e la legge vengono messe in discussione. Senza una fede nel libero arbitrio, "non si merita alcun credito per qualcosa … né si dovrebbe incolpare gli altri" (Darwin, 1840, p.27). Allo stesso modo l'erosione del libero arbitrio mette a repentaglio il nostro sistema legale. "Il supporto intuitivo della legge è fondamentalmente basato su una nozione libertaria metafisicamente ambiziosa di libero arbitrio … Per mantenere qualsiasi livello di realtà, il sistema di giustizia criminale dovrà adattarsi di conseguenza" (Greene & Cohen, 2004, 1776). Ora, a quanto pare, affrontiamo un problema che riguarda non solo il significato di un termine, o di alcune interessanti scoperte scientifiche, ma invece affrontiamo un problema riguardante le basi morali e giuridiche della società.

Eppure, queste paure poggiano sull'accusa che la credenza popolare nel libero arbitrio sia corrotta da una metafisica disperata – a favore, dalla presunta dipendenza da un'anima dualista e da una causalità non convenzionale. Che cosa succede se, invece di una credenza metafisicamente carica, il concetto popolare di libero arbitrio è una distinzione sistematica e significativa nella cognizione sociale umana, con un piccolo bagaglio metafisico, compatibile con tutti i tipi di scoperte della natura? Prendi in considerazione, per un momento, le origini evolutive della psicologia popolare. Ogni volta che gli umani ancestrali cominciavano a pensare l'un l'altro come agenti che fanno delle scelte sulla base del pensiero e del ragionamento, i nostri antenati probabilmente non avevano idea di come (o dove) fossero avvenute ". La loro fiducia nell'intuito concettuale dell'agenzia intenzionale non dipende da una risposta a questa domanda how-and-where.

Oppure considera le origini evolutive della psicologia popolare. Quando i bambini umani iniziano a cogliere la logica del comportamento diretto agli obiettivi, quando iniziano a distinguere il comportamento intenzionale da quello involontario e quando iniziano a usare i verbi del desiderio e del credo nelle loro spiegazioni sul comportamento, probabilmente non hanno idea di come (o dove Questi stati mentali "si verificano". Il potere della psicologia popolare risiede proprio nella sua indipendenza dalla conoscenza specifica dell'implementazione. Questo margine consente agli uomini di applicare la psicologia popolare a gruppi, animali inferiori e anche a macchine, divinità e fantasmi.

Quindi, se la credenza popolare della gente nel libero arbitrio è parte di un sistema evoluto e sviluppato di psicologia popolare, non è più ovvio che implichi ipotesi sulle anime e sulla causalità magica. Invece emergono prove che le persone non possono sostenere forti credenze filosofiche sul libero arbitrio – definiscono il libero arbitrio in modo molto ordinario e discutibilmente pragmatico. Definiscono il libero arbitrio come la capacità di scegliere (non in senso filosoficamente forte) basato sui desideri e sull'essere liberi da costrizioni (cioè senza una pistola alla testa). Il concetto è funzionale, piuttosto che filosofico. Classifica e dà un senso all'azione umana e guida i giudizi morali e legali in un modo che, nel corso dell'evoluzione, ha favorito comunità sociali cooperative e di successo.

Non c'è dubbio che molte persone credano nelle anime e nella magia. Ma la domanda è se queste caratteristiche definiscono il concetto di libero arbitrio. Se lo fanno, e se il concetto del libero arbitrio soggiace a pratiche morali e legali, allora tali pratiche potrebbero essere davvero sospette. Tuttavia, se questo è il caso, non è chiaro che cosa possa "funzionare" un simile concetto: nella vita di tutti i giorni o per i nostri antenati umani. Ma se il concetto del libero arbitrio è privo di quelle caratteristiche fantastiche, allora le nostre pratiche morali e legali sono sicure almeno dalle sfide contro anime e magia.

Solutions Collecting From Web of "Illusione illusoria del libero arbitrio"