Illuminazione: una controversa esperienza psico-spirituale

Valentina Photos/Shutterstock
Fonte: foto di Valentina / Shutterstock

Illuminismo. La parola E. Lo stato di coscienza per cui tutti i ricercatori spirituali sperano. E tuttavia desiderare l'illuminazione è un'esperienza meravigliosamente paradossale: bramare lo stato di non-brama, cercare la mancanza di sforzo. C'è qualcosa di affascinante in questo conflitto tra il "volere" e il modo in cui annulla lo stato di illuminazione. Eppure l'illuminazione è realizzabile ed è molto più vicina a noi di quanto possiamo immaginare.

Per capire come potremmo realizzarlo, dobbiamo iniziare con una comprensione di ciò che è l'illuminazione. Il concetto di illuminazione spirituale è tra i concetti spirituali più frequentemente contemplati e spesso suscita polemiche. Un modo illuminato di essere rappresenta l'essenza della trascendenza spirituale. Significa vivere una vita in cui l'analisi della mente viene continuamente superata, eludendo ogni interferenza. Un'esistenza illuminata significa unità con esperienze, prive di qualsiasi dualità, in cui il sé è noto per essere un'illusione e la vita viene vissuta in modo completamente indipendente da essa.

A questo stato sono stati dati nomi diversi. Si riferisce, per esempio, allo stato di Nirvana, Coscienza d'Unità, Samadhi, Risveglio e Illuminazione. Qualunque sia il nome usato, ciò che importa è che è considerato come uno stato di libertà dalla tirannia della mente e dall'illusione del sé.

Ti ricordi di te stesso da bambino? Sei praticamente senza paura, intrinsecamente disposto a dire "sì" all'avventura della vita. A quel tempo avevi un'incredibile capacità di lasciar andare qualsiasi difficoltà, eri in grado di spostarti agevolmente da un'esperienza all'altra perché non ti identificavi mai con nessuno di loro. Spesso vediamo due bambini litigare come se fossero i peggiori nemici della terra, e un minuto dopo giocano insieme come se fossero i più grandi amici. Questo dimostra la capacità dei bambini di passare senza sforzo da un momento all'altro senza una risposta emotiva. Ogni momento è affrontato separatamente e completamente nel suo complesso. Questa è una meravigliosa manifestazione dello stato di illuminazione.

Siamo tutti nati illuminati; man mano che gli anni passano, continuiamo ad accumulare concetti autonomi, e lentamente ci allontaniamo da quell'innocenza primaria, dal profondo sentimento che la vita potrebbe essere tutto e niente. Con ogni minimo condizionamento, la nostra esperienza della vita, che originariamente abbracciava ciò che gli veniva incontro, lentamente si restringe per adattarsi ai limiti della nostra mente e del nostro sé. Per alcuni di noi questo può iniziare prima rispetto agli altri, e il tasso di accumulazione e condizionamento è individuale. Ma questo processo di apprendimento è inevitabile, e inevitabilmente ci allontaniamo dal nostro stato originale di illuminazione e entriamo in uno stato di illusione.

Dico che questo processo è ineludibile in quanto è veramente impossibile evitare questo condizionamento in giovane età. In molti modi, l'intero viaggio spirituale si basa su quell'apprendimento e condizionamento – perché ad un certo punto lungo la strada, inizi il processo di disimparare. Ciò può accadere in diversi punti della vita, in epoche diverse e per una serie di ragioni, ma il filo conduttore è la sensazione profonda che "Non sto vivendo i doni della vita in pieno". Questa è una sensazione fastidiosa che ti dice che hai perso quello che hai avuto da piccolo. Ti sei reso conto che la tua vita è stata incompleta. Qualcosa dentro di te ti sta invitando a ricordare la tua consapevolezza ea tornare a casa, a lasciar andare l'illusione e la finzione e a riguadagnare il tuo stato originale. Questo è quando inizia il viaggio del disimparare; il viaggio in cui ti spoglia degli strati in cui sei stato avvolto, come una cipolla, per rivelare, alla fine, il tuo vero sé, lo stato di illuminazione.

Questa idea è tremendamente difficile. Potresti pensare: "Niente? Io non sono niente? Come potrebbe essere? "Eppure ricorda che questo nulla è stato il fondamento della libertà durante l'infanzia. Allora, libero da definizioni e aspettative, hai vissuto la vita come un'avventura. Impegnandosi con la spiritualità, la meditazione e l'auto-consapevolezza, avrai iniziato il tuo processo di disimparare, che tu lo riconosca o no. E questo è il nostro cammino verso la libertà – questa è l'illuminazione.

Come si sente l'illuminazione?

In certi momenti sperimentate la trascendenza e intravedete la vita così com'è. Questi momenti si verificano quando, per qualche ragione, c'è una pausa nell'attività in corso della tua mente. Quando questa attività si ferma, per un breve momento sperimenterai qualcosa di completamente diverso. Ciò potrebbe verificarsi in varie circostanze: meditazione profonda, shock estremo, orgasmo, influenza di una droga o un fenomeno naturale incredibilmente bello. Tutti questi momenti hanno una cosa in comune: bloccano l'attività della mente, premono per un po 'il pulsante "pausa".

Agsandrew/Shutterstock
Fonte: Agsandrew / Shutterstock

Cosa senti quando succede? Immagina che al di sotto del commento infinito della mente, al di sotto di tutti gli strati dell'Ego Formed Self, scorra una corrente sotterranea. Questa corrente sotterranea è piena di sentimenti di amore incondizionato, pace, compassione e gioia. E questa sottocorrente ti chiama costantemente, con ogni respiro che fai. Sta vibrando dentro di te, perché è chi sei veramente. È una chiamata interiore a tornare a casa, al punto in cui hai iniziato e dove finirai.

Il tuo Sé Ego Formato e i suoi concetti dell'Io formano uno spesso strato che rende molto difficile per te sperimentare quella corrente sotterranea in circostanze normali. Per rompere lo spesso strato della mente e immergerti in queste acque hai effettivamente bisogno di quei rari momenti. Ti sei mai trovato pieno di amore, di gioia o di pace così immenso da non riuscire quasi a contenerlo? Quello era un momento di connessione alla fonte, alla corrente sotterranea, al tuo Sé Autentico; un momento di illuminazione. E la bellezza di ciò è che potrebbe accadere improvvisamente e inaspettatamente. Potresti stare in cima a una montagna, guardare l'orizzonte o stare in piedi sulla spiaggia a guardare le onde, e all'improvviso qualcosa scatta; smetti di pensare e vieni in contatto con il tuo Sé Autentico. Diventi uno con questa incredibile, profonda, accettazione e gioia, sapendo in profondità che tutto va perfettamente bene, è sempre stato e sarà sempre.

Dopo alcuni battiti del cuore, il rumore mentale che ha ceduto per un momento riprende il controllo della tua consapevolezza e strappa la tua consapevolezza dalla connessione alla corrente sotterranea.

L'illuminazione è impermanente

Uno dei miti intorno all'illuminazione è che è un'esperienza duratura che non cambia mai. In realtà, la nostra consapevolezza fluttua; è impermanente come qualsiasi altra cosa. Nota che l'esperienza dell'illuminazione come modo di essere non cambia; è sempre lì, in attesa della tua consapevolezza. Mentre pratichi la meditazione e continui a crescere, la tua consapevolezza si estenderà e diventerà più coerente, ma continuerà a fluttuare. Ciò significa che anche la tua connessione con lo spazio illuminato, il Sé Autentico, sarà soggetta a cambiamenti.

Durante i miei anni di viaggi e di pratica spirituale ho incontrato molte persone che hanno sperimentato l'illuminazione in misura diversa. Alcuni degli insegnanti spirituali che ho incontrato potrebbero persino mantenere questa connessione per lunghi periodi di tempo. Eppure, non ho mai incontrato individui che hanno sperimentato uno stato costante, infinito, illuminato, in cui l'analisi della mente non interferisce mai in nessun punto. Siamo umani; non è un caso che siamo nati nelle sfide di un corpo e di una mente. Se fossimo stati concepiti per essere puri spiriti o entità di energia, saremmo sicuramente stati incarnati in modo diverso, e non saremmo continuamente messi alla prova dalla nostra mente e dal nostro corpo.

Tutti noi contendiamo le difficoltà insite in noi: rabbia, frustrazione, gelosia, dolore, a volte anche la gioia porta disagio. La spiritualità non risolve queste difficoltà. Frequentemente, il viaggio spirituale ti porterà ancora più in profondità in questi sentimenti di disagio. Questo è il significato di essere umano. Nel tuo cammino verso l'illuminazione dovrai impegnarti in queste esperienze. Queste sfide, che alcuni potrebbero vedere come limitazioni, sono la ragione per cui siamo qui.

Le nostre vite ruotano attorno all'apprendimento per vivere, accettare e relazionarsi a tutto ciò che siamo, compresi quelli che percepiamo come i nostri limiti personali. Non siamo qui per essere perfetti (qualunque cosa significhi per te); siamo qui per affrontare quelle che definiamo come nostre imperfezioni e toccare brevemente la corrente sotterranea illuminata mentre ci trasformiamo. Questa trasformazione non può essere etichettata. Quando proviamo ad etichettarlo, cadiamo nella trappola delle aspettative e dei concetti dell'Io. Se fai dell'illuminazione il tuo punto di riferimento, la frustrazione sarà il tuo compagno costante. Lascia andare la ricerca di quell'illuminazione e sentirai grande sollievo e libertà. È la celebrazione della tua liberazione dai concetti e dalle aspettative dell'ego.

Osservo spesso che i ricercatori spirituali diventano profondamente frustrati perché non sono illuminati dopo molti anni di duro lavoro. Non sono in grado di riconoscere quanto sono intrappolati nei propri bisogni e concetti. Immagina lo spazio illuminato come un segnale stradale che indica che sei entrato in contatto con il tuo Sé Autentico e che hai avuto la fortuna di dare un'occhiata all'esperienza di esso. Non importa se ti ricolleghi ad esso in un momento o in un'altra vita. Tutto quello che puoi fare è continuare il tuo lavoro spirituale qui e ora. E più questo lavoro è libero dalle aspettative per l'illuminazione, più semplice lo troverai per trasformare e crescere.

Caro umano

Caro umano: hai sbagliato tutto. Non sei venuto qui per dominare l'amore incondizionato. È da dove vieni e dove tornerai. Sei venuto qui per imparare l'amore personale. Amore universale Amore disordinato Amore sudato Amore pazzo. Amore spezzato Tutto l'amore Infuso di divinità. Visse attraverso la grazia di inciampare. Dimostrato attraverso la bellezza di … incasinare. Spesso. Non sei venuto qui per essere perfetto. Sei già. Sei venuto qui per essere meravigliosamente umano. Difetto e favoloso. E poi risorgere nel ricordare. Ma amore incondizionato? Smettila di raccontare quella storia. L'amore, in verità, non ha bisogno di NESSUN altro aggettivo. Non richiede modificatori. Non richiede la condizione di perfezione. Ti chiede solo di presentarti. E fai del tuo meglio. Che rimani presente e ti senti pienamente. Che tu brilli e voli e ridi e piangi e ferisca e guarisca e cadi e ti rialzi, suoni e lavori, vivi e muori come TE. È abbastanza. È un sacco. ~ Courtney A. Walsh

Il dott. Itai Ivtzan è uno psicologo; Il suo lavoro si concentra sulla consapevolezza, sulla spiritualità e sulla psicologia positiva. Puoi trovare i suoi laboratori, libri e lavori scientifici sul suo sito Web: www.AwarenessisFreedom.com

La sua formazione di insegnante di meditazione online offre una discussione approfondita e pratica di meditazione e consapevolezza, che consente di completare una certificazione di meditazione di consapevolezza

Solutions Collecting From Web of "Illuminazione: una controversa esperienza psico-spirituale"