Il vero valore del college: ci vuole una squadra (in una stanza)?

Di Chester Spell e Katerina Bezrukova

Il college non è quello che è abituato a essere. Completando una laurea, tradizionalmente considerata come un segno che il tuo biglietto è punzonato per l'ingresso nella grande classe media americana, ora è considerato più essenziale per la sopravvivenza economica. Tuttavia, mentre molti più giovani chiedono a gran voce di ottenere un diploma universitario, problemi di budget che si diffondono come una piaga finanziaria nella maggior parte degli stati significano meno slot per gli studenti (la California, ad esempio, potrebbe ancora ridimensionare le capacità entro la fine dell'anno e arruolare più fuori-stato studenti) e lezioni più alte per gli studenti che ottengono un posto agognato. Come soluzione basata sull'economia, i college guardano sempre più all'espansione delle offerte online. Certo, alcune scuole, specialmente quelle a scopo di lucro come l'Università di Phoenix, sono state nel modello di educazione online da anni. Ma più recentemente, alcune delle scuole più d'élite, come il MIT e Stanford, hanno iniziato a offrire corsi online gratuitamente, o persino a rilasciare certificati per completare corsi online che costano una piccola parte di ciò che sarebbe necessario per ottenere una laurea nel campus.

A spingere questa tendenza è la nuova società di apprendimento online, Coursera, lanciata lo scorso aprile da due scienziati informatici di Stanford. Coursera, come pubblicizzato, è ben lungi dal consentire semplicemente a qualcuno di guardare un libro di testo online o guardare video di professori; fornisce compiti a casa, quiz frequenti che vengono valutati (in alcuni casi da altri studenti) e alla fine si traduce in un certificato per il completamento. Forse l'aspetto più significativo di Coursera sono le università con cui ha collaborato: Princeton, Stanford, l'Università del Michigan e l'Università della Pennsylvania – considerate tra la stratosfera dell'istruzione superiore americana.

Tuttavia, questi sviluppi sollevano alcune domande interessanti non solo sul reale valore dell'istruzione online e sulla sua diffusione, ma anche sulle implicazioni più fondamentali del college "frequentante" – l'atto di riunirsi fisicamente con studenti e professori in una classe. Mentre i fondatori di Coursera (e altri nel settore online) sostengono che l'apprendimento è in qualche modo migliorato nel modello online (classificare il lavoro di altri studenti è in realtà un modo per migliorare l'apprendimento secondo uno), non ci sono rapporti, ad oggi, di Studenti di Stanford che rinunciano ai loro posti e risparmiano un sacco di soldi per iscriversi a Coursera. Questo può accadere alla fine, ma sembra improbabile. Inoltre, sembra chiaro che alcuni argomenti possono essere meglio insegnati in un sistema faccia a faccia – per esempio, scienze di laboratorio come la fisica e la chimica o quelle in cui la discussione personale è la chiave. Ma se la consegna del contenuto della maggior parte dei corsi viene effettuata in modo altrettanto efficace nella modalità online come nella tradizionale classe, perché allora gli studenti, specialmente nelle università private, hanno pagato 40.000 dollari o più all'anno per incontrarsi in una stanza?

A questo si potrebbe dire qualcosa del tipo: "È ovvio: sviluppare un social network informale e connessioni per future opportunità di carriera." In questo caso, il futuro potrebbe vedere una "gerarchia" educativa in cui le università d'élite continuano a offrire piccole classi in cui le persone interagiscono faccia a faccia, incontrare i loro amici a vita, o anche i futuri coniugi. Pensa a Bill e Hillary Clinton, Mark Zuckerberg e sua moglie Priscilla Chan, e a molte altre coppie il cui destino non sarebbe possibile se non fosse per un'interazione nasale nelle università. Incontrare il proprio compagno di college è per molti aspetti importante quanto lo sviluppo di reti a vita per le opportunità di carriera, e in quanto le università diventano una sorta di strumento per mantenere la classe sociale.

Mentre è ovvio che l'istruzione online non riesce a raggiungere tutti questi obiettivi di rete, consente a gruppi sociali più ampi di accedere a componenti educative legate ai contenuti. Inoltre, può preparare futuri manager e lavoratori a imparare a pensare in modo critico ea pensare come un gruppo in un ambiente virtuale (che è fondamentale nel mondo odierno di progetti e industria su scala mondiale). È probabile che ci sia qualcosa di diverso nell'ambiente virtuale rispetto all'interazione faccia a faccia che la tecnologia non può replicare, come potrebbero fare gli imprenditori della formazione online per fornire un contesto ricco. Ma ricorda, numerose aziende hanno anche utilizzato team virtuali per prendere decisioni e organizzare incontri tra lavoratori in luoghi distanti da decenni. Quindi, in qualche modo, l'esperienza di formazione online può dare agli studenti un'anteprima di come è lavorare in team di lavoro virtuali che sono diventati parte integrante di molti ambienti aziendali. In effetti, la ricerca sui team virtuali ha identificato problemi primari, secondo Wayne Cascio e altri studiosi di management, come la costruzione di problemi di fiducia e coordinamento: questa ricerca sembra possa essere applicata per migliorare l'esperienza di apprendimento online.

Ma il vero punto rimane – quali sono le implicazioni di un futuro a due livelli del mondo accademico in cui più studenti imparano virtualmente (un corso recente di intelligenza artificiale offerto da Stanford e Google ha attratto 160,00 studenti) con un numero relativamente basso di residenti nei campus? Forse il vero valore dell'educazione faccia a faccia si trova nel vecchio detto che alcune delle migliori idee nascono durante le conversazioni di corridoio e acqua fredda. Quell'opportunità è mancata nei team virtuali. Anche se è impossibile dire come le cose diverse potrebbero essersi rivelate a Facebook se Zuckerberg avesse frequentato Harvard online invece che di persona, fa riflettere su ciò che gli studenti universitari ottengono davvero per il dollaro – e perché così tanti continueranno senza dubbio a pagare per it (quelli che possono) in futuro.

Solutions Collecting From Web of "Il vero valore del college: ci vuole una squadra (in una stanza)?"