Il vero genio del genio non è il genio

Il genio di solito non mi interessa o mi impressiona. Il mio lavoro in psicologia delle prestazioni mi ha spesso esposto a bambini prodigio e a vari altri geni nel mondo accademico, nello sport e nelle arti dello spettacolo, quindi forse sono diventato abituato all'esperienza di persone nate con talenti speciali.

Inoltre, penso che il genio sia spesso sopravvalutato. Ho conosciuto persone che hanno raggiunto livelli straordinari nonostante sembrino abbastanza normali. Ovviamente avevano qualcosa di speciale, ma non era una propensione innata verso la grandezza nella loro area scelta.

Ho anche incontrato un genio incompiuto, persone che hanno avuto grandi doni, ma non sono riuscito a realizzare appieno questi doni. Perché? Alcuni non sapevano di avere un talento eccezionale in tempo per svilupparlo pienamente perché non erano esposti alla zona in cui il loro genio giaceva fino a tarda età.

Gli altri non sono mai stati realmente connessi con il loro dono, quindi non avevano alcun senso di appartenenza. Questo è un problema con il genio; i geni spesso sentono che non è veramente loro perché non hanno fatto nulla per ottenerlo. Senza questa proprietà, spesso non c'è passione per il genio e c'è poco interesse o incentivo a trarre vantaggio dal genio.

Altri ancora hanno scoperto che il genio era più una croce da sopportare che un dono. Per esempio, causava loro l'ostracismo sociale da parte dei loro pari o dei loro genitori trasformando il genio in "catene pesate" di aspettativa in cui nulla era mai abbastanza buono. E hanno speso le loro vite cercando di esorcizzare il genio dalle loro anime.

Inoltre non mi piace parlare di genio perché non hanno guadagnato i loro doni. Sono stati fortunati e hanno vinto la lotteria genetica; buono per loro. I Genius iniziano in prima linea all'inizio della loro vita, dando loro un grande vantaggio su di noi mortali meno fortunati. Ma, come dice il proverbio, "la vita è una maratona, non uno sprint", e dove inizi non dice sempre dire molto su dove finisci.

Preferisco concentrarmi sugli aspetti del loro genio su cui hanno il controllo. Possiedono gli altri attributi, come passione, disciplina, concentrazione e gioia, necessari per vedere che il dono genetico raggiunge la piena fruizione? E siamo realisti, i geni sono già avanti nel gioco, quindi, anche se non realizzano pienamente il loro dono, probabilmente andranno bene nella vita.

E sono ancora più interessato ai benefici esistenziali di quel genio, vale a dire, se e come usano il loro dono per arricchire la propria vita e la vita degli altri. È qui che entra in gioco Derek Paravicini e il mio vero apprezzamento per il genio sta nel fatto.

Nato tre mesi e mezzo prematuro, Derek era dietro la palla otto dal primo giorno della sua vita. Ha perso la vista poco dopo la nascita e, come i suoi genitori hanno appreso in seguito, era anche gravemente autistico. Le sue possibilità di "farcela" nella vita erano un'improbabilità statistica. Tuttavia, Derek ha dimostrato un talento iniziale per il pianoforte ed è diventato un pianista di fama mondiale.

È qui che il genio diventa interessante. Quello che mi affascina di Derek non è che sia nato con questo talento speciale per suonare il piano. Invece, c'era qualcosa – era anche genetico o gli era stato comunicato dai suoi genitori? – che lo spingeva a possedere il suo dono ea dedicarsi a svilupparlo fino alla sua straordinaria conclusione. In tal modo, Derek ha trovato significato, soddisfazione e gioia in una vita che, all'inizio, si dirigeva verso una vita al contrario.

Inoltre, le persone autistiche hanno notevoli difficoltà a connettersi con gli altri perché non hanno la capacità di esprimere le proprie emozioni normalmente o leggere le emozioni negli altri. Eppure, Derek usava la sua musica per esprimere le proprie emozioni e suscitare emozioni, tale piacere, meraviglia e speranza, da altre persone. In tal modo, ha sviluppato relazioni con altri che poche persone cosiddette normali potrebbero uguagliare.

Direi che l'esperienza della vita di Derek, sebbene apparentemente molto diversa da noi gente normale, differisce davvero come una questione di grado, non di gentilezza. Quindi, cosa possono quelli di noi che si trovano più vicini al centro di quel continuum di esperienza? Voglio dire che entrambi positivamente (molti di noi non hanno le sue sfide) e negativamente (molti di noi non hanno i suoi doni) -imparare da Derek?

Beh, non importa quali sfide abbiamo (ne abbiamo alcune a vari livelli) o quali doni abbiamo (e tutti ne abbiamo anche alcuni). Ciò che conta è ciò che scegliamo di fare con loro. Possiamo arrenderci alle nostre sfide e, così facendo, alla vita stessa. Oppure possiamo affrontare queste sfide, accettarle e fare del nostro meglio per superarle.

Possiamo anche ignorare o rifiutare il nostro genio personale e, nel farlo, perdere la potenziale ricchezza della nostra vita. Oppure, possiamo riconoscere e abbracciare i nostri doni personali, per quanto banali o straordinari possano essere, e perseguire il loro adempimento con gusto. Da quel processo – non i regali stessi – noi, come Derek, troveremo significato, soddisfazione, gioia e connessione nella vita. Questo, credo, è il vero genio di Derek ed è un genio che tutti possediamo.

Solutions Collecting From Web of "Il vero genio del genio non è il genio"