Il valore della relazione terapeutica – Prima parte

 iStock
Fonte: foto: iStock

Ho sempre considerato la terapia un "dono" e la decisione di lavorare con un terapista come un segno proattivo di auto-compassione e coraggio, nonché una dichiarazione salutare sul desiderio di imparare, crescere e guarire. Tuttavia, per innumerevoli persone l'idea di cercare la terapia e l'apertura su emozioni dolorose, pensieri o comportamenti intimi o basati sulla vergogna è troppo scoraggiante e, tristemente, impedisce loro di ottenere la guida e il supporto che meritano. Se tu o qualcuno che conosci si sente ambivalente nell'iniziare la terapia, ecco alcuni motivi per cui un terapeuta e una terapia possono essere così utili.

Il supporto al di fuori interrompe il ciclo di gestione del dolore da solo .
Uno dei motivi per cui potresti essere refrattario al supporto esterno è perché sei così abituato a gestire da solo i tuoi sentimenti e le tue esperienze opprimenti. Non ti verrà in mente di chiedere aiuto se sei cresciuto sentendosi solo o "invisibile", trascurato dai tutori, o hai avuto genitori che sono stati sopraffatti, distratti o non disponibili. Quando i bisogni ei sentimenti sono scontati, ridicolizzati o ignorati, è logico che il modello per la vita sia non sicuro chiedere aiuto e le difficoltà devono essere gestite "da soli". Pertanto, la ricerca della terapia può sembrare innaturale perché mette in discussione la tua convinzione di base sulla futilità di raggiungere. Trovare il coraggio di lasciare che una persona sicura ti sostenga e ti guidi nel tuo percorso di guarigione è un modo per liberarti da un potente ciclo di abbandono. E una volta che hai sperimentato il conforto di essere aiutato da un terapista esperto e sicuro, sarai in grado di aprire il tuo cuore all'amore e al sostegno di altre persone sicure nella tua vita.

La terapia ti aiuta a vedere te stesso e la tua situazione da una prospettiva diversa.
L'espressione "non puoi vedere la foresta per gli alberi" si applica a tutti coloro che superano pensieri e sentimenti negativi. Un terapeuta è in grado di "stare indietro" da quei pensieri e sentimenti fornendo una presa più obiettiva, chiara e spesso più precisa sulla situazione e sui progressi. Puoi tendere a minimizzare i tuoi risultati come non importanti ed esagerare la serietà dei tuoi errori. Questo è comune nelle persone che soffrono di depressione, ansia o hanno una storia di dolore irrisolto. Oppure potresti avere persone nella tua vita che non hanno celebrato le tue realizzazioni e hanno gonfiato i tuoi passi falsi. A volte, non possiamo vedere noi stessi nello stesso modo in cui ci vedono gli altri a causa di problemi di autostima. Potresti aver ricevuto il messaggio che è "egoista ed egoista" pensare bene a te stesso, rendendo impossibile per te accettare complimenti accurati sulle tue abilità. Con questi messaggi dannosi, vedere il bicchiere come "mezzo vuoto" diventa una risposta automatica. Ma le risposte automatiche sono spesso radicate nel passato e non riflettono in modo accurato le situazioni attuali. Un terapeuta onesto e obiettivo può aiutarti a risolvere i tuoi presupposti automatici, separando il passato dal presente. Lui o lei può aiutarti a guardare la tua esperienza da una diversa angolazione, a riformulare il modo in cui pensi a una situazione attuale, a misurare i tuoi progressi oa assegnare ingiustamente la colpa.

Ottenere supporto esterno interrompe il ciclo di segretezza e vergogna.
Se sei alle prese con problemi che ti imbarazzano o ti fanno vergognare, è comprensibile che tu abbia cercato di tenere nascosti questi problemi da chiunque altro nella tua vita. Ciò si traduce spesso nel dover inventare e tenere traccia delle complicate bugie, e mentire aggiunge solo un altro livello di colpa. Mantenere segreti aggiunge carburante alla convinzione che ci sia qualcosa di "sbagliato" con te o "cattivo" su di te. Le tue bugie possono farti sentire disonesto e falso e questo può ulteriormente compromettere l'autostima. La continua paura di essere "catturati" o "scoperti" può aumentare la tua ansia. Lavorare con un terapeuta è un modo per infrangere la segretezza e ridurre i sentimenti di menzogna e colpevolezza. Ha senso se senti il ​​bisogno di mentire e mantenere segreti, specialmente se quei comportamenti sono stati modellati e rinforzati in una famiglia disfunzionale. Ai bambini viene insegnato a mantenere segreti o mentire sull'abuso sessuale, la violenza domestica, la dipendenza e qualsiasi altro argomento di cui non si parli apertamente all'interno di una famiglia. Mantenere i segreti diventa un modo per far fronte e sopravvivere ed è "normalizzato" nelle famiglie in cui gli adulti non si assumono la responsabilità delle loro azioni, o non vogliono occuparsi di ciò che sta realmente accadendo.

La terapia ti dà la "cheerleader" che meriti.
Questa è un'idea che potrebbe essere difficile per te credere o riguardare quando pensi a ciò che effettivamente meriti. È possibile che tu non abbia avuto troppe "cheerleaders" nella tua vita. Tuttavia, tutti hanno bisogno di sostegno e incoraggiamento senza vincoli, specialmente quando è difficile evocare sentimenti di ottimismo o speranza. Ripetute esperienze negative, spaventose o dolorose possono rendere più difficile credere in te stesso o credere che le cose possano effettivamente migliorare. Un terapista di supporto e non giudicante può mantenere un livello di speranza per te finché non sei in grado di provarlo per te stesso e di crederlo! Un buon terapeuta è anche in grado di indicare i tuoi progressi, compresi i piccoli passi. Anche quando questo feedback positivo si sente a disagio, è importante provare qualcuno che ti elogia e che si senta orgoglioso della tua crescita. Alla fine, sarai in grado di contenere questi messaggi positivi e imparare come essere la tua migliore cheerleader.

Quali ragioni potresti suggerire a un cliente di sviluppare una relazione terapeutica per se stesso?

Nella prossima puntata di questa serie, continueremo a esplorare il valore della terapia e la relazione terapeutica.

Solutions Collecting From Web of "Il valore della relazione terapeutica – Prima parte"