Il tuo stile di apprendimento è paranoico?

In un supermercato l'altro giorno ho notato una giovane donna attraente e poi, con uno shock, la sua mano destra. Con un misto di fascino e ansia, vidi che la mano era un moncone con un pollice e, dove avrebbe dovuto essere il suo mignolo, un dito medio che si contrapponeva al pollice come una tenaglia.

Intellettualmente non ero affatto sorpreso: i difetti alla nascita si verificano sempre. Ogni gravidanza è una favolosa tempesta di informazioni genetiche che modellano il feto in crescita. Non sorprendentemente, i messaggi occasionalmente vengono recapitati, modificati o criptati. Tale variabilità rende possibile l'evoluzione. In ogni famiglia di cuccioli o bambini, gli individui hanno un diverso mix di tratti. Ricordate il famoso etologo russo che accoppiasse gli individui più simpatici di diverse cucciolate di volpi siberiane e alla fine produsse due diversi animali: la solita volpe feroce e nuove volpi addomesticate come un cagnolino, con tratti fisici e comportamentali giovanili (neotenici).

Alcune variazioni genetiche risultano essere adattive, alcune paralizzanti o addirittura fatali: alcune più o meno irrilevanti. Ciò che mi sorprese al supermercato fu il fascino e la fitta di ansia che provai alla vista della strana mano della giovane donna. A meno che non volesse essere una pianista, la mutazione non rappresentava un serio ostacolo a una vita efficace. Eppure la sua stranezza aveva una qualità misteriosa, e potevo capire perché la donna tenesse la mano per caso coperta da estranei.

Cosa sta succedendo qui?

Siamo creature psicosomatiche. Generiamo la nostra concezione della realtà combinando il feedback dei nostri corpi, genitori e culture. Nell'apprendere regole e fatti particolari (la stufa è calda, non toccarla) stiamo anche sviluppando categorie che ci consentono di giudicare cose nuove mettendole in relazione con ciò che è già familiare (caldo, freddo, piacere, dolore, ecc.). Nella saggezza del gergo impariamo "assorbendo" o respingendo nuove anomalie che non si adattano a ciò che già sappiamo. Più puoi assorbire, più ampia diciamo la tua conoscenza del mondo, la tua esperienza.

Nel frattempo, al supermercato, sono rimasto perplesso dal fascino e dall'ansia che la strana mano mi ha suscitato. Il fascino è una risposta di emergenza a qualcosa di inaspettatamente nuovo. Di fronte a un'anomalia potenzialmente buona o pericolosa, il fascino focalizza e concentra la tua attenzione.

Le persone attraenti promettono più vita. Le "stelle" del cinema o i "costruttori" del corpo pompati invitano il transfert dell'eroe-culto. Sembrano più o meno come gli altri umani, ma le loro eccezionali caratteristiche hanno la qualità dei feticci. Come il denaro, i simboli religiosi o la bandiera, la loro bellezza o forza hanno un potere con cui ci identifichiamo.

Alla radice, il potere che immaginiamo in anomalie positive sembra offrire più vita, e più vita significa meno insicurezza, meno pericolo, meno morte. I giovani attraenti segnalano la fertilità, una lunga vita davanti a loro. Idealizzandoli, possiamo attribuire loro ogni sorta di talento e virtù. In un supermercato questo è particolarmente pronunciato. Il negozio è un tempio dell'immortalità simbolica. Osservi tagli di sangue rosso sangue, dolci divertenti e confezioni vivaci. Tutto è "king size" o "super". Mr Clean pulirà via lo sporco, la malattia e la morte. Nel colore ansimante, il portariviste presenta acconciature "fuori dal mondo" e auto invincibili. Nei congelatori il cibo è imperituro, e in farmacia la vita può essere salvata dalla decomposizione.

In un mondo così fantastico, un difetto alla nascita è stridente. Dal momento che siamo animali incolti e vulnerabili, con i radar che scansionano sempre l'orizzonte alla ricerca di minacce, siamo pronti a provare – ciao – ansia.

Le anomalie mostrano che il mondo è più grande e più strano della "nostra" realtà. Persino le anomalie che promettono più vita ci scuotono, ma in questo caso interpretiamo la nostra risposta come positivo "prodigio" o come dicono i bambini, "fantastico". Al contrario, le anomalie che minacciano di limitare o compromettere la vita ci ricordano che i nostri corpi sono fragili e impermanente. Suscitano associazioni con ferite, inutilità e morte. E tale risposta è particolarmente fastidiosa perché spesso è una risposta istintiva, non un giudizio consapevole che ci permette di sentirci intelligenti e magistrali.

Come ci ricorda Michael Polanyi, non importa a Freud, la maggior parte delle volte non sappiamo perché reagiamo come facciamo noi. Una faccia strana può sembrarti attraente o repellente. Riconosce il nuovo volto come una gestalt: non analizzi labbra, mento, occhi e altre caratteristiche per assemblare il tuo concetto. Come la misteriosa risposta a un indovinello, il viso scatta in consapevolezza, spesso facendo un'impressione positiva o negativa. Hai involontariamente elaborato le informazioni prima di trovare un resoconto cosciente del volto. Tu sai più di quello che puoi dire.

Ma non è tutto. La reazione istintiva a un'anomalia è solitamente caratterizzata da un'aggressione morale. "Combatti" un "brutto raffreddore"; le variazioni genetiche sono "difetti" o "anomalie" alla nascita. La paura è che altrimenti l'anomalia si contaminerà o infetterà. Nella saggezza del gergo, ciò che sorprende minaccia di "spaventarti". Gran parte del tempo un'anomalia può essere innocua o addirittura benefica, ma come nella paranoia, riteniamo che abbia una qualità minacciosa. Se giudichi male un'anomalia, potresti usarla come capro espiatorio, biasimandola per difetti che si trovano in realtà altrove. È facile fare da capro espiatorio agli immigrati e ad altre razze, ad esempio, esagerando le differenze superficiali. L'autodifesa a livello di budella può trasformarli in anomalie. La tua ostilità potrebbe essere a malapena cosciente, ma aumenta la chimica di emergenza del sistema nervoso e la giusta autostima.

È utile vedere che le associazioni negative, anche malvagie che attribuiamo ad alcune anomalie sono delusioni. Sono radicati nei nostri sistemi nervosi e le false categorie culturali ci hanno insegnato. Le nostre reazioni sono prevenute, basate non sulle prove ma sui limiti nel modo in cui siamo costruiti. In un esperimento classico le scimmie si sono fatte prendere dal panico quando hanno mostrato la testa mozzata di una scimmia. La nocciolina mozzata era in realtà innocua, ma i soggetti delle scimmie non stavano valutando le prove, il loro shock era istintivo. Hanno reagito quando tu ed io abbiamo reagito quando i terroristi hanno decapitato un prigioniero umano.

Civilizzazione significa accordo di vita che consente agli estranei di vivere insieme. E la verità imbarazzante è che le altre persone sono sempre anomale. L'immaginazione civilizzata deve continuare ad abituarsi alle anomalie. Un modo è pensarli come variazioni o eccezioni piuttosto che come difetti o come una nuova apertura da esplorare. In definitiva, la tolleranza deriva dal riconoscere che, sebbene spesso ci aggrappiamo a categorie care come la coperta di sicurezza di un bambino, la realtà è una variazione di movimento, non una roccia levigata.

Il pregiudizio non riguarda solo il razzismo o l'odiare i broccoli. È quello che succede quando la tua reazione istintiva alla stranezza di essere vivi comincia a farsi prendere dal panico. Pensa al comune raffreddore che ti riempie la testa di disidrati ammuffiti e versa sabbia nella trachea e nei polmoni. Ciò che causa questa sofferenza non è il virus freddo – l'anomalia – ma la reazione eccessiva del tuo sistema immunitario.

Fortunatamente siamo animali singolarmente adattabili. Possiamo giocare, sperimentare e insegnarci l'un l'altro cosa è bene per te e cosa ti dà veleno edera. Possiamo condividere la nostra curiosità e le nostre scoperte, che tu e io stiamo facendo in questo momento. Sì, alcune anomalie sono davvero difficili da abituare, come il tipo di asteroide canaglia che ha reso i dinosauri in ritardo per la colazione. Più vicino a casa sono le sorprese che incontri nel tuo emporio dell'immortalità locale, tra Mr Clean e l'apriscatole con la garanzia a vita: una sorpresa che ti aiuta a chiederci chi siamo.

* * *

Risorse utilizzate in questo saggio:

Michael Polanyi: The Tacit Dimension

Ernest Becker: Fuga dal Male

*****************************************

used with permission
Fonte: Helena Farrell per Tacit Muse: usata con permesso

In gergo parliamo di sfogliare, scatenare, perdere, ecc. L'abbandono di Berserk è terrificante ma anche allettante, poiché promette l'accesso a risorse straordinarie rovesciando le inibizioni. Lo stile Berserk ha plasmato molte aree della cultura americana contemporanea, dalla guerra e dagli affari alla politica, allo sport e alla vita intima. Concentrandosi sull'America del dopo-Vietnam e utilizzando le prospettive della psicologia, dell'antropologia e della fisiologia, Farrell dimostra la necessità di disfare le confusioni nella lingua e nella fantasia culturale che guidano il fascino della nazione verso uno stile bizzarro.

<< Questo libro mi stupisce con la sua audacia, la sua chiarezza e la sua portata. Di solito pensiamo ai comportamenti "berserk" – dagli omicidi apocalittici di furia alle esecuzioni estatiche come Burning Man – come estremi di esperienza, al di fuori delle vite ordinarie. in termini affascinanti, Farrell mostra come la cultura contemporanea abbia riformulato molte varietà di abbandoni in strategie autocoscienti di controllo e senso.

L'abbandono è diventato un obiettivo comune per organizzare l'esperienza moderna e una risorsa spesso problematica per mobilitare e razionalizzare l'azione culturale e politica. Questa analisi storica ci illumina e ci dà potere. >>

-Les Gasser, professore di informatica e informatica, U. dell'Illinois, Urbana-Champaigne.

Solutions Collecting From Web of "Il tuo stile di apprendimento è paranoico?"