Il tuo punto G non è nella tua testa

"Non cerco, trovo", ha detto una volta il pittore Pablo Picasso in un altro contesto. Nel contesto di questo articolo – il misterioso punto G – molti possono dire il contrario: "Cerco, ma non trovo". Da quando il ginecologo tedesco Ernst Grafenberg ha riferito per la prima volta, "una zona erotica … sulla parete anteriore della vagina lungo il corso dell'uretra "che può essere stimolata a produrre potenti orgasmi, dozzine di studi scientifici e innumerevoli amanti curiosi, hanno tentato di verificare la sua esistenza e discernere i suoi segreti.

L'articolo originale di Grafenberg del 1950 (stava scrivendo a New York, dove aveva viaggiato per sfuggire ai nazisti) si occupava in parte delle scoperte – ancora vere oggi – che la maggior parte delle donne non raggiunge l'orgasmo dal solo rapporto sessuale. Molti ricercatori dell'epoca, tra cui Alfred Kinsey, hanno affermato che la vagina non svolge un ruolo cruciale nell'orgasmo, perché non è particolarmente sensibile alla stimolazione sessuale. Grafenberg, tuttavia, ha sostenuto che tutte le donne hanno un'area distinta all'interno della vagina che può essere stimolata in modo affidabile per produrre l'orgasmo. Ha riferito che quando viene stimolato digitalmente, quell'area si gonfia nella cavità vaginale, "come se la parte erotogena della parete vaginale anteriore provasse a portarsi in contatto più vicino con il dito". Il marchio "G-spot" è stato assegnato a quello area solo negli anni '80, molto tempo dopo la morte di Grafenberg, in un libro intitolato The Spot G: E altre scoperte sulla sessualità umana , che divenne un bestseller internazionale e accese sul serio la frenesia in corso del G-spot.

Negli ultimi anni è emerso un consenso sul fatto che, almeno in termini dell'anatomia interna della vagina, il punto G probabilmente non esiste. Test anatomici e fisiologici non sono riusciti a trovare alcuna posizione sulla parete superiore della vagina con limiti anatomici chiari e specifici e caratteristiche neurologiche, come l'alta concentrazione di terminazioni nervose. Anche i tentativi di trovare una base genetica per questo fenomeno si sono rivelati infruttuosi. Recentemente, i ricercatori britannici che hanno analizzato un ampio sondaggio di gemelli sul tema hanno concluso che "non esiste alcuna base fisiologica o fisica per il punto G".

A gennaio, un team di ricercatori guidati da Amichai Kilchevsky della Yale University e Yoram Vardi dell'ospedale Rambam in Israele ha pubblicato un attento esame di 29 studi, risalenti agli anni Cinquanta, sul tema del punto G. La loro conclusione: "Le misure oggettive non sono riuscite a fornire prove forti e coerenti per l'esistenza di un sito anatomico che potrebbe essere correlato al famoso punto G".

Tali conclusioni sollevano la possibilità che il punto G sia in fondo un costrutto psicosociale. I ricercatori britannici hanno scoperto che le donne che hanno riferito di avere un punto G tendevano ad essere più estroverse, sessualmente aperte, eccitabili e attive. Forse le donne sessualmente aperte, eccitabili e orgasmiche sono inclini a etichettare erroneamente la loro reattività sessuale generale, accresciuta come una specifica reazione al punto G.

Queste conclusioni sollevano anche la possibilità che il punto G sia essenzialmente un effetto placebo. È ormai ormai consolidato che l'aspettativa emotiva (specialmente se è radicata in un'ampia coscienza sociale) può produrre risposte fisiologiche. Il corpo e la mente sono un sistema integrato e gli esseri umani hanno una spettacolare capacità di trasformare il fantasma in materia. Piccola, i pensieri dell'incontro di domani con il tuo capo scontroso possono darti la diarrea. Scrittori grandi, quelli che credono in Dio possono sperimentare un vero disagio fisiologico dopo aver infranto una delle Sue leggi, a volte risultando in morte effettiva, come dimostrato dai primi studi di Walter Cannon sulla "morte Voodoo". L'effetto placebo è reale e i suoi effetti sull'esperienza umana possono essere di vasta portata. Forse il punto G si trova nella testa delle donne.

Può essere. Ma probabilmente no. Con tutto il rispetto per i ricercatori del sesso, anche quelli britannici, la materia umana vivente è complessa come la mente umana vivente, e non sempre si presta facilmente a una precisa mappatura scientifica. Pertanto, non è consigliabile per gli scienziati – o per le persone riflessive in generale – per respingere i resoconti e le esperienze delle donne comuni nella loro vita sessuale quotidiana. Molte donne, per il resto sane, sane e sagge, si sono rese conto, negli anni, dell'esistenza di una posizione intra-vaginale concreta, la cui stimolazione produce orgasmi distintamente esperienziali. Kilchevsky ei suoi colleghi sono consapevoli di questo punto e osservano nelle loro conclusioni: "Tuttavia, relazioni attendibili e testimonianze aneddotiche dell'esistenza di un'area altamente sensibile nel muro vaginale anteriore distale sollevano la questione se siano state implementate sufficienti modalità investigative in la ricerca del punto G. "In altre parole, potremmo non essere stati abbastanza duri.

Inoltre, cercando solo all'interno della vagina e della mente, potremmo aver cercato nei posti sbagliati. Durante l'accesso dalla vagina, l'effettivo punto G può essere localizzato al di fuori di esso e collegato a strutture extra vaginali. Un possibile colpevole in questo contesto è l'uretra stessa, che sembra essere circondata da tessuto erettile sensibile al tatto. Grafenberg alludeva a questa possibilità notando che, quando stimolati a mano, le donne "sapevano sempre quando il dito scivolava dall'uretra a causa della compromissione della loro stimolazione sessuale".

Un'altra possibile fonte di sensibilità al punto G sono le ghiandole di Skene: una coppia di nodi la cui esistenza era nota nel diciassettesimo secolo, situata accanto all'apertura uretrale femminile. Molte donne, per esempio, riferiscono che gli orgasmi G sono spesso accompagnati dall'eiaculazione, l'emissione di fluido dall'uretra. Lo stesso Grafenberg riconobbe il fenomeno dell'eiaculazione femminile, trovò che il liquido non era urina e ipotizzò che fosse un prodotto delle ghiandole intrauretrali (di Skene), attaccate all'uretra. Studi recenti sembrano sostenere l'ipotesi. Si scopre che probabilmente c'è un legame tra le ghiandole di Skene e l'eiaculazione femminile. Le ghiandole di Skene si riversano nell'uretra di qualche centimetro, proprio sopra l'area del punto G. In termini di struttura tissutale, sono probabilmente l'equivalente femminile della ghiandola prostatica maschile, e ora si pensa che provochino l'emissione di eiaculato femminile, un fluido che assomiglia a quello del fluido prostatico maschile. Le ghiandole di Skene variano notevolmente da donna a donna e potrebbero non esistere affatto in alcune donne. Se sono responsabili della sensibilità dell'area G e dell'eiaculazione femminile, questa variazione può aiutare a spiegare perché molte donne non sperimentano l'orgasmo del punto G.

Inoltre, le recenti rivelazioni sul clitoride suggeriscono che questo organo unico (l'unico organo nella nostra anatomia che non ha altre funzioni conosciute da compiacere), che è noto per influenzare pesantemente l'eccitazione e l'orgasmo femminile, è in realtà un iceberg, visibile solo alla punta. L'intero clitoride è in realtà uguale alla dimensione del pene, e i suoi affluenti – i bulbi e le radici del clitoride – circondano la vagina e l'uretra. Una teoria plausibile è che il clitoride, avvolgendo l'uretra con tessuto erettile sensibile alla stimolazione, sia responsabile della sensibilità erotica dell'area G. La stimolazione del punto G – di solito eseguita inserendo un dito nella vagina e facendo il gesto "vieni qui" raschiando contro la parete vaginale superiore – sembra stimolare le parti nascoste del clitoride.

L'anatomia e la neurologia dell'area complessa tra la parete superiore della vagina e l'uretra non sono ancora state completamente mappate e, comprensibilmente, non sono facili da studiare in azione. La regione ospita una complessa mescolanza di diversi nervi legati all'uretra, al clitoride e alle ghiandole di Skene. Questi nervi sono cablati in diversi punti del cervello. L'orgasmo dovuto alla stimolazione del punto G è descritto frequentemente da donne che lo hanno sperimentato come diverso da un orgasmo ottenuto mediante la stimolazione diretta del clitoride visibile. La stimolazione del punto G può essere diversa dalla stimolazione diretta del clitoride in quanto attiva diversi fasci nervosi legati a diverse regioni del cervello.

In ogni caso, alla fine della giornata, anche se il punto G non esiste come entità fisica concreta all'interno della vagina, esiste come esperienza sessuale concreta nella vita di molte donne. Tale esistenza non dovrebbe essere sottovalutata. Dopotutto, Dio esiste allo stesso modo. Forse il punto G è meglio pensato come processo piuttosto che come semplice contenuto, a significare il viaggio della scoperta sessuale, invitando te e il tuo / i / i / i / i alla ricerca del piacere sensuale; per esplorarci a vicenda usando vari gesti e scoprire cosa ti delizia. Nel corso di tale esplorazione potresti trovare un punto sensibile segreto sulla parete vaginale e forse, con un po 'di pazienza e fortuna, anche all'interno dell'orecchio, o dietro il ginocchio, o in una certa isola nel tuo negozio di alimentari locale. Se è così, vincono tutti. Rallegrati e divertiti. In caso contrario, la ricerca stessa è in grado di migliorare il senso di comfort, vicinanza e intimità con te stesso e il tuo / i partner / i. Molto probabilmente la tua vita sessuale ne trarrà beneficio. E tutti vincono ancora.

Solutions Collecting From Web of "Il tuo punto G non è nella tua testa"