Il tuo cervello è addormentato sul lavoro?

Hai il supercomputer più incredibile del mondo seduto in cima alle tue spalle, cablato per esibirti in modo brillante. Insieme al "software programmato" (ovvero la tua mente), il tuo cervello è capace di imprese straordinarie. Inoltre, il tuo cervello è composto da oltre 100 miliardi di cellule (10 miliardi sono neuroni, 90 miliardi sono cellule "helper" chiamate glia) la cui funzione principale è quella di formare sinapsi per lo scambio di informazioni. Un cervello superiore altamente stimolato ha la capacità di creare fino a 100 trilioni di sinapsi o percorsi diversi; ma se passi le tue giornate a fare qualcosa che ti è già capitato, il tuo cervello tende a fare affidamento sui percorsi neuronali esistenti. Alla fine, quei sentieri ben battuti diventano solchi.

Ecco la semplice verità: se non trovi il tuo lavoro impegnativo, probabilmente ti sei allontanato a causa della noia. La noia sorge quando hai raggiunto il limite massimo, apprendi quanto puoi apprendere o padroneggiare tutte le abilità richieste per svolgere il tuo lavoro, soprattutto se il tuo lavoro non richiede pensiero e analisi complessi. Anche se all'inizio hai amato il tuo lavoro, alla fine il tuo cervello diventa abbastanza bravo a svolgere i compiti richiesti, fino al punto di essere in grado di esibirsi mentre è solo mezzo sveglio (metaforicamente). Il cervello interpreta la tua realtà attuale, che è la stessa realtà che affronta ogni giorno, e risponde con comportamenti che ti hanno servito bene in passato e che richiedono meno tempo. Tali scorciatoie risparmiano energia, ma possono anche compromettere il tuo interesse.

Il fatto è che il tuo cervello si blocca. Non gli piace ripetere semplicemente la stessa cosa ancora e ancora e ancora, e può anche essere pigro e, evolutivamente, cerca di eseguire compiti usando la minor quantità possibile di energia. Senza sfida, il tuo cervello è incline a fare affidamento sugli stessi vecchi solchi neuronali, e in sostanza (e quasi letteralmente) va a dormire sul lavoro. In effetti, un modo sicuro per dire che sei annoiato sta diventando fisicamente stanco senza alcuna ragione. Se stai dormendo molto di notte e svolgi compiti che non sono fisicamente o mentalmente impegnativi, ma ti trovi sbadigliando e pigro, è una scommessa infallibile che sei annoiato, e il tuo cervello sta facendo un sonnellino. Allo stesso modo, se nulla sul lavoro sembra eccitante (anche un progetto completato o un nuovo dipendente), sei annoiato. La noia può diventare un'abitudine se non stai attento, il che renderebbe ancora più difficile per te svezzare il cervello dalle sue cattive abitudini e creare nuovi percorsi neuronali. Quando si tratta del tuo cervello, si applica il principio "usalo o perdilo".

Coinvolgi la tua mente

Uno dei precetti più antichi della neuroscienza è stato il fatto che i nostri processi mentali (il pensiero) hanno origine dall'attività cerebrale: che il nostro cervello è responsabile quando si tratta di creare e modellare la nostra mente. Tuttavia, ricerche più recenti hanno dimostrato che può anche funzionare in senso inverso: un'attività mentale concentrata e ripetitiva può influenzare i cambiamenti nella struttura, nei collegamenti e nelle capacità del tuo cervello.

Infatti, grazie alla tecnologia moderna che consentiva ai neuroscienziati di vedere con i loro occhi come funziona il nostro cervello, la ricerca scientifica ha dimostrato che il nostro cervello è capace di neuroplasticità, o la capacità di cambiare se stesso durante tutta la nostra vita. Non siamo bloccati con il cervello con cui siamo nati, ma abbiamo la capacità di coltivare coscientemente (usando le nostre menti) quali parti del nostro cervello desideriamo rinforzare, ricablare o persino rigenerare.

Le azioni che prendiamo possono letteralmente espandere o contrarre diverse regioni del cervello, accendere circuiti o comprimerli. Più chiedi al tuo cervello di fare, più lo spazio corticale viene impostato per gestire i nuovi compiti. Risponde formando connessioni più forti nei circuiti che sono alla base del comportamento desiderato o del pensiero e indebolendo le connessioni negli altri. Quindi, ciò che fai e ciò che pensi, vedi o senti è specchiato nelle dimensioni delle tue rispettive regioni cerebrali e le connessioni che il tuo cervello forma per soddisfare le tue esigenze.

Che cosa significa tutto questo? Significa che puoi riqualificare il tuo cervello per essere più produttivo, più elastico e più creativo, ma dipende da te coinvolgere pienamente la tua mente e chiedere al tuo cervello di salire sul piatto.

Sfida il tuo cervello

Se vuoi far sparare i tuoi neuroni, è così semplice: trovare qualcosa di più impegnativo da fare. Idealmente, troverai qualcosa che distende davvero le tue capacità mentali, o almeno che ti tiene in grado di usare le abilità cognitive del tuo cervello ogni giorno, ma fare qualcosa di nuovo è utile. Cerca modi per metterti alla prova: affronta nuove responsabilità, trova un nuovo lavoro o almeno un hobby affascinante che metterà alla prova il tuo cervello in modi che non sono mai sfidati nella tua vita attuale. Per sfidare il tuo cervello su base giornaliera al lavoro:

  • Impegnati a fare tutto ciò che intraprendi al meglio delle tue capacità. Smettila di essere pigro e fissa standard più alti per te stesso. Se non altro, puoi migliorare notevolmente il tuo vocabolario, la tua capacità di comunicare e la tua capacità di essere più creativo.
  • Ogni tanto, intraprendi un progetto che si sente estremamente impegnativo o intimidatorio. Goditi la sfida; bruciare metaforicamente l'olio di mezzanotte fa bene al cervello. Se chiedi al tuo cervello di aiutarti a decifrare il materiale complesso e a concentrarti seriamente e, per quanto tempo ci vorrà, il tuo cervello consegnerà la merce.
  • Brainstorm idee per nuovi modi di fare le cose; o per nuove idee che puoi implementare. Il brainstorming può creare nuove sinapsi che possono rafforzare la capacità del cervello di creare nuove connessioni, collegando nuove informazioni a informazioni esistenti in modi inaspettati. La creatività è un muscolo che può essere rafforzato.
  • Trascorri un'ora ogni giorno a imparare qualcosa di nuovo sulla tua professione, più complicata o difficile da comprendere e meglio è. Perché accontentarsi di essere un drone? Sei davvero felice di essere così annoiato nel tuo lavoro?
  • Identifica i buchi nelle tue capacità e usa i muscoli mentali per riempirli. Sei limitato solo dal modo in cui definisci te stesso. La tua mente dice al tuo cervello chi sei e cosa sei capace di raggiungere. Imposta la barra in alto.
  • Aumenta continuamente la posta, sfidando le tue abilità mentali ogni giorno. Più fletti il ​​tuo cervello, meglio diventa. Ricorda: il cervello può essere pigro.
  • Impara qualcosa di completamente estraneo a te che sfiderà il tuo cervello su più livelli. Perché invocherà parti del tuo cervello che usi raramente, produrrà risultati sorprendenti, spesso inaspettati nel tuo cervello.

Creare opportunità per il tuo cervello di fare scoperte nuove e spesso sorprendenti può renderti più intelligente e più creativo.

Pensa come Einstein

Dopo la sua morte, i neuroscienziati hanno studiato il cervello di Einstein e hanno scoperto che il genio più famoso del mondo sperimentava diversi cambiamenti nel cervello rispetto alla maggior parte degli altri cervelli. In particolare, l'area che separava il suo lobo temporale (conservazione della memoria, fondamentale per la formazione di nuove esperienze fattuali o emotive), dal suo lobo parietale (conoscenza, ragionamento e integrazione sensoriale) era quasi completamente scomparsa, e i neuroscienziati ritengono che ciò potrebbe spiegare per il suo modo di pensare più integrativo e la sua capacità di creare associazioni inusuali che altre persone "più normali" non potevano vedere.

Un ricercatore dell'Università della California-Berkeley ha anche scoperto che Einstein aveva più connessioni cerebrali in queste parti del cervello logico rispetto ad altri uomini. Il cervello di Einstein ci mostra che cambiare le tue connessioni e la struttura del tuo cervello può davvero aiutarti a pensare in modo diverso, più logicamente e con più chiarezza. Einstein ha modellato il suo cervello per soddisfare i suoi bisogni, e puoi farlo anche tu!

Quindi, piuttosto che lasciare che la tua testa si muova sulla tastiera, esercita quelle grigie continuando a imparare, espandendo la base di conoscenza del tuo cervello e promuovendo nuove sinapsi e connessioni neuronali. Coinvolgi il tuo cervello con il brainstorming di nuove idee e guardando i problemi come un puzzle che devi risolvere. Più attività neuronale si sta svolgendo, più il tuo cervello sarà stimolato a crescere e più informazioni rilevanti fornirai al tuo cervello, meglio sarà in grado di rispondere quando ne avrai bisogno.

Sveglia il tuo cervello

Un altro modo per svegliare il tuo cervello è creare obiettivi a breve termine per ogni giorno (o compito). Questi dicono al tuo cervello quello su cui vuoi che si concentri, portandolo all'attenzione più piena. Al tuo cervello piace avere una serie di azioni concrete da eseguire. Ecco perché avere e rivedere una lista di obiettivi a breve termine, e le attività richieste per soddisfarli, funziona in modo così brillante. Il tuo cervello firma felicemente come tuo supervisore, ma sta a te creare i compiti che contano e mantenere il cervello attento e concentrato sul loro raggiungimento. Funziona perché gli obiettivi svegliano i "neuroni addormentati" e rafforzano e aumentano il licenziamento delle sinapsi neuronali. Inoltre, il monitoraggio degli obiettivi mantiene il cervello concentrato sull'attività, anche mentre dorme; e se colleghi il piacere al raggiungimento dei tuoi obiettivi, il tuo cervello sarà ancora più motivato ad esibirsi. Il tuo cervello è cablato per comprendere le buone conseguenze che derivano da azioni distinte; impostare la giornata di lavoro in modo che possa raggiungere il suo picco di capacità è una ricetta per il successo.

Invece di sprecare la tua intelligenza non essendo intenzionalmente concentrati, allena il tuo cervello per essere in linea con le prospettive per massimizzare le opportunità di raggiungere i tuoi obiettivi. Più allenerai il tuo cervello a concentrarti sui tuoi obiettivi, più salirà alla sfida.

Entra nell'abitudine di lavorare duramente

Infine, se vuoi che il tuo cervello rimanga concentrato, prendi l'abitudine di impegnarti e sfidare completamente la tua mente. I cervelli pigri non hanno la stessa probabilità di essere preparati e pronti quando ne hai più bisogno. Inoltre, è molto vero che più usi il cervello più diventa nitido. Ogni uso, ogni introduzione di nuove informazioni, ogni immersione in pensieri complessi o creatività rafforza le sinapsi esistenti, crea nuove sinapsi e crea persino nuovi neuroni. Hai la capacità di rimodellare la tua mente semplicemente svolgendo i compiti desiderati su base regolare, allungando solo un poco di più ogni volta. D'altra parte, se non si coinvolge intenzionalmente e completamente il cervello nel pensiero complesso, si può finire immergendo più in basso della noia in inerzia. Quindi, se ti senti annoiato, non aspettare che passi. La noia è un segnale chiaro dal tuo cervello che ha bisogno di stimoli nuovi o aggiuntivi. È la tua offerta per attirare la tua attenzione.

Questo articolo è stato co-scritto da Teresa Aubele, Ph.D. e Susan Reynolds

Solutions Collecting From Web of "Il tuo cervello è addormentato sul lavoro?"