Il tuo bambino ama la musica?

Sai che musica piace al tuo bambino? Riesci anche a scoprirlo?

Per uno strano destino, ho finito per inventare un modo per far dire ai bambini, e i risultati sono stati una sorpresa. Con mia grande gioia questa semplice invenzione ha finalmente trovato la sua strada per un prodotto commerciale e ora ogni genitore può lasciare che sia il suo bambino a scegliere.

La storia iniziò nei primi anni '80 quando nacque mia figlia Emily. Vivevamo nell'Inghilterra rurale e in quei giorni c'era un piccolo ospedale per la maternità nel villaggio vicino, dove i metodi dovevano – direi – piuttosto antiquati. Noi madri siamo rimasti in ospedale per 5 o 6 giorni dopo la nascita e durante questo periodo i nostri bambini sono stati portati via da noi di notte e tenuti insieme in un asilo nido. Quando avevano bisogno di mangiare, un'infermiera sarebbe venuta a prenderci ma altrimenti non li abbiamo visti fino al mattino.

Questo ha avuto il grande vantaggio di poter dormire più o meno durante la notte, ma lo svantaggio era che noi (e credo di non essere solo) eravamo preoccupati di quanto i nostri bambini fossero felici in quella nursery senza le loro mamme. Per tenere tranquilli i bambini, le infermiere hanno suonato un nastro di un forte rumore che suonava come un aspirapolvere o solo un rumore bianco. Per me suonava orribile e mi preoccupavo per la mia piccola bambina Emily. Le piaceva il rumore? Sembrava certo che i bambini fossero più tranquilli e li mandasse a dormire, ma potevo immaginare che il mio povero piccolo bambino odiasse il rumore. Potrebbe trovarlo sgradevole come me, ma si trova ancora a dormire, nonostante l'odio. Ma come potrei dire?

Non c'era niente che potessi fare mentre ero in ospedale. Le regole erano le regole! Ma una volta tornato a casa, mio ​​marito, Tom, e io siamo riusciti a lavorare. Ho pensato che se a un bambino piacesse un suono avrebbe lavorato per farla andare avanti. I bambini piccoli non riescono a capire i concetti di "on" e "off", quindi non possiamo darle il tipo di interruttori che gli adulti usano. Così abbiamo montato una corda che pendeva dalla sua branda, appena sopra la sua testa e facilmente raggiungibile. Abbiamo collegato la corda a un riproduttore di cassette (sì, ecco come abbiamo ascoltato la musica in quei giorni!) E l'abbiamo sistemata in modo che, se avesse tirato la corda, l'interruttore fosse chiuso e il nastro riprodotto. Non appena lei ha lasciato andare, si è fermato. Ciò significava che se voleva che un suono continuasse, doveva continuare a tirare tutto il tempo. Se ne avesse avuto abbastanza, lei ha lasciato andare. Quando aveva quasi quattro mesi, decidemmo che era pronta a provare. Inserimmo l'orribile nastro acustico nella macchina e passammo a Emily.

Susan Blackmore
Baby Jolyon si diverte a far suonare la musica.
Fonte: Susan Blackmore

Ha funzionato! In effetti ha funzionato molto, molto meglio di quanto ci aspettassimo. Entro un giorno, Emily aveva imparato a tirare la corda. Lei ha tirato e tirato. Chiaramente le piaceva il brutto rumore ed era disposta a fare uno sforzo per continuare a suonare.

Però era un po 'troppo intelligente per noi. Ben presto imparò come mettere il braccio sopra la corda, mettere le dita fermamente nella sua bocca e andare a dormire con il peso del braccio che stringeva la corda senza fare altro sforzo. Un giorno, quando era un po 'più grande, andammo nella sua camera da letto per scoprire che aveva messo il suo orsacchiotto attraverso lo spago. Quindi poteva fare il lavoro e non doveva farlo!

Essendo psicologi, volevamo scoprire di più che a Emily piacesse quel rumore originale. Quindi le abbiamo dato presto diversi nastri nella macchina: musica per bambini, storie, musica classica e persino pop. Ma come abbiamo potuto scoprire quale le piaceva di più? Un metodo consisteva nel misurare per quanto tempo recitava ciascuno, ma questo non sarebbe stato accurato se avesse ottenuto il suo orso per fare il lavoro. Quindi siamo passati a un anello oa una maniglia appesi a una corda verticale. L'orsacchiotto non ha potuto tirare questo. Quindi abbiamo aggiunto una seconda stringa e gestiamo. Finalmente abbiamo potuto confrontare due nastri diversi contemporaneamente.

Ma come potremmo sapere quale stringa ha maggiormente tirato? Di certo non volevamo stare a guardare o ascoltare per ore e ore. Fortunatamente, non abbiamo dovuto. Questa era l'era dei primi computer di casa e avevamo una nuovissima, appena inventata, BBC Micro. Abbiamo scavato un buco nel muro della camera di Emily, installato il computer nella stanza accanto e con grande ingegnosità (sarebbe stato facile ora!), Tom ha scritto un programma in modo che la BBC Micro registrasse ogni volta che ha tirato le maniglie. Abbiamo chiamato la macchina BabyTape.

Alla fine abbiamo avuto alcuni dati reali. Il cosiddetto "effetto Mozart" non era stato reso popolare allora, ma pensavamo che la musica classica potesse essere positiva per Emily. Non le piaceva. Neanche a lei piaceva lo Status Quo – la nostra scelta musicale in quel momento. Quello che le piaceva di più di tutto era una collezione di canzoni per bambini e una storia di un orso. Questi due hanno vinto ogni volta.

E abbiamo notato qualcos'altro. Quando Emily è cresciuta, abbiamo iniziato a lasciare la macchina sul lettino durante la notte e ci è sembrato che in quelle sere ci svegliasse meno spesso. Questo doveva essere davvero testato. Quindi abbiamo confrontato le notti con e senza il nastro. Di certo il computer ha confermato che quando ha avuto il BabyTape si è svegliata diverse volte durante la notte e ha tirato le corde, senza svegliarci. Presumibilmente questo è stato abbastanza divertente e lei è tornata a dormire senza piangere perché noi veniamo a confortarla.

Questo doveva essere testato ulteriormente. Così abbiamo creato più BabyTapes, arruolato l'aiuto di molti amici e raccolto dati da loro e dai loro bambini. Anche i loro bambini amavano la macchina e giocavano molto con essa. Infatti, hanno anche dormito meglio, così come nostro figlio, nato due anni dopo. Abbiamo raccolto i risultati di questi esperimenti e li ho presentati in una conferenza nazionale di psicologia.

Susan Blackmore
Una troupe televisiva registra Emily e il suo BabyTape.
Fonte: Susan Blackmore

All'inizio abbiamo provato a trasformare BabyTape in un prodotto commerciale, ma la vita ci ha sopraffatti e non ci siamo riusciti. Decenni dopo, Tom ha avuto un altro tentativo ma nel bel mezzo di questo, completamente inaspettatamente, è morto all'età di 58 anni. Siamo rimasti tutti sconvolti e ancora una volta BabyTape è stato lasciato sullo scaffale. Ma ora, finalmente, è tornato. Chiamato QuietNight, l '"ultimo crib mobile" funziona esattamente allo stesso modo delle nostre macchine grezze ma utilizza la tecnologia più recente per offrire molta più flessibilità. Ti permette di dare al tuo bambino qualsiasi suono che ti piace e di registrare tutto ciò che fanno. In questo modo puoi scoprire esattamente quali sono le preferenze musicali del tuo bambino.

Ciò ha attirato molta attenzione dai nuovi genitori, incluso un recente articolo del Daily Mail. In risposta, alcuni si sono preoccupati che potesse essere crudele lasciare il loro bambino a confortarsi durante la notte nel caso ci fosse davvero qualcosa di sbagliato, ma se c'è qualcosa che non va un bambino piangerà e quindi devi andare a vedere cosa succede. Infatti immagino che i bambini non siano molto diversi da noi. Possiamo svegliarci nella notte senza una buona ragione e tutto ciò che vogliamo è tornare a dormire. Tirare la corda, ascoltare un po 'di musica, e andare di nuovo nella terra del cenno di nuovo. Se il tuo bambino ha bisogno di te, sicuramente piangerà. La mia sensazione, avendo avuto il nostro BabyTape, era che entrambi noi ei nostri bambini eravamo più riposati al mattino e questo era un bene per tutti noi. Un genitore esausto non è un buon genitore. Quindi questa preoccupazione non ha senso per me.

Una preoccupazione più rilevante è l'età del bambino. È importante non dare a Quiet Night un bambino che è troppo giovane. Se non hanno il coordinamento per afferrare facilmente una maniglia, si sentiranno frustrati e sconvolti e questo farà più male che bene. In effetti, potrebbero non imparare mai a divertirsi con la musica. Tutti i bambini differiscono nella velocità con cui ottengono questo tipo di controllo. Quindi il mio consiglio è di provarlo da circa quattro mesi e se il tuo bambino non è in grado di afferrare facilmente la maniglia allora portalo via e riprova tra un paio di settimane. Deve essere qualcosa di cui godono, non un test di sviluppo.

La gioia di tutto questo per me è che il bambino si fa carico. Spesso guardavo i miei piccoli e mi chiedevo se avrebbero voluto avere più controllo. Sembra che l'abbiano fatto. Forse ora che c'è QuietNight, con la sua raccolta di dati e la capacità di apprendimento, saremo in grado di fare molte più ricerche sui bambini e sulla loro musica. Soprattutto, sono contento che altri genitori possano ora, con meno problemi di noi, lasciare che i loro bambini ascoltino ciò che gli piace di più.

Solutions Collecting From Web of "Il tuo bambino ama la musica?"