Il trattamento online è la prossima frontiera della CBT?

Mark Anderson on Flickr
Fonte: Mark Anderson su Flickr

I social media hanno cambiato radicalmente il modo in cui molti di noi si connettono con familiari e amici. Alcuni stanno ora proponendo che le relazioni online, in particolare le relazioni terapeutiche online, possano rivoluzionare i servizi di salute mentale offrendo alle persone con accesso limitato una valida alternativa agli approcci terapeutici tradizionali.

Una di queste alternative online, l'iCBT (terapia cognitivo-comportamentale basata su Internet) derivava dai principi della CBT tradizionale, pioniera dello psichiatra Aaron Beck.

Entrambi mirano a pensieri negativi automatici che le persone hanno su se stessi, sul mondo e sul loro futuro, pensieri considerati centrali per disturbi come la depressione e l'ansia.

Tuttavia, a differenza della CBT tradizionale, in cui clienti e terapisti si incontrano regolarmente di persona, iCBT richiede alle persone di tenere un diario su base continuativa. Ai clienti vengono dati esercizi cognitivi e il loro progresso viene monitorato da un terapeuta che legge le riviste autoriflessive, con feedback fornito tramite e-mail.

L'approccio è attualmente in fase di test per la sua efficacia nel trattamento del disturbo d'ansia generalizzato (GAD). Lo psicologo e terapeuta online Marlos Postel concettualizza iCBT come un approccio che combina i vantaggi dei materiali strutturati di auto-aiuto con l'esperienza di un terapeuta che dirige le attività e incoraggia i clienti.

La ricerca dell'Università del New South Wales in Australia riporta risultati promettenti, tra cui miglioramenti nei pazienti con GAD, anche rispetto ai trattamenti faccia a faccia, con guadagni terapeutici mantenuti nell'arco di tre anni.

In particolare, molti sostengono che i trattamenti online eliminano un ingrediente importante, la relazione terapeutica tra medico e cliente. La ricerca sull'importanza di questa relazione clinica, l'alleanza di lavoro, ha costantemente dimostrato di essere l'unico fattore principale nella previsione del risultato. Elemento centrale della psicoterapia, favorisce la fiducia, la collaborazione e il cambiamento terapeutico.

E alcuni sostengono che alla base di una forte alleanza c'è la capacità di rilevare segnali non verbali e sottili cambiamenti nelle emozioni che un cliente può dimostrare durante la terapia. La psicologa Madalina Sucala e colleghi della Mount Sinai School of Medicine di New York hanno scoperto che questi indizi spiegano una percentuale maggiore di esiti della psicoterapia rispetto alla modalità di trattamento.

In particolare, uno studio diverso condotto da Sucala ha rilevato che l'e-therapy e gli approcci faccia-a-faccia equivalenti nei risultati, nonostante l'assenza di segnali non verbali nell'e-terapia.

Queste discrepanze hanno indotto i ricercatori Gerhard Anderssona ed Erik Hedman a sospettare che alcuni aspetti dell'e-terapia possano favorire un diverso tipo di alleanza tra terapeuta e cliente. In un recente studio, hanno scoperto che iCBT crea una forte connessione emotiva tra cliente e terapeuta perché il terapeuta ha più tempo per riflettere criticamente sui casi dei clienti. Allo stesso modo, le interazioni online non hanno influenzato la percezione del cliente di quanto il terapeuta si prendesse cura di loro o di quanto si fidassero del terapeuta.

E co-direttore di eCentreClinic e psicologo Nickolai Titov, un sostenitore dell'e-terapia, elenca una serie di vantaggi dell'approccio in un recente rapporto. Ha scoperto che l'iCBT è meno costoso – spesso il 20-40% del costo della terapia tradizionale – e presenta un'alternativa valida per le zone rurali in cui i terapeuti sono meno accessibili. Titov ha anche scoperto che molte persone possono beneficiare dell'anonimato relativo di iCBT, poiché una barriera comune alla ricerca di terapia è l'imbarazzo e la paura della divulgazione.

Anche i terapisti che usano modalità diverse dalla CBT hanno iniziato a essere online. I medici che utilizzano approcci comportamentali, interpersonali ed emotivi hanno anche iniziato a offrire trattamenti online. Anche la psicoterapia psicodinamica, che è tradizionalmente una forma di consulenza relazionale a lungo termine, è stata adattata ai formati online.

Tuttavia, i trattamenti di salute mentale faccia a faccia sono lungi dall'essere sostituiti. Proprio come gli stili di terapia più vecchi sono usati insieme a quelli più recenti, la terapia online può rappresentare un'opzione di trattamento promettente per chi è a suo agio con il formato.

– Sumeet Farwaha, collaboratore di Writer, The Trauma and Mental Health Report

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "Il trattamento online è la prossima frontiera della CBT?"