Il trattamento in 12 fasi funziona inducendo PTSD?

Ciao lettori! Sono tornato dopo un'assenza di 2 mesi. Sono stato impegnato a fare altre cose e prendermi una pausa, ma ora voglio tornare in questo blog, iniziando praticamente da dove avevo lasciato. I miei ultimi due post hanno offerto alcuni elogi per l'approccio in 12 passi, ma questa volta, basandomi su alcune delle brutte storie che ho ascoltato in 12 punti di abbandono, ho intenzione di esplorare il suo lato negativo.

L'approccio in 12 passi alla guarigione dalla dipendenza è stato salutato da alcuni e condannato da altri per decenni. È un dibattito importante, perché i programmi di trattamento in 12 fasi – di solito varianti di AA o NA – sono ancora il cardine del trattamento delle dipendenze in Nord America, nel bene e nel male. In questo post, voglio suggerire che il recupero in 12 passi funzioni per alcuni tossicodipendenti, ma lo fa promuovendo una sorta di PTSD. Ciò lo rende dannoso per alcuni in quanto è vantaggioso per gli altri.

L'approccio in 12 fasi è stato detto (da alcuni ex membri) per congelare lo sviluppo emotivo. Per coloro che credono che le persone possano svilupparsi senza dipendenza (come me, per esempio), questa non è una soluzione ottimale. I gruppi di dodici tappe sono famosi per convincere i membri che, anche se sono stati puliti per un po ', la loro dipendenza è là fuori ad attenderli, in attesa di avvicinarli furtivamente nei momenti di debolezza. Quindi devono rimanere costantemente vigili: qualsiasi scivolone, anche un drink o una pillola, sarà il primo passo in un viaggio che porta inevitabilmente alla ricaduta su scala reale. I gruppi di dodici tappe vogliono che tu torni indietro, per aiutare a cingere i lombi contro i rischi di ricaduta, e ti incoraggiano a definirti un tossicodipendente – per la vita. In altre parole, non solo il modo in cui regoli la tua vita, ma la tua intera immagine di sé è congelata sul posto. Questo è quello che sei, e se si verifica qualche cambiamento, sii avvertito: sarà un cambiamento all'indietro, tornerà ad essere fuori controllo.

Un lettore del mio altro blog ha suggerito che l'effetto netto delle tattiche intimidatorie utilizzate in alcuni gruppi di 12 fasi è quello di indurre una sorta di disturbo post traumatico da stress post-traumatico. Le persone con PTSD vivono con ansia continua, meccanismi di rifiuto e di evitamento, pensieri intrusivi e altro, su quello che è successo a loro, sia che si tratti di un grave incidente, di aggressioni fisiche o sessuali, stupri o feriti in una guerra. PTSD è in qualche modo una risposta emotiva adattiva al trauma. È un modo per evitare il pericolo. Dopo essere stati rapinati o violentati, non andrai a passeggiare nei parchi cittadini di notte, starai dentro quando passerà la sfilata, eviterete le persone di un certo tipo, potreste evitare del tutto il contatto visivo con estranei, ma continuerai a considerarti una vittima o un perdente. Questo è uno stato statico; ovviamente è anche uno stato malsano, almeno rispetto al normale, flessibile, spontaneo funzionamento. Mantiene l'ansia piuttosto che alleviarla.

Ma per alcune persone, questo potrebbe essere il modo migliore – l'unico modo – per rimanere puliti. Stai pulito perché resti spaventato.

Uno dei trattamenti più interessanti (ma ancora sperimentali) per PTSD è rivivere l'evento traumatico mentre si assumono beta-bloccanti, farmaci che riducono l'eccitazione simpatica. Questo articolo descrive l'approccio. Quindi perché dovrebbe funzionare? Non stai solo alleviando l'ansia con questi farmaci? No, la teoria dice che stai interferendo con il mantenimento dei ricordi traumatici. La forza e la resistenza della memoria dipendono da una sorta di processo di prova. Devi continuare a rivivere il ricordo (almeno qualche versione di esso) mentre senti le emozioni che ne derivano – ad esempio, la paura scatenata quando si è verificato un trauma, o forse lo stufato di vergogna, rabbia e orrore che deriva dalla dipendenza . Senza quella carica emotiva, il ricordo svanisce … proprio come gli altri ricordi.

I ricordi sono codificati nelle connessioni (sinapsi) tra le cellule cerebrali. Devi rafforzare queste connessioni (continua a rafforzare quelle sinapsi) per mantenere vividi i ricordi vividi. Con i beta-bloccanti nel sangue, puoi rivivere i ricordi senza l'ansia, permettendo alle memorie di diluire o dissiparsi. Eppure molti, forse la maggior parte, i gruppi di 12 punti rinforzano intenzionalmente le connessioni sinaptiche che mantengono un terrore di ricaduta. Mantengono viva l'ansia per consolidare i ricordi traumatici della dipendenza, raccontando e raccontando aneddoti su quanto sia stato peggio o sulle terribili ripercussioni della loro ultima ricaduta. La pratica di dodici passi è praticamente l'opposto del trattamento del trauma che utilizza i beta-bloccanti, perché i gruppi in 12 fasi riaccendono intenzionalmente le emozioni che hanno cementato i tuoi già vividi ricordi. Quasi come raccontare storie spaventose per tenere in riga ragazzini. Abbi paura … sii molto spaventato …

Se questa è la soluzione offerta da molti (sicuramente non tutti) programmi in 12 fasi – per inserirti in uno stato statico di PTSD al fine di evitare i pericoli della ricaduta – allora posso capire perché molte persone non si collegano, o resta un po 'per poi uscire. E posso capire perché definirti un tossicodipendente può essere una profezia che si autoavvera.

Per le dipendenze più serie e interminabili, questo potrebbe valere il prezzo. Come ho descritto in altri post, i gruppi di 12 persone possono essere l'ultima risorsa e l'opzione migliore per i tossicodipendenti che hanno provato tutto il resto senza successo.

Ma per coloro che hanno la capacità di continuare a crescere, che possono sviluppare le loro dipendenze piuttosto che cementare la loro identità con l'etichetta "tossicodipendente", non sembra la soluzione ideale.

Solutions Collecting From Web of "Il trattamento in 12 fasi funziona inducendo PTSD?"