Il terrore sacro Parte seconda: la psicologia della violenza consacrata

Considerare qualcosa di sacro può creare una rabbia travolgente se l'oggetto o la causa santificati è minacciato. Un recente studio ha indagato su ciò che gli autori chiamano "profanazione" che implica la violazione percepita di qualcosa che è considerato sacro. Hanno scoperto che la profanazione di qualcosa ritenuto sacro porta più probabilmente a una rabbia travolgente. Tale rabbia è da aspettarsi se l'intero senso di sé di una persona è costruito su una singola identità come, ad esempio, un devoto religioso o un patriota, o anche uno scienziato razionale. In tali condizioni, gli individui vengono creati per tale rabbia quando quelle fondazioni di sé sembrano minacciate.

La caratteristica principale di questa rabbia è la totale mancanza di empatia nei confronti del criminale percepito. Una tale totale mancanza di empatia è uno dei tratti più sorprendenti di coloro che bombardano innocenti non combattenti, assassinano i fornitori di assistenza sanitaria riproduttiva e immaginano (e talvolta tramandano) la violenza apocalittica di genocidio in nome della loro divinità.

Tale rabbia si distingue dall'aggressione ordinaria per le sue qualità totalistiche e completa mancanza di empatia. C'è una qualità illimitata e insaziabile di questo desiderio di vendetta, come quello visto dai fanatici apocalittici che vogliono eliminare il mondo da tutti i malvagi, i peccatori e i non credenti. Mentre alcuni terroristi motivati ​​religiosamente possono impiegare la violenza in modo puramente tattico per perseguire obiettivi politici limitati e realizzabili, altri sognano una completa purificazione e l'estirpazione apocalittica di tutte le persone empie. Tali schemi totalistici di vendetta divina puzzano della rabbia nata dalle minacce alle credenze e alle istituzioni care.

Ora l'atto stesso di uccidere è visto come sacro in sé. La violenza non è semplicemente un mezzo per un fine spirituale o politico, ma la violenza diventa essa stessa sacra, trascendentale, quasi divina. Come questa ricerca dovrebbe prevedere, quando la violenza diventa santificata, viene cambiata in modi che vanno oltre la semplice giustificazione del suo uso. Ora la violenza assume uno scopo sacro. La violenza e il genocidio diventano imperativi religiosi, portando un significato cosmico o spirituale oltre a quello fornito da qualsiasi autorità politica o legale. Ciò porta inevitabilmente a una riduzione significativa delle consuete restrizioni allo spiegamento della violenza, aprendo così la possibilità di campagne di genocidio su vasta scala e senza limiti, comprese le armi di distruzione di massa. Alla domanda sull'utilizzo di armi nucleari Ba'asyir, il presunto leader della Jamaah Islamiyah in Indonesia, il gruppo responsabile di numerosi attentati tra cui il nightclub di Bali. rispose "Sì, se necessario … Allah ha detto … che dovremmo dotarci del potere delle armi – questo è un ordine". Lungo questa linea, Zarqawi proclama una delle dottrine fondamentali di al Qaeda: "Allah ci ha comandato di colpire i Kuffar (non credenti ), uccideteli e combatterli con ogni mezzo necessario per raggiungere l'obiettivo. I servi di Allah … sono autorizzati a usare tutti i mezzi necessari per colpire i combattenti non credenti attivi allo scopo di ucciderli … purificare la terra dalle loro abominazioni "Il jihad ha la precedenza su qualsiasi altro imperativo morale o teologico, compresi i tradizionali divieti contro l'uccisione di musulmani e innocenti non combattenti. Per al Qaeda, il jihad significa guerra totale, totale, senza restrizioni. Esattamente la stessa posizione modellata negli scritti dei cristiani apocalittici americani e della serie di romanzi di Left Behind. La violenza consacrata è potenzialmente senza limiti, senza restrizioni, la violenza ultima. Qualsiasi mezzo è giustificato per un fine ultimo: qualsiasi mezzo è giustificato per porre fine all'aborto, difendere e purificare l'Umma o la terra della Biblica Israele o la nazione indù o la razza ariana.

Questa ricerca suggerisce che la motivazione sacra fa una grande differenza. Una volta che i valori, gli obiettivi e i progetti diventano santificati, qualsiasi attacco su di loro diventa una questione di vita o di morte. La santificazione di credenze, istituzioni o ideologie crea una rabbia travolgente. La profanazione di idee sacre, oggetti, valori evoca inevitabilmente una furia virtualmente sconfinata che supera tutti i limiti morali razionali, strategici e persino comuni. La distruzione apocalittica del mondo diventa un desiderio e forse persino un piano. L'obiettivo di trasformare il mondo e la società è sostituito dalla spinta a purificare il mondo attraverso la violenza e il massacro.

Riferimento:
Jones, J. (2008). Sangue che grida dalla terra: la psicologia del terrorismo religioso. NY: Oxford University Press.

Jones, J. (2006). "Perché la religione diventa violenta? Un'esplorazione psicoanalitica del terrorismo religioso. La recensione psicoanalitica. 93/2: 167-190.

Kohut, H. (1973). "Pensieri sul narcisismo e la rabbia narcisistica." Lo studio psicoanalitico del bambino, New York: quadrangoli.

Pargament, K., Trevino, K., Mahoney, A., Silberman, I. (2007). "Hanno ucciso nostro Signore: la persecuzione degli ebrei come dissacranti del cristianesimo come predittore di antisemitismo". Journal for the Scientific Study of Religion, 46/2: 143-148.

Pargament, K., Magyar, G., Benore, E., Mahoney, A .. (2005). "Sacrilegio: uno studio di perdita e dissacrazione". Rivista per lo studio scientifico della religione, 44/1: 59-78.

Solutions Collecting From Web of "Il terrore sacro Parte seconda: la psicologia della violenza consacrata"