Il tempo trascorso in un museo d'arte può essere una buona terapia

iStock
Fonte: iStock

Se c'è una cosa che può farci alzare lo sguardo dai nostri smartphone, è un'opera d'arte sorprendente. Sorprendentemente, la quantità di tempo che restiamo concentrati su una pittura o una scultura accattivanti non è cambiata molto dall'avvento degli smartphone, secondo un recente studio in Psicologia dell'estetica, della creatività e delle arti .

Lo studio ha mostrato che la quantità media di tempo trascorsa a guardare una grande opera d'arte oggi è di appena 29 secondi, statisticamente invariata da quando lo stesso gruppo di ricerca ha pubblicato uno studio simile nel 2001. Anche se questo potrebbe non sembrare un sacco di tempo, è quasi il doppio dei 15 secondi che il lettore medio spende su una pagina web.

Molto meno sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che circa un terzo dei visitatori del museo sta dedicando una parte di quel tempo a prendere degli artisti "arties" con le opere d'arte. Questo potrebbe servire a un utile scopo emotivo, secondo l'autrice principale dello studio Lisa Smith, Ed.D., professore e decano del College of Education dell'Università di Otago in Nuova Zelanda.

Solo tu e quella divertente coppia americana gotica

Il nuovo studio è stato condotto all'Art Institute di Chicago, dove uno dei capolavori esposti è American Gothic , l'iconico ritratto in legno di Grant di una coppia rurale e il loro forcone. Circa il 35% dei visitatori del museo ha preso degli arties con questo dipinto e altre otto opere famose che sono state al centro dello studio. (Prima di seguire la loro guida, assicurati di controllare la politica di fotografia di un museo e di spegnere il flash.)

I co-investigatori di Smith su questa ricerca sono stati suo marito Jeffrey Smith, Ph.D., autore di The Museum Effect e anche professore presso l'Università di Otago, e Pablo Tinio, Ph.D., professore associato presso la Montclair State University. I ricercatori non hanno intervistato i mecenati dei musei su ciò che li ha spinti a fare lo scatto. Ma ipotizzano che possa aver svolto un ruolo psicologico oltre al semplice fatto di essere un souvenir a costo zero.

In un'intervista via e-mail, gli Smiths lo hanno spiegato in questo modo: "Fino a un certo punto, gli arties servono come veicolo per quello che chiamiamo" amortizzare emotivamente "l'evento. Cioè, con un artie, le persone possono guardare indietro in un secondo momento e ricordare di aver visitato il museo. "

Rallenta, vai troppo veloce

Se stare in un museo d'arte per un paio d'ore è un'esperienza emotivamente soddisfacente, quindi avere un artie come ricordo può aiutarti a diffondere quei sentimenti per un periodo di tempo più lungo. Tuttavia, per trarre il massimo dall'esperienza del museo, è fondamentale anche coinvolgere direttamente l'arte stessa, non solo il telefono o lo schermo del tablet.

"Siamo grandi credenti nel prendere del tempo per guardare l'arte", dicono gli Smith. "Abbiamo passato del tempo a guardare le opere che conosciamo e amiamo, e scoprendo sfumature o aspetti che prima avevamo perso. Abbiamo anche passato un po 'di tempo a guardare le opere che normalmente passavamo e ci siamo sorpresi rivedendo le nostre opinioni. Non sempre, ma spesso abbastanza da menzionare. "

Quanto è lungo? Gli Smiths dicono che possono trascorrere cinque minuti o più, a volte molto di più, di fronte a un dipinto preferito. Realisticamente, tuttavia, è più lungo di quanto la maggior parte delle persone probabilmente dedichi a una singola opera d'arte. "Abbiamo una forte evidenza che il tipico visitatore del museo vuole" vedere tutto "," dicono gli Smiths.

Non c'è niente di sbagliato in questo, se è quello che vuoi fare o se non puoi tornare per un'altra visita in qualsiasi momento presto. La cosa più importante è goderti la tua visita. "Se un lavoro ti parla davvero, ti suggeriamo di prendere almeno un minuto intero per guardare veramente", dicono gli Smith. "Leggi l'etichetta se ne viene fornita una e poi guarda un po 'di più."

La Fine Art of Contemplation

Un vantaggio di immergersi nella collezione d'arte di un museo è che può favorire la riflessione e la contemplazione. Gli Smith dicono: "Abbiamo studiato questo, insieme ai nostri studenti e colleghi. Abbiamo scoperto che, guardando l'arte, le persone spesso raccontano ciò che vedono nelle loro vite ".

Come funziona? "È un po 'come se l'arte fosse uno specchio che riflette eventi o luoghi reali o immaginari" spiegano gli Smith. "Una persona potrebbe ricordare un episodio dell'infanzia, pensare a come è stato vivere in un'epoca diversa o ricordare ricordi positivi di amore giovane o di una vacanza esotica. Se hai una serie di tali interazioni, puoi avere ciò che Csikszentmihalyi ha chiamato un'esperienza di flusso, in cui pensi più profondamente alla tua vita, alle tue relazioni e persino alla tua posizione nella società. "

In una precedente ricerca, Jeffrey Smith collaborò con Izabella Waszkielewicz per studiare questo effetto nei visitatori di due musei d'arte. I visitatori sono stati interrogati sul fatto che pensassero alle cose importanti della loro vita, pensavano di essere un buon amico per gli altri e hanno contribuito al bene della società e del pianeta. Queste domande sono state poste sia all'inizio, nel mezzo o alla fine delle loro visite.

Le risposte positive alle domande hanno raggiunto il picco a metà visita. Alla fine della visita, i visitatori del museo si stavano già spostando verso preoccupazioni immediate, come ricordare dove avevano parcheggiato o trovare un posto dove mangiare un boccone.

Tuttavia, ciò non significa che l'esperienza non abbia avuto un impatto duraturo. Come mostra la ricerca, gli incontri con la grande arte possono essere l'impulso per la riflessione. Che tu ne sia coscientemente consapevole o no, puoi lasciare al museo una persona cambiata in modi sottili ma significativi.

Quando non scrive di psicologia e salute, Linda Wasmer Andrews è una appassionata frequentatrice di musei. Dai un'occhiata alle sue precedenti riflessioni sul potere riparatore dei musei.

Solutions Collecting From Web of "Il tempo trascorso in un museo d'arte può essere una buona terapia"