Il tempismo conta quando si arriva al successo della relazione

La prontezza della relazione viene esaminata da una nuova ricerca sull’impegno.

simona pilolla 2/Shutterstock

Fonte: simona pilolla 2 / Shutterstock

Ad un certo punto della tua vita, è probabile che tu abbia detto a te stesso che non sei “pronto per una relazione”. Questa mancanza di preparazione a essere coinvolti con qualcuno può essere applicata dopo che hai appena attraversato una rottura dolorosa, o potrebbe significare non essere mai stato pronto per una relazione impegnata e intima. Forse senti che non puoi essere coinvolto con qualcuno finché non hai un senso più sicuro della tua identità e di ciò che vuoi dalla vita. È anche possibile che tu abbia bisogno di tempo per riorganizzarti dopo che una relazione che pensavi sarebbe durata per sempre terminata inaspettatamente. In ogni caso, la tua riluttanza a trovare qualcuno con cui impegnarsi può sembrare strana o anormale, dato che il resto delle persone che conosci sembrano essere felicemente accoppiate.

Secondo Benjamin Hadden e colleghi della Purdue University, “nonostante l’apparente ubiquità dei consigli che circondano la prontezza nella cultura popolare, la letteratura scientifica sul ruolo della prontezza all’impegno è quasi inesistente.” Tuttavia, proponendo che il tempismo può essere tutto quando si tratta dell’impegno relazionale , gli autori mettono alla prova la loro “Teoria della ricettività della relazione (RRT)”. Sentirsi non già significa non avere paura dell’intimità emotiva o addirittura essere single, sostengono. Sostengono che le persone possono sentirsi pronte per una relazione “pur essendo perfettamente in pace con il singolo rimasto” finché non trovano la persona giusta.

Essere pronti per l’impegno, Hadden et al. proporre, influenza anche i tuoi comportamenti in tutte le fasi della formazione della relazione. Quando sei pronto per una relazione, potresti impegnarti in attività come prestare maggiore attenzione al tuo aspetto e rifornire il tuo armadio. Penserai più alla datazione e considererai i benefici di una relazione romantica più alti dei costi. Inoltre, avrai maggiori probabilità di investire in una relazione appena formata. Le persone con un basso rapporto di impegno potrebbero essere coinvolte con un nuovo partner, ma rimanere emotivamente più distanti per paura di diventare troppo dipendenti da quella persona. Probabilmente puoi relazionarti a questa idea se pensi alle persone che hai conosciuto che sentono che “dovrebbero” essere in una stretta relazione (basata sull’età, lo stato o le pressioni della famiglia), ma non permettere mai che la vera intimità fiorisca.

Attraverso una serie di studi, i ricercatori di Purdue hanno dapprima stabilito (tra i campioni adulti online e gli studenti universitari) la misura in cui la prontezza ad essere in una relazione sarebbe correlata all’interesse e alla ricerca di essere coinvolti romanticamente. Poi hanno chiesto agli studenti universitari di fornire dati nell’arco di un periodo di due settimane usando una tecnica giornaliera del diario. La loro misura della prontezza degli impegni chiedeva ai partecipanti di indicare se sentivano che il tempismo era giusto per una relazione; i partecipanti hanno anche completato le misure valutando la paura di essere single, l’attaccamento evitante (incapacità di diventare emotivamente vicino agli altri) e l’interesse per una relazione romantica (definita in termini di vicinanza “ideale” con un partner). La domanda allora è stata se la paura della singlehood, la reticenza ad essere emotivamente attaccata o l’incapacità di sentirsi vicini a qualcuno avrebbe oscurato la prontezza delle relazioni nel predire chi sarebbe diventato coinvolto romanticamente nel corso dello studio.

Uno degli studi ha esaminato la misura in cui la prontezza della relazione ha influenzato la successiva qualità delle relazioni che i partecipanti hanno continuato a formare nel corso di un periodo di cinque settimane e tre mesi dopo un periodo iniziale di studio del diario. In questo campione di studenti universitari, il tasso di formazione delle relazioni era in media di circa un terzo, il che significa che la maggioranza dei partecipanti non è andata avanti, dopo la valutazione iniziale, per formare una relazione stretta. Tuttavia, abbastanza di loro hanno fatto per consentire ad Hadden e ai colleghi di completare le loro analisi.

Per la maggior parte, gli autori hanno osservato, come previsto, un’associazione positiva tra i punteggi sulla prontezza degli impegni e l’avvio di una relazione nei mesi successivi. I partecipanti che hanno risposto che si sentivano davvero pronti per una relazione impegnata nella ricerca attiva di un partner ed erano ricettivi a potenziali opportunità romantiche. Parlando di “la natura unica della prontezza come costrutto”, i risultati hanno mostrato che “la tempistica conta” nel permettere alle persone di sentire di poter gestire una relazione in un determinato punto. Per coloro che poi sono stati coinvolti in un partner romantico, le possibilità erano che le persone più predisposte per le relazioni si sarebbero sentite più soddisfatte e disposte a investire di più nella relazione.

Quindi cosa influenza quell’orologio interno che suggerisce che è ora di iniziare a cercare un partner? Come notano gli autori, le persone con una storia relazionale segnata da frequenti crepacuore, mancanza di soddisfazione o coinvolgimento con partner eccessivamente esigenti potrebbero non sentirsi mai totalmente pronte all’impegno. Le persone potrebbero anche non sentirsi pronte per una nuova relazione se stanno cercando di stabilirsi in un nuovo lavoro, posizione o posizione nella vita (come essere appena single).

Da un punto di vista teorico, i fattori che influenzano la prontezza dell’impegno possono, a loro volta, avere un impatto sulla qualità di una relazione appena formata, consentendo alle persone di sentire che vale la pena investire il proprio tempo e le proprie energie. Devi essere pronto per una relazione, in altre parole, ma affinché quella relazione abbia successo, devi capire che cosa hai bisogno da te per farlo accadere. Forse il tuo partner non è perfetto, ma sei comunque disposto a impegnarti, perché ritieni di poter gestire le esigenze di vivere con questa persona.

Per riassumere, la felicità nelle relazioni, almeno quelle studiate qui nei giovani adulti, richiede il ribaltamento di un interruttore interno che ti porta a voler essere coinvolto romanticamente. Non solo tu, ma il tuo partner, potresti trarne beneficio se entrambi sentono che è il momento giusto.

Riferimenti

Hadden, BW, Agnew, CR, & Tan, K. (2018). Prontezza all’impegno e formazione delle relazioni. Bollettino di personalità e psicologia sociale, 44 (8), 1242-1257. doi: 10,1177 / 0146167218764668

  • Questi sono i 7 tipi di amore
  • Il nuovo principio di piacere
  • Vista della depressione di uno studente di medicina
  • Chi è il capo nel tuo rapporto?
  • L'amore ha bisogno di amicizia se sta per durare!
  • Ti Mesh? Prova questo test di intimità di un minuto
  • Un alfabeto di dolore
  • Usare le bambole d'amore come sostituto per l'intimità umana
  • L'infedeltà è naturale?
  • 11 motivi per cui le coppie infelici non si rompono
  • Uscire da dietro l'immagine
  • I 5 tipi di persone che ti servono per uscire dalla tua vita
  • Rottura: vista positiva nonostante il tumulto emotivo
  • Quando nessuno ti vuole
  • Bambini in famiglie poliamorose, parte 4
  • Relazioni tossiche-Parte II
  • I 5 tipi di persone che ti servono per uscire dalla tua vita
  • Dentro e fuori l'amore ... Con la vita amorosa del tuo giovane adulto
  • Nove modi per rovinare Romance
  • 7 modi per creare fiducia in una relazione
  • Cara, mi ami perché ci siamo incontrati quando eri solo?
  • Quando il passato del trauma romantico danneggia la tua attuale relazione
  • Cosa puoi imparare sulle persone da Facebook?
  • Doppia Difficoltà e Doppia Potenza
  • The Days After: Coping With Election Grief
  • Catch Your Partner Spiare altre donne? Cosa significa
  • 7 Linee guida per aiutare le coppie a gestire i conflitti
  • Single in TV - Qual è la storia?
  • 7 chiavi per il successo della relazione a lungo termine
  • Come dire che le coppie si sentono davvero a vicenda
  • Il grande disfacimento: il matrimonio ci ha liberati venendo disonesti
  • Quando e cosa dico al mio nuovo fidanzato del mio ADD?
  • Com'è la tua intuizione romantica?
  • Lezioni dal passato
  • Rottura: vista positiva nonostante il tumulto emotivo
  • L'inventario extra-miglio