Il "supereroptimismo" del criminale

I criminali si aspettano di prevalere in ogni sforzo. Un'idea è una realtà. Tutto ciò che decidono di fare è buono come fatto. Considerando se stessi unici e superiori a tutti, una volta che decidono una linea d'azione, sono certi che raggiungeranno il loro obiettivo. Questa certezza dipende in parte dal fatto di essere pronti a impiegare qualsiasi mezzo per raggiungere un fine, compreso l'inganno, l'intimidazione o la forza bruta. I criminali conoscono i rischi professionali del crimine – essere catturati, condannati e confinati. In un'impresa ad alto rischio, potrebbero essere gravemente feriti o uccisi. Sono sfrenati da tali considerazioni quando sono pronti a commettere un crimine. Si bloccano dal loro modo di pensare a tali considerazioni deterrenti e sono pronti ad agire. Il loro senso di invulnerabilità dipende in parte dal fatto che sono andati via con molto più di qualsiasi sospettato, comprese le persone che pensano di conoscerli meglio. Ogni successo rafforza il pensiero superottimistico.

Supponiamo che tu possa interrogare il detenuto più duro di una prigione e chiedere: "Non pensavi che potresti essere scoperto?" La sua risposta probabile sarebbe "Certo, ma non questa volta." Profondamente consapevole delle potenziali conseguenze, avrebbe detto tu hai raggiunto un punto di totale certezza di successo. Completamente fiducioso che avrebbe battuto in astuzia e sconfiggere qualsiasi avversario, era assolutamente positivo (cioè superottimale) che sarebbe uscito illeso.

Il superottimismo si applica anche alle interazioni giorno per giorno. Considera un criminale che sta guidando su una stretta strada a due corsie e incontra un "colpo lento" che ostacola i suoi progressi. Determinato a liberarsi di questo ostacolo, colpisce l'acceleratore, spara il clacson e si avvolge attorno all'autista, virando in una corsia di traffico in arrivo. Un osservatore percepirebbe la manovra come estremamente rischiosa, mettendo potenzialmente in pericolo tutti nelle vicinanze. Il criminale non ha questa visione. Per quanto riguarda il mondo come sua scacchiera personale, è certo che controllerà la situazione, aggirerà la sua nemesi e la velocità sulla sua strada.

Il superottimismo del criminale si esprime nella sua percezione di se stesso come infallibile. Non ci sono imponderabili e non tollererà alcuna interferenza con i suoi piani. Gene si aspettava che sua moglie si nutrisse con i propri figli, un cocktail pronto da consegnare e un pasto da buongustaio preparato per essere messo sul tavolo ogni volta che passeggiava per la porta dopo il lavoro. Doveva far rispettare la sua regola secondo cui i bambini dovevano essere zitti e non infastidirli. Ha chiesto che il suo coniuge fosse disponibile (ed entusiasta) per qualsiasi tipo di attività sessuale dopo aver visto che i bambini erano addormentati. Indifferente sul modo in cui sua moglie passava la sua giornata e non si preoccupava del suo umore, si sarebbe arrabbiato se la serata non avesse proceduto come previsto. Un piccolo inconveniente o disturbo ai suoi piani si risolveva nel rimproverare la moglie e urlare ai bambini. Occasionalmente, sarebbe scoppiato in violenza fisica, scagliando qualcosa nell'esasperazione o disciplinando fisicamente un bambino turbolento.

Da un momento all'altro, giorno dopo giorno, nel suo superottimismo, il criminale crede di avere carta bianca da fare a suo piacimento senza interferenze. Il superottimismo consente a un criminale di funzionare secondo ciò che vuole, piuttosto che chi è:
* Certo di un aumento salariale, il criminale prevede già di spendere il reddito extra.
* Certo che farà un esame, il criminale non pensa di aver bisogno di aprire un libro in preparazione.
* Certo che una donna in un bar è innamorata di lui, la rimprovera quando respinge la sua avanzata.
* Certo al suo coniuge non importa se esce con i suoi amici piuttosto che cercare un lavoro, si arrabbia quando mette in dubbio la sua decisione.

Il criminale non mette in dubbio la correttezza delle sue opinioni o la ragionevolezza delle sue richieste. Joanna stava spingendo il suo carrello verso il bancone della cassiera quando, con la coda dell'occhio, individuò una donna che si stava dirigendo nella stessa direzione. In una grande corsa, lei avanzò. Dopo aver sentito la signora mormorare al suo compagno, "Quella puttana ci colpirà con il suo carretto", Joanna si fracassò nel loro carretto, poi assalì una delle donne. Sosteneva che se non si fossero messi sulla sua strada, lei non li avrebbe colpiti. (Le forze dell'ordine lo hanno visto in modo diverso).

Criminali come Gene e Joanna percepiscono la vita come una strada a senso unico. Pensare a qualcosa lo rende così. Non c'è motivo di considerare gli altri se ciò costituisce una barriera a ciò che stanno contemplando. Non ci sono "se" una volta che un criminale intraprende una linea di condotta. Può temporaneamente modificare i suoi piani se decide di attendere circostanze più favorevoli per la sua impresa. Altrimenti, rimane superottimistico che realizzerà il suo obiettivo, ed è implacabile nel perseguirlo.

Solutions Collecting From Web of "Il "supereroptimismo" del criminale"