Il suicidio è più comune a Natale?

[Articolo aggiornato il 17 settembre 2017]

Pixabay
Fonte: Pixabay

1. Il suicidio è molto raro . Falso. Negli Stati Uniti, circa 30.000 persone muoiono per suicidio ogni anno e il tasso di tentato suicidio è molto più alto, tanto che si stima che ci sia un tentativo di suicidio al minuto . In tutto il mondo, il suicidio rivendica più morti di incidenti, omicidi e guerra combinati. E molti casi di suicidio, soprattutto negli anziani, passano completamente inosservati e dispersi.

2. Le persone spesso si suicidano per ragioni razionali . Falso. Gli psichiatri credono che oltre il 90 per cento dei casi di suicidio non siano il risultato di una decisione razionale ma di un disturbo mentale. L'ideazione suicidaria può essere particolarmente intensa nelle persone con disturbi mentali non curanti o che sono resistenti o non conformi alle loro medicine e / o che stanno vivendo certi sintomi ad alto rischio come delusioni di persecuzioni, delusioni di controllo, delusioni di gelosia, delusioni di colpa e allucinazioni secondarie uditive in seconda persona (ad esempio, una voce che dice "prendi quel coltello e ucciditi").

3. Le persone hanno maggiori probabilità di suicidarsi nel periodo di Natale . Falso. Contrariamente alla credenza popolare, il tasso di suicidi culmina in primavera, non in inverno. Questo è probabilmente perché la rinascita che segna la primavera accentua i sentimenti di disperazione in coloro che già ne soffrono. Al contrario, nel periodo natalizio la maggior parte delle persone con pensieri suicidi offre un certo grado di protezione dalla vicinanza dei loro parenti e, almeno nell'emisfero settentrionale, dalla prospettiva di "migliorare le cose da qui".

4. Il tasso di suicidi aumenta durante i periodi di depressione economica e cade durante i periodi di boom economico . Falso. Il tasso di suicidi aumenta durante i periodi di depressione economica e durante i periodi di boom economico, poiché le persone si sentono "lasciate indietro" se tutti i Tom, Dick e Harry sembrano andare avanti. Sebbene gli economisti si concentrino sulle dimensioni assolute dei salari, diversi studi sociologici hanno rilevato che l'effetto del denaro sulla felicità risulta meno dalle cose che il denaro può comprare (effetto reddito assoluto) che dal confronto del proprio reddito con quello dei coetanei (effetto reddito relativo ). Questo potrebbe spiegare la scoperta che le persone nei paesi sviluppati come gli Stati Uniti e il Regno Unito non sono più felici di 50 anni fa; nonostante siano considerevolmente più ricchi, più sani e migliori, sono riusciti a malapena a "tenere il passo con i Jones".

5. Il tasso di suicidio aumenta durante i periodi di guerra e conflitti . Falso. Il tasso di suicidio cade in periodi di coesione nazionale o si uniscono, come durante una guerra o il suo sostituto moderno, il torneo sportivo internazionale. In questi momenti non c'è solo la sensazione di "stare insieme", ma anche un senso di anticipazione e curiosità su cosa succederà dopo. Ad esempio, uno studio condotto in Inghilterra e nel Galles ha rilevato che il numero di suicidi segnalati per il mese di settembre 2001 (all'indomani dell'11 settembre) era significativamente inferiore rispetto a qualsiasi altro mese di quell'anno e inferiore a qualsiasi mese di settembre in 22 anni. Secondo l'autore dello studio, queste scoperte supportano la teoria di Durkheim secondo cui periodi di minaccia esterna creano un'integrazione di gruppo all'interno della società e riducono il tasso di suicidio attraverso l'impatto sulla coesione sociale ".

6. Il suicidio è sempre un atto di disperazione individuale e mai un comportamento appreso . Falso. Ad esempio, il tasso di suicidio aumenta dopo la rappresentazione o la segnalazione di un suicidio nei media. Un suicidio ispirato a un altro suicidio, nei media o nella vita reale, viene a volte definito un "suicidio del copione" e il fenomeno stesso come "effetto Werther". Nel 1774 il politologo tedesco JW Goethe (1749-1832) pubblicò un romanzo intitolato The Sorrows of Young Werther in cui il personaggio di finzione di Werther si spara dopo un romanzo sfortunato. In men che non si dica, i giovani di tutta Europa cominciarono a suicidarsi usando esattamente lo stesso metodo di Werther e il libro dovette essere bandito in diversi luoghi. In alcuni casi il suicidio può diffondersi attraverso un'intera comunità locale con un suicidio che dà origine al prossimo, e così via. Un tale "contagio suicida" è più probabile che si verifichi in gruppi di popolazione vulnerabili come adolescenti insoddisfatti e persone con disturbi mentali.

7. Qualcuno che è stato ricoverato in ospedale non è più a rischio di suicidarsi. Falso. I pazienti psichiatrici hanno un rischio particolarmente alto di suicidarsi nonostante la cura e la supervisione a volte continue che ricevono: ogni anno in Inghilterra, circa 150 degenti psichiatrici si suicidano. Il rischio di suicidio è aumentato anche nei degenti medici e chirurgici negli ospedali generali. I pazienti ospedalieri e chirurgici che soffrono di malattie terminali, che comportano dolore o disabilità cronica (a lungo termine) o che colpiscono direttamente il cervello, sono particolarmente a rischio di suicidio. Esempi di tali malattie includono il cancro, il diabete a esordio precoce, l'ictus, l'epilessia, la sclerosi multipla e l'AIDS.

Neel Burton è autore di Growing from Depression , The Meaning of Madness , Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions e altri libri.

Trova Neel su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Il suicidio è più comune a Natale?"