Il sistema di rifugiati perpetua il trauma per i richiedenti asilo LBGTQ

Ted McGrath on Flickr
Fonte: Ted McGrath su Flickr

Fino a poco tempo fa Montgomry Danton viveva nell'isola caraibica di Santa Lucia, dove il suo status di omosessuale lo metteva quotidianamente a rischio di violenza, discriminazione e altre forme di persecuzione.

Sebbene abbia lavorato come responsabile per un'organizzazione per i diritti umani, il suo coinvolgimento con la comunità LGBTQ (lesbica, gay, bisessuale, transgender, queer) lo ha reso vulnerabile in una società che criminalizza la sua sessualità. Durante un viaggio a Toronto per la World Human Rights Conference a giugno 2014, Danton ha preso la difficile decisione di rimanere in Canada e chiedere asilo sulla base dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere.

"Non è mai stata una cosa pianificata che venissi davvero intenzionalmente a fare, ma in termini di cose che stavo passando a casa non volevo più attraversarlo".

Per fare questo tipo di reclamo, le persone LGBTQ devono convincere i responsabili delle decisioni circa l'autenticità del loro orientamento sessuale e dimostrare un fondato timore di persecuzioni e mancanza di protezione dei diritti nel loro paese d'origine.

Danton afferma che l'onere della prova è posto esclusivamente sul richiedente:

"Era un sacco di domande in termini di, sai che è stato a causa della tua sessualità che questo è successo a te?"

Le prove richieste dall'Immigration and Refugee Board (IRB) per dimostrare un reclamo possono includere fotografie e lettere di amici, familiari, partner o un'organizzazione LGBTQ ufficiale, oltre a rapporti della polizia e registri ospedalieri, o note cliniche da parte di un consulente. Questo può essere particolarmente difficile per i richiedenti asilo LGBTQ che hanno trascorso la maggior parte della loro vita cercando di tenere nascosta la propria identità.

Come molti altri, Danton ha dovuto affidarsi a qualcuno a casa per raccogliere prove a suo nome. Sua sorella ha colpito i posti di blocco a ogni angolo mentre tentava di raccogliere lettere di sostegno da amici riluttanti che temevano la persecuzione, e ha dovuto molestare agenti di polizia non cooperativi per i rapporti sugli attacchi che erano stati fatti su Danton a St. Lucia.

Mentre l'Unione Europea ha emesso una sentenza storica nel dicembre 2014 che questo tipo di sistema basato sull'evidenza viola i diritti umani, con conseguente abolizione in Gran Bretagna, il Canada deve ancora seguire l'esempio. A peggiorare le cose, le nuove regole sull'immigrazione consentono ai richiedenti meno di sessanta giorni di costruire un caso e prepararsi per la loro audizione.

"È palesemente non abbastanza tempo per raccogliere informazioni … in realtà ha contribuito alla mia depressione."

Danton descrisse il processo di asilo nel suo stato attuale come stressante e travolgente, che alla fine portò a un crollo. Prima di cercare un consigliere, ha considerato di ritirare la sua domanda di status di rifugiato:

"Ero molto depresso. Volevo solo dare tutto in termini di uccidermi o di tornare a casa. "

Spesso, l'IRB farà le sue ricerche su un candidato o paese d'origine e Danton crede che il suo coinvolgimento con l'organizzazione LGBTQ a St. Lucia abbia contribuito a fornire prove sufficienti, permettendogli di vincere alla fine il suo caso.

Danton sottolinea inoltre che la sua partecipazione ai programmi di sensibilizzazione LGBTQ ha reso più facile per lui sentirsi a proprio agio a parlare della sua esperienza, ma questo non è vero per tutti coloro che si trovano di fronte all'Immigration Refugee Board. Mancanza di prove, e con la minaccia della deportazione che incombe su di loro, la pressione per farlo bene può causare maggiore stress e ansia per i richiedenti asilo LGBTQ, che sono già privi di servizi di salute mentale in Canada.

Dove Montgomry Danton ha avuto successo nel rivendicare lo status di rifugiato, innumerevoli altri hanno fallito e sono stati deportati di nuovo in paesi che criminalizzano l'omosessualità e mettono in pericolo le loro vite. Sebbene il processo stesso possa perpetuare il trauma per il richiedente asilo, Danton insiste che gli altri devono provare se vogliono vivere liberi:

"Devi sempre correre dei rischi se vuoi essere accettato per quello che sei veramente."

– Sarah Hall, Collaboratrice, The Trauma and Mental Health Report

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "Il sistema di rifugiati perpetua il trauma per i richiedenti asilo LBGTQ"