Il silenzio è partecipazione

Ancora una volta siamo testimoni degli orrori della violenza sociale, quando una persona depressa, impotente o altrimenti disturbata, come lo sparatutto UC Santa Barbara, commette atti di violenza oltraggiosa nelle nostre scuole, nei centri commerciali e nelle strade. Oltre a essere sconvolti, sconvolti e impotenti, cosa possiamo fare, come individui e come nazione, per favorire un cambiamento nella nostra cultura dall'agire alla risoluzione del conflitto e alla giustizia?

Essere al sicuro nel corpo e nella mente dovrebbe essere un diritto di cittadinanza ed è anche uno dei sette elementi fondamentali di Affluence Intelligence: "Essere al sicuro nel corpo e nella mente" è una condizione necessaria per navigare nel viaggio di avere un successo personale e finanziario vita. Ciò significa non sentirsi fisicamente minacciati o continuamente spaventati nella vita quotidiana. Il nostro lavoro ci ha mostrato che la prescrizione per ridurre la violenza sociale inizia con le nostre famiglie e comunità, con come genitori, insegnanti, forze dell'ordine e bambini affrontano conflitti, disaccordi e cambiamenti a casa, a scuola e per le strade.

Di recente Joan e io abbiamo avuto l'opportunità di incontrare Nicholas Carlisle , un avvocato, psicoterapeuta e direttore esecutivo di No Bully. Avendo sperimentato in prima persona la realtà del bullismo nelle scuole superiori, si è impegnato a creare scuole in cui ogni bambino si sente accettato dai suoi coetanei. Nicholas si è laureato all'Università di Oxford, si è qualificato come avvocato con un focus sui diritti umani ed è stato presidente della sezione no-profit di Amnesty International in Gran Bretagna. Nicholas è un esperto oratore, esperto testimone e commentatore sul bullismo scolastico per le stazioni televisive e radiofoniche di tutto il paese.

Perché dici che il bullismo riguarda tutti noi?

Ho letto la lettera di Martin Luther King da un carcere di Birmingham . "Siamo presi in una rete ineluttabile di mutualità, legati in una sola veste di destino. Tutto ciò che colpisce uno direttamente colpisce tutti indirettamente."

C'è una scuola vicino a noi dove gli studenti vengono presi di mira oggi perché sono diversi, o semplicemente perché ad altri bambini non piacciono. Ecco la scelta che ognuno di noi affronta. Sapendo quanta sofferenza ha il bullismo, e sapendo che il silenzio è partecipazione, possiamo restare a guardare e non fare nulla? È questa domanda che mi ha spinto a fondare No Bully e mi dà la motivazione per portare il nostro programma a livello nazionale. Avendo sopportato il bullismo quotidiano della realtà nei miei anni del liceo, non posso sopportare e vedere la generazione attuale soffrire ciò che molti di noi hanno sopportato.

Mentre gli Stati Uniti cercano di elevare i propri standard educativi per competere nel mercato internazionale, il bullismo apporta un costo accademico, sociale ed economico che non possiamo permetterci. Oltre a ciò, se non riusciamo a interrompere le abitudini di aggressione e intolleranza negli studenti che fanno il prepotente, porteranno queste stesse abitudini sul luogo di lavoro, ai loro matrimoni e alle comunità in cui viviamo.

Perché la chiami un'epidemia?

Questo anno scolastico un terzo degli studenti delle scuole elementari e secondarie (circa 17 milioni di studenti solo negli Stati Uniti) sono stati coinvolti nel bullismo, sia come bulli che come bersaglio. Questi numeri sono enormi. Se il bullismo fosse una malattia, i genitori starebbero sfondando la porta del Surgeon General americano, chiedendo un'azione.

Parli del bullismo come una malattia, perché?

Il bullismo è un comportamento che descrive come ci relazioniamo al potere. I bulli usano "power over" per ottenere la loro strada e gli obiettivi troppo facilmente si arrendono al ruolo della vittima. La metafora della malattia è adatta a un fenomeno che causa ai giovani un danno fisico ed emotivo. Simile alla malattia, varia in intensità e ha un impatto maggiore o minore a seconda delle risorse psicologiche e di amicizia degli studenti coinvolti e anche delle loro situazioni familiari. Tipicamente il bullismo porta a ansia, depressione e sintomi psicosomatici nei suoi obiettivi e in alcuni casi ideazione suicida e violenta.

Il bullismo può lasciare sintomi a lungo termine. C'è stato uno studio all'inizio dell'anno sull'American Journal of Psychiatry che riportava che le vittime del bullismo all'età di 45 anni avevano lo stesso rischio di sintomi emotivi e psicologici per gli adulti che erano stati posti in cura o che avevano subito numerosi traumi infantili. La mia ipotesi è che il 5% degli studenti attualmente a scuola (2,5 milioni di studenti statunitensi) non raggiungeranno mai il loro pieno potenziale da adulti perché sono stati ripetutamente bersagliati dai bulli.

Perché pensi che il bullismo abbia così tanto impatto?

Ho un lungo dibattito su questo con i miei colleghi che praticano la terapia dell'attaccamento. Siamo collegati per relazioni strette e positive con i nostri pari tanto quanto per gli attaccamenti sicuri ai nostri genitori. È nelle nostre amicizie che la nostra identità e il nostro senso positivo sono forgiati. Il bullismo è una negazione dell'amicizia e il nostro bisogno di appartenere. Quando il bullismo si rivolge a uno studente a causa della sua identità principale – e gli studenti sono particolarmente a rischio di bullismo a causa di razza, disabilità, corporatura o orientamento sessuale – il trauma basato sulla vergogna viene aggiunto al mix e può essere devastante.

Sei un uomo in missione; perché hai speranza di fronte ai recenti aumenti della violenza sociale?

Negli ultimi anni abbiamo concordato come nazione che il bullismo studentesco non sarà più tollerato. Ogni stato degli Stati Uniti (eccetto il Montana) ha promulgato una legge che vieta il bullismo. Ora abbiamo soluzioni. Sappiamo dalla ricerca che le scuole addestrate nel No Bully System stanno risolvendo oltre l'80% dei casi di bullismo usando i Solution Team degli studenti senza dover ricorrere alla punizione. Il più grande ostacolo al cambiamento è che il bullismo è un mandato non finanziato. Se il governo e i filantropi si unissero per fornire le risorse per formare scuole in efficaci sistemi anti-bullismo, vedremmo lotte, bullismo e il tasso di abbandono tutti significativamente ridotti. Le scuole sarebbero luoghi in cui l'apprendimento potrebbe decollare. Sarebbe rivoluzionario.

In chiusura, Joan e io vorremmo che lei prendesse in considerazione: se accettassimo questo aumento della violenza sociale come "la nuova normalità", come alcuni hanno espresso nei media, il silenzio è in realtà la partecipazione all'erosione del diritto umano di raggiungere la sicurezza nel corpo e nella mente. Allora cosa stiamo passando ai nostri figli e nipoti?

Solutions Collecting From Web of "Il silenzio è partecipazione"