Il silenzio non è sempre d'oro

Ieri ero entrata in un negozio e ho visto una madre affiancata da due bambini che camminavano dal parcheggio al negozio. Uscendo dal negozio e camminando nel parcheggio c'era una donna anziana con le stampelle con una gamba. La donna più anziana era già a una decina di metri di distanza e notai che il bambino si girava continuamente per guardarla mentre percorreva il mondo su una gamba. Sembrava curioso e attento. Probabilmente tutti possiamo prevedere cosa succederebbe solo pochi secondi dopo che il bambino ha chiesto, "Mamma, perché ha una sola gamba?" Nervosamente e velocemente, lei rispose, "Tesoro, shhh, non è bello."

Camila Damasio/Unsplash
Fonte: Camila Damasio / Unsplash

Ma cosa succede quando i genitori rispondono ai bambini in questo modo lungo linee di differenza? Quale messaggio invia ai bambini le persone che guardano, si comportano e vivono il mondo in modo diverso?

Piccole ragazze bianche e nere possono giocare insieme in un parco e toccarsi i capelli per curiosità per le diverse trame e colori, non sapendo come la razza e il razzismo circoscrivono quel momento. I ragazzini potrebbero vedere due uomini che si baciano in un ristorante e chiedere agli adulti di cosa si tratta e si può rispondere con il silenzio, il disprezzo o la vergogna o tutto ciò combinato.

I bambini spesso chiedono agli adulti la differenza quando sono molto piccoli, quando il momento è tenero, elastico e malleabile – quando sarebbe più possibile generare maggiore tolleranza, accettazione, cura e amore. Il modo in cui incontriamo i bambini e riceviamo le loro domande in quei momenti dice molto di più sul disagio dei genitori e sulla costruzione sociale dei problemi e la reazione a questi problemi più di qualsiasi cosa su ciò che i bambini stanno chiedendo. In quei momenti, i bambini non giudicano; stanno percependo. Stanno trasmettendo la curiosità per il mondo più grande di loro stessi – una cosa buona che dobbiamo incoraggiare di più, non di meno.

Risposte come quella a cui ho assistito nel negozio che invocano toni silenziosi e silenzio non invitano i bambini a chiedere allo stesso adulto altre domande, ma soprattutto non fermano l'interrogatorio. Risposte come queste fanno anche qualcos'altro che è dannoso – aggiungono una sovrapposizione di giudizi sulla percezione della differenza, trasmettono che l'altra persona è Altro, qualcuno con cui mantenere la distanza e avere paura, e queste risposte sono disoneste riguardo alla valore nella variabilità delle esperienze vissute. Ciò che è anche interessante è che il bambino piccolo in uno scenario come questo sta semplicemente facendo una domanda e non indicando una capacità di crudeltà basata sulle differenze.

Confido che la madre del negozio non intendesse essere maliziosa in alcun modo e probabilmente si è vista come se stesse cercando di mostrare a suo figlio come essere gentile con gli estranei in un luogo pubblico. I genitori sono sfidati da molte cose, e in un momento storico come questo che è particolarmente carico di emotività e intenso di una recente violenza piena di odio attraverso le differenze, i genitori si trovano di fronte al difficile compito di sostenere i loro figli tra dolore collettivo e crisi e come far fronte a se stessi.

Ci sono due incarichi che faccio con gli studenti universitari che sembrano avere più rilevanza ora che mai. Una è che io creo un'attività di scrittura e una discussione in cui riflettono su un tempo in cui erano bambini piccoli e vedevano qualcuno diverso da loro e ne chiedevano ad un adulto. Devono ricordare ciò che hanno osservato, quello che hanno chiesto, il modo in cui hanno risposto e come desiderano che la persona abbia risposto.

Inoltre, assegno un progetto agli studenti per cercare una persona molto diversa da loro, a causa della religione, della razza, dell'identità sessuale, dello stato socioeconomico, della disabilità, ecc., E per iniziare una conversazione e un'intervista con la persona e scrivere un documento su di esso, collegando i concetti di classe e riflettendo sulle loro esperienze.

Di volta in volta, ciò che questi compiti e attività di classe rivelano è la curiosità intrinseca dei giovani a conoscere "l'altro" e il modo in cui l'interazione sociale e la costruzione sociale delle differenze spesso diminuiscono questa possibilità. Gli studenti esprimono sollievo e persino gioia nell'apprendere un rendering più veritiero da parte delle persone stesse che abitano una categoria di differenza di cui sono meno informati.

Tutto ciò indica la necessità fondamentale per i genitori di incontrare i bambini piccoli quando sono coinvolti nel processo di interrogatorio e di contribuire a creare le possibilità di ponti verso un dialogo reale. Dopo tutto, è la paura di coloro che non conosciamo o cerchiamo di capire che alimenta così tanto l'odio, l'abrasività e la violenza in mezzo a noi.

Solutions Collecting From Web of "Il silenzio non è sempre d'oro"