Il significato di Adamo ed Eva

Pixabay
Fonte: Pixabay

Il primo libro dell'Antico Testamento, Genesi, apre la storia di Adamo ed Eva. Secondo un sondaggio condotto nel 2014 per la Biologos Foundation, più della metà degli americani ritiene che "Adamo ed Eva fossero persone reali". Sia letterale o allegorico, qual è il significato e l'eredità della loro storia?

Uomo

Il sesto giorno, dopo aver creato tutto il resto, Dio plasmò l'uomo con la polvere della terra e respirò nelle sue narici il respiro della vita. 'E così Dio creò l'uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li hanno creati ". Diede loro il dominio sugli animali e disse loro di sottomettere e ricostituire la terra.

In Genesi 1, sembra che Dio abbia creato l'uomo e la donna allo stesso tempo. Per di più, Dio li ha creati a sua somiglianza, respirandoci dentro, suggerendo che, a differenza di altri animali, condividono attributi divini come il linguaggio (simbolismo), la ragione e la creatività. Ha dato loro una parte del suo dominio e li ha resi custodi della sua creazione. Ha anche detto loro di riempire la terra: tutta l'umanità discende da loro; tutta l'umanità è una grande famiglia.

Eden

Dio piantò un giardino di abbondanza a est nell'Eden, nel quale pose l'uomo "per vestirlo e per mantenerlo". Il giardino conteneva molti alberi piacevoli e fruttuosi, tra cui, nel suo centro, l'albero della vita e l'albero della conoscenza del bene e del male. Dio disse all'uomo: "Di ogni albero del giardino puoi mangiare liberamente; ma dell'albero della conoscenza del bene e del male, non ne mangerai; poiché nel giorno in cui ne mangerai, per certo morrai".

In Genesi 2, Dio crea il Giardino dell'Eden e l'uomo è confermato come la gloria della creazione. Lo stato di abbondanza in cui l'uomo si trova corrisponde all'età d'oro dei greci, degli indù e di altri: un periodo primordiale di pace e prosperità, innocenza e virtù. Molte tradizioni includono anche un albero centrale, una vite, un pilastro, una montagna o un altro asse mundi che collega il cielo e la terra. Per esempio, nel mito di Erone di Platone, le anime sulla via della rinascita viaggiano verso il Fuso della Necessità, un pozzo di luce intensamente luminosa che si estende nei cieli e tiene insieme l'universo. La connessione al cielo simboleggia la nozione dell'uomo, e il desiderio, ideali puri come l'amore, la giustizia, la bellezza e Dio stesso, anche se non ha mai sperimentato queste forme perfette, o platoniche. Nell'Eden non ci sono uno ma due alberi centrali: l'albero della vita e l'albero della conoscenza del bene e del male, cioè l'albero della coscienza morale e, per estensione, della scelta e della libertà. Dio proibisce all'uomo di mangiare da quest'ultimo albero, avvertendolo che se lo farà, morirà.

vigilia

Dio disse: "Non è bene che l'uomo sia solo …". Ha portato fuori tutti gli animali perché Adamo lo nominasse, ma nessuno si è dimostrato un compagno adatto. Così ha portato un sonno profondo su Adam e ha modellato la donna da una delle sue costole. Osservando Eva, Adamo disse: "Questo è ora un osso delle mie ossa e una carne della mia carne: sarà chiamata Donna, perché è stata tolta all'uomo".

Anche se la donna sembra essere stata creata in Genesi 1 ("maschio e femmina li creò"), Genesi 2 trova Adamo solo nel Giardino dell'Eden. Questa è solo una delle numerose incongruenze o apparenti incoerenze nella storia della genesi.

Dio dice che "non è bene che l'uomo sia solo", suggerendo che l'uomo è un animale sociale e inadatto alla solitudine. Adamo chiama gli animali, e per nominare qualcosa è esercitare il controllo su di esso, e molto altro ancora, per esercitare il linguaggio e il pensiero simbolico, che, come attesta Giovanni 1: 1, sono attributi divini: "In principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. ' Adamo ha una parte nella creazione e una partecipazione al divino.

Data la sua natura superiore, nessuno degli animali è ritenuto un compagno adatto per Adamo, e Dio crea Eva da una delle costole o lati di Adamo. Lo stesso Adamo sottolinea che Eva è come un altro sé, indicando che l'uomo e la donna sono uguali, o, almeno, creati uguali: 'Questo è ora ossa delle mie ossa e carne della mia carne … Perciò un uomo lascerà suo padre e il suo madre, e si unirà a sua moglie: e saranno una sola carne ". C'è un parallelo con il mito di Platone di Aristofane, secondo cui gli esseri umani sono stati letteralmente tagliati in due come punizione dagli dei, e rimangono incompleti finché non sono in grado di trovare la loro "altra metà". Entrambi i resoconti implicano il matrimonio e la monogamia come la norma per l'uomo.

Il serpente

Un giorno, il serpente, il più sottile di tutte le bestie nella creazione di Dio, prese Eva in disparte e la rassicurò che non sarebbe morta se avesse mangiato dall'albero della conoscenza del bene e del male. Dio ha mentito perché 'sa che nel giorno in cui ne mangerete, allora i vostri occhi saranno aperti e voi sarete come dei, conoscendo il bene e il male'. Eve prese del frutto e mangiò e diede ad Adamo da mangiare. "E gli occhi di entrambi furono aperti, e sapevano che erano nudi; e cucirono insieme le foglie di fico e si fecero dei grembiuli ».

Come l'uomo, il serpente ha la capacità di parlare e di ragionare. L'unico altro animale che parla nel Pentateuco è l'asino di Balaam, e solo perché Dio ha aperto la bocca. Il serpente è seducente e di forma fallica, e può rappresentare la tentazione sessuale o l'adulterio, offrendo, come l'albero stesso, le possibilità di scelta, libertà, senso di colpa e rimorso.

Ma naturalmente, dev'essere stato Dio stesso a fare il serpente e l'albero, e chi li ha messi alla portata dell'uomo, nella certezza – questo essere Dio – che l'uomo avrebbe mangiato dall'albero. O l'uomo prima della caduta non aveva conoscenza del bene e del male, nel qual caso era tenuto ad arrendersi al serpente; o aveva qualche conoscenza (nonostante non avesse ancora mangiato dall'albero), ma cedette alla tentazione orgogliosa, cioè alla natura dell'uomo, di elevarsi alla pari degli dei.

Alcuni dei miti greci più vivaci, come quelli di Icaro, Edipo, Sisifo e Tantalo, possono essere letti come ammonimenti contro l'hybris, che è la sfida degli dei per l'orgoglio squilibrato, che conduce alla nemesi o alla rovina. 'L'orgoglio va prima della distruzione e uno spirito altero prima di una caduta', ed è anche per orgoglio che l'angelo Lucifero (Lat. 'Light-maker') cadde dal Cielo: 'Come sei caduto dal cielo, O Lucifero, figlio del mattino! … Poiché hai detto nel tuo cuore, salirò in cielo, esalterò il mio trono sopra le stelle di Dio … Sarò come l'Altissimo. ' Sebbene non vi sia alcuna menzione in Genesi di Satana o di Lucifero, il serpente è stato spesso associato al diavolo stesso.

La caduta

Sentendo la voce di Dio, Adamo ed Eva nascondono la loro nudità tra gli alberi. Adamo incolpava sia Eva che Dio: "La donna che tu hai voluto essere con me, mi diede dall'albero e io mangiai". Eve a sua volta incolpò il serpente: "Il serpente mi ha ingannato e io ho mangiato". Dio maledisse il serpente per andare sul suo ventre e mangiare polvere, e mettere inimicizia tra il serpente e l'uomo: '[il seme dell'uomo] ti schiaccerà il capo, e tu schiaccerai il suo tallone'. Maledisse Eva alle doglie del parto e alla sottomissione matrimoniale. Maledisse il terreno, condannando Adamo a una vita di fatica e di dolore: "Con il sudore della tua faccia mangerai il pane, finché tu ritorni alla terra, poiché da essa eri preso: per la polvere sei e per polvere tornerai ». Dio rivestì Adamo ed Eva con le pelli e li espulse dall'Eden per timore che Adamo, che "è diventato come uno di noi, per conoscere il bene e il male … stese la mano, e prenda anche l'albero della vita, e mangi e viva per mai.' Per tenerli fuori dalla portata dell'albero della vita, pose dei cherubini e una spada fiammeggiante e girevole alle porte dell'Eden.

L'orgoglio è uno dei sette peccati capitali, ed è il peccato più odiato da Dio perché sopporta tutti gli altri peccati, e perché ci rende ciechi alla verità e alla ragione. Per tutto questo, è indiscutibilmente il serpente che ha detto la verità, e Dio che ha ingannato, perché Adamo ed Eva non sono morti mangiando dall'albero – o almeno non immediatamente, si dice che Adam abbia vissuto 930 anni. Quindi, o Dio era geloso dei suoi stessi poteri, o ha impostato l'albero e il serpente per testare l'uomo, nella consapevolezza che avrebbe ceduto.

In epoche successive, Eva ha preso la maggior parte del rap per la caduta dell'uomo. Nel suo trattato sull'abbigliamento femminile, il primo scrittore cristiano Tertulliano ha condannato le donne come "la porta del diavolo": "A causa del tuo deserto", ha vituperato, "anche il Figlio di Dio doveva morire". Eve è un avvertimento per l'uomo, e in particolare per la donna, che disobbedire è un disastro. Ma la misoginia in Genesi non è affatto un'eccezione culturale. La controparte di Eva nel mito greco è la prima donna Pandora, che fu mandata all'uomo in punizione per aver partecipato all'incendio che Prometeo aveva rubato agli altri dei: trascurando l'avvertimento di non aprire il vaso dei mali, portò l'Età dell'Oro di Uomo alla fine. Il mito greco è disseminato di tentatrici pericolose e distruttive come Circe, Medea e le sirene, e persino la bella Helen è ricordata soprattutto per aver scatenato la guerra di Troia.

Ma proprio come Prometeo consegnò il fuoco rubato all'uomo, così Eva e il serpente consegnarono l'uomo all'autocoscienza, preparandolo, se non fosse stato per la sua breve durata di vita, come rivale di Dio. Allo stesso tempo, l'autocoscienza dell'uomo lo ha rimosso dalla natura in una vita di fatica, dubbio, paura, colpa, vergogna, biasimo, inimicizia, solitudine e fragilità – e il prodotto di questa separazione, il frutto e il fiore di questo esilio , è, ovviamente, cultura.

"Dio", disse lo scrittore Victor Hugo (1802-1885), "fece solo acqua, ma l'uomo fece vino".

Quindi, è stato esiliato un prezzo che vale la pena pagare, o preferiresti rimanere in Eden? In tal caso, potresti resistere alla tentazione di mangiare dall'albero della conoscenza del bene e del male? Se hai letto fino ad ora, la risposta è probabilmente no.

Neel Burton è l'autore di Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions , For Better Porse: dovrei sposarmi? e altri libri.

Trova Neel su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Il significato di Adamo ed Eva"