Il significato della vita, secondo Twilight, è amore, solo amore

Questo post sul blog è stato adattato da un saggio più lungo su questo argomento che verrà presentato in una prossima antologia di Psychology of Twilight pubblicata da BenBella Books. Per un'analisi più razziale delle notizie e della cultura popolare, unisciti a | Tra le linee | Pagina Facebook e segui Mikhail su Twitter.

Ammettiamolo: la maggior parte di noi che vivono nei paesi occidentali preferirebbe pensare ad altre cose oltre alla nostra certa scomparsa. Tuttavia, la morte è una parte così cruciale della vita che i filosofi e gli psicologi esistenziali hanno talvolta descritto come un dono 1 . Nelle parole del romanziere Paul Theroux, "La morte è una notte senza fine così terribile da contemplare che può farci amare la vita e valorizzarla con tale passione che potrebbe essere la causa ultima di ogni gioia e di ogni arte".

In altre parole, la morte è un dono, perché la nostra consapevolezza della nostra mortalità ci dà la vita urgente e ci costringe a trovare in esso un significato. Il significato specifico deve essere determinato individualmente, ma gli psicologi esistenziali Rollo May e Irving Yalom sostengono che il confronto con la morte persuade gli individui a contare le loro benedizioni, diventano più consapevoli di come le loro relazioni hanno un impatto sulla loro vita e si impegnano più pienamente con lo scopo della loro vita (290 ).

La serie di Twilight contiene una varietà di diversi incontri con la morte. In quanto tale, a parte l'intrattenimento, fa diverse affermazioni sulla vita, compreso ciò che le dà significato.

Per Bella, un incontro cruciale con la morte avviene alla fine di Twilight quando decide di sacrificare la propria vita per proteggere sua madre, che Bella pensa sia tenuta prigioniera da James. Dopo essere sopravvissuta a questo incontro grazie a un salvataggio tempestivo, Bella decide di amare Edward così tanto che vuole sacrificare la sua vita mortale per poter trascorrere l'eternità con lui. Inoltre, poiché Edward è stato cambiato a 17 anni, vuole che la fine (e il nuovo inizio) sia immediata.

Per Bella, l'aldilà che desidera è valsa la pena del costo della sua vita umana, e lei non sembra lottare molto con la scelta. È, sicuramente, rattristata dalla consapevolezza che ciò significa probabilmente non rivedere mai più i suoi genitori, ma sembra che non ci siano altre relazioni umane che valgono la pena di soffrire o di esperienze umane degne di essere vissute 2 . Per Bella, diventare un vampiro (per stare con Edward) inizia rapidamente a essere l'obiettivo primario, se non l'unico, della sua vita umana.

Il messaggio è chiaro: ciò che dà senso alla vita e lo scopo è la capacità di amare, più specificamente, l'opportunità di essere in una relazione amorosa e romantica 3 .

Da una prospettiva esistenziale, questo è del tutto accettabile. Dopotutto, il significato della vita è qualcosa che ogni persona deve capire per se stesso. Per molte critiche femministe, tuttavia, l'interesse di Bella per Edward ad escludere praticamente tutto il resto è stato un punto di contesa (si veda, per esempio, questo trattamento nella rivista Ms.). Le critiche culturali femministe non sono anti-amore o anti-uomini. Sostengono solo che i lavori di narrativa dovrebbero riflettere la piena ricchezza degli interessi e delle capacità delle donne di contribuire alla società, piuttosto che rafforzare le tradizionali rappresentazioni di genere delle giovani donne che trovano la realizzazione personale esclusivamente in una relazione romantica.

Da parte sua, Meyer ha negato che Twilight sia un'opera anti-femminista. Prende la posizione che il femminismo è principalmente sulla convalida e il rispetto dell'intera gamma di scelte delle donne, comprese quelle cosiddette tradizionali. Sottolinea inoltre che Bella è un personaggio immaginario in un universo non realistico e che non ha mai pensato per le scelte di Bella di riflettere le proprie preferenze o di essere il modello per chiunque altro.

Le scelte di Bella valgono la pena di discutere – in una varietà di contesti – tra cui il femminismo e le relazioni sane, ma la dicotomica definizione del dibattito come femminista contro anti-femminista mi sembra altamente controproducente. Tale inquadratura non solo limita la ricchezza della discussione, ma crea tensione e sentimenti di cattiva volontà che non sono utili a nessuna persona del gruppo. Se vogliamo usare un obiettivo femminista (e penso che una tale lente sia utile), sembra molto più significativo e utile descrivere sia i modi in cui le scelte di Bella contribuiscono a un ideale femminista sia i modi in cui si allontanano da quello ideale.

Personalmente, non rimpiango Bella delle sue scelte. Al contrario, apprezzo che le scelte di Bella siano completamente sue, piuttosto che una interiorizzazione dei suoi genitori, e ammiro la sua volontà di perseguire ciò che vuole alle sue stesse condizioni. Allo stesso tempo, auguro a Bella lo stesso di quello che desidero per i miei figli, una vita piena di amore (ovviamente!) Ma non solo amore. Auguro a Bella una coscienza umanistica e spirituale, un desiderio non solo di amare ma anche di crescere psicologicamente e di trovare modi per contribuire alla sua comunità in una varietà di modi diversi. Spero che avendo trovato l'amore, ora inizi a concentrarsi su queste altre cose che penso diano senso alla vita.

Detto questo, è anche ragionevole rinunciare a un'analisi femminista del tutto, al fine di concentrarsi su altri aspetti della loro relazione. Gli ideali femministi a parte, i sentimenti di Bella di amore intenso e appassionato e la sua scelta di perseguire questo amore al costo di tutto il resto sono familiari a molti di noi. Bella offre una finestra sulla nostra esperienza (o fantasia) di amore appassionato. Per alcuni di noi, l'esperienza è lontana ma accessibile con il giusto catalizzatore. Bella è quel catalizzatore e la abbracciamo non solo per quello che è, ma per i nostri ricordi di amore appassionato che lei si sveglia. Questo è del tutto indipendente dal femminismo, che ovviamente ha il suo posto in questa discussione. Dal mio punto di vista, la critica femminista e il dialogo corrispondente sono importanti e necessari. Sono contento che questi problemi vengano sollevati e discussi. Ma è importante ricordare che le critiche femministe, come le critiche razziali, non catturano (non possono!) La totalità della serie. Sono semplicemente (una parte importante) della gestalt di Twilight.

Riferimenti

Maggio, Rollo e Yalom, Irving. Psicoterapia esistenziale. In RJ Corsini & D. Wedding (Eds.). Psicoterapie correnti , 7a edizione. Belmont, CA: Thomson, 2005

Meyer, Stephenie. Crepuscolo. New York: Little, Brown e Co. 2005.

Le note

1. Questa nozione è ben esaminata in un universo di vampiri alternativo, con Buffy, l'uccisore di vampiri, che riceve una inaspettata terapia esistenziale dallo spirito del Primo Cacciatore, che dopo la morte della madre di Buffy dice cripticamente a Buffy "La morte è il tuo dono" ( "Intervento", stagione 5, episodio 18)

2. Sia Edward che Alice sono presi alla sprovvista da questo atteggiamento. Alice la rimprovera anche "Non riesci ad essere di nuovo umano, Bella. Questo è un colpo irripetibile. "(Eclipse, 311)

3. Riconosco, naturalmente, che Bella è un personaggio immaginario e, in quanto tale, non necessariamente parla per lo scrittore. Al contrario, Stephenie Meyer ha scritto esplicitamente che avrebbe fatto scelte diverse rispetto a Bella. Detto questo, un'opera di finzione può contenere una filosofia di vita che l'autore non intendeva. È ragionevole esaminare e analizzare questa filosofia (poiché è ragionevole esaminare qualsiasi contenuto letterario), anche se l'autore sceglie di prendere le distanze da esso.

Solutions Collecting From Web of "Il significato della vita, secondo Twilight, è amore, solo amore"