Il serial killer femminile cerca le parole

La scorsa settimana, l'assassina giudiziaria Judith Ann Neelley ha contestato una legge statale che l'ha resa non eleggibile per la libertà condizionale. Apparentemente, lei vuole uscire. Nel 1983, una giuria le ha concesso un'ergastolo per la sua parte in un omicidio, ma il giudice ha deciso che meritava la morte.

Quando mise da parte la sentenza della giuria, Neelley divenne la donna più giovane ad essere stata condannata al braccio della morte dell'Alabama . Ha fatto appello e ha perso.

Poi, nel 1999, il Governatore Fob James le ha risparmiato commutando in vita la sua condanna a morte. Con questa decisione è arrivata la possibilità di libertà condizionale.

Tuttavia, nel 2003, il parlamento dell'Alabama approvò un disegno di legge, retroattivo al 1998, che vietava a Neelley di beneficiare del gesto del governatore. Il disegno di legge affermava che qualsiasi persona la cui condanna a morte fosse stata commutata dal governatore dello Stato non avrebbe diritto alla libertà condizionale. Neelley è l'unica persona a cui è stata applicata.

Lo scorso gennaio sarebbe stata ammessa alla libertà condizionale. Uno degli avvocati di Neelley chiese al Consiglio di Pardons e Paroles di fissare un'audizione. Il consiglio di amministrazione ha chiesto indicazioni all'ufficio del procuratore generale, che ha rilasciato un parere a fine marzo secondo cui Neelley non era ammissibile.

Il procuratore distrettuale della contea di DeKalb, Mike O'Dell, ha confermato che la legge non costituisce una violazione dei diritti di Neelley perché non ha modificato la sua condanna di vita in carcere.

Il 10 aprile, la squadra legale di Neelley ha intentato una causa in un tribunale federale, sostenendo che la Costituzione degli Stati Uniti proibisce a una legislatura di aumentare retroattivamente la punizione di una persona: "L'applicazione retroattiva della Legge 2003-300 è stata una risposta vendicativa e motivata politicamente alla commutazione del Governatore James della condanna a morte di Neelley. "

La denuncia chiede una sentenza che giudichi incostituzionale l'atto legislativo del 2003, un'udienza per la libertà vigilata e le spese legali. Resta da vedere come si svilupperà questo caso.

Judith Neelley è un raro tipo di assassino. All'età di 15 anni, aveva sposato Alvin Neelley, che aveva 14 anni più di lei. L'anno seguente, nel 1980, rubò una donna sotto la minaccia di una pistola. Ha anche invitato Alvin ad aiutarla con le sue vendette contro persone che non le piacevano. Chiamandosi "Boney e Claude", falsificarono assegni, molestarono persone e commisero altri piccoli crimini.

Alla fine, si sono rivolti allo stupro e all'omicidio. Nel settembre 1982, hanno attratto una ragazza di 13 anni, Lisa Ann Millican, nella loro auto, e di fronte ai loro gemelli, hanno molestato e ucciso lei. Judith ha iniettato la ragazza con un detergente liquido, l'ha colpita e l'ha spinta da una scogliera.

Judith's MO, in seguito, si avvicinò a una ragazza che voleva rapire, fingere di conoscerla e chiamarla con un nome sbagliato. Una volta che è stata presa sul suo "errore", ha imparato il nome effettivo della ragazza e dove viveva. Judith avrebbe quindi fatto pressione sulla ragazza per andare "a fare un giro".

A GA in ottobre, Judith attirò John Hancock e la sua ragazza, Janice Chatman, in un'auto. Li guidò fino a quando incontrò Alvin. Poi sparò a Hancock nel bosco e lo lasciò morto mentre lei partiva con Janice, che lei e Alvin avevano violentato e ucciso. Hancock sopravvisse e toccò Judith come il tiratore. Si è dichiarata colpevole in quel caso e ha testimoniato contro Alvin, che è andato in prigione per tutta la vita. (È morto nel 2005.)

Quando questa squadra fu arrestata, Alvin dichiarò che Judith aveva istigato i crimini. Disse che era responsabile di numerosi altri omicidi (nessuna prova la collegava), e lui l'aveva appena accompagnata. Le piaceva avere potere sugli altri, disse.

Se la sua affermazione è vera, questi due rappresentano un fenomeno raro. Le femmine dominano e istigano in meno dell'1% delle squadre di maschi / femmine che uccidono seriamente. Inoltre, Judith aveva solo 18 anni. Se avessero eluso l'arresto, avrebbero continuato a uccidere.

Eppure Judith ha accusato Alvin e ha affermato di essere stata vittima di abusi domestici. Ha anche detto che era pazza e non poteva aiutare quello che aveva fatto. Entrambe le truppe sono fallite, quindi ha scontato la pena per gli ultimi 30 anni.

Anche se fosse riuscita a raggiungere il suo obiettivo da lungo tempo di essere liberata da una prigione dell'Alabama, Neelley avrebbe comunque dovuto affrontare l'ergastolo in un altro stato per lo stupro-omicidio di Janice Chatman.

La sua versione potenziale, sebbene controversa, è tutt'altro che sicura.

Solutions Collecting From Web of "Il serial killer femminile cerca le parole"