Il segreto dell'autostima

Pixabay
Fonte: Pixabay

La "fiducia" deriva dal latino fidere , "fidarsi". La fiducia in se stessi significa essenzialmente fidarsi e avere fiducia in se stessi. È la nostra certezza riguardo al nostro giudizio, abilità e così via, in breve, la nostra certezza riguardo alla nostra attitudine a impegnarci con il mondo. Una persona sicura di sé è in grado di agire sulle opportunità, affrontare nuove sfide, assumere il controllo di situazioni difficili e accettare responsabilità e critiche se le cose vanno male.

Proprio come il fondamento dell'esperienza di successo è la fiducia in se stessi, quindi il fondamento della fiducia in se stessi è un'esperienza di successo. Sebbene qualsiasi esperienza positiva contribuisca alla nostra generale fiducia in se stessi, è ovviamente possibile avere molta fiducia in un settore, come cucinare o ballare, ma molto incerto in un altro, come parlare in pubblico.

In mancanza di fiducia, il coraggio prende il sopravvento. La fiducia opera nel regno del conosciuto; il coraggio, d'altra parte, opera nel regno dell'ignoto, dell'incertezza e del temibile: non si può essere un nuotatore fiducioso se non si ha il coraggio di perdere il piede in acque profonde. Il coraggio è più nobile della fiducia, perché richiede più forza e perché una persona coraggiosa è una persona con capacità e possibilità illimitate. Nei cuori solitari, le donne spesso specificano di essere alla ricerca di un uomo fiducioso, ma chi è veramente alla ricerca di un uomo coraggioso.

Mentre la fiducia in se stessi e la stima di sé spesso vanno di pari passo, è possibile avere una grande autostima e ancora una bassa autostima, come accade, ad esempio, nel caso di molte celebrità. La stima deriva dal latino aestimare , "valutare, valutare, valutare, valutare, stimare" e l'autostima è la valutazione cognitiva e, soprattutto, emotiva del nostro valore. La nostra autostima è la matrice attraverso cui pensiamo, sentiamo e agiamo. Riflette, e in larga parte determina, la nostra relazione con noi stessi, con gli altri e con il mondo.

È possibile che l'autostima si sia evoluta come un barometro dello status o dell'accettazione nel gruppo sociale, oppure che ci prestasse la forza di agire di fronte alla paura e all'ansia. Lo psicologo Abraham Maslow lo ha incluso nella sua gerarchia di bisogni come un bisogno di mancanza, e ha sostenuto che una persona non poteva soddisfare i suoi bisogni di crescita a meno che non avesse già soddisfatto i suoi bisogni di carenza. Per me, sembra che siamo tutti nati con una sana autostima (e una piccola infarinatura di fiducia in se stessi), che viene poi sostenuta o indebolita dalle nostre esperienze di vita.

In Occidente, l'autostima si basa principalmente sulla realizzazione, mentre in Oriente si basa principalmente sulla "dignità", cioè sull'essere visti e accettati come un buon membro della famiglia, della comunità e di altri gruppi. In Occidente, puoi fare a meno di essere un cattivo membro del gruppo finché hai successo; in Oriente, puoi farcela a non avere successo finché sei un buon membro del gruppo.

Un problema con l'autostima basata sui risultati è che promuove la paura del fallimento e la ricerca del successo a tutti i costi. Inoltre, poiché la realizzazione non è interamente sotto il nostro controllo, e poiché i suoi effetti sono transitori, non può offrire una base sicura per la nostra autostima. Anche l'autostima basata sul merito ha i suoi limiti. Innanzitutto, si basa pesantemente sull'accettazione o sul rifiuto degli altri, e quindi, come l'autostima basata sui risultati, non è interamente sotto il nostro controllo. Secondo, perché l'accettazione è subordinata alla conformità con l'in-group, limita fortemente la nostra gamma di possibilità.

Le persone con una sana autostima sono in grado di assumersi dei rischi e di dare il massimo a un progetto o ambizione, perché, sebbene il fallimento possa ferirli o turbarli, non li danneggerà o diminuirà. Non si basano su elementi esterni come stato o reddito, o su stampelle come alcol, droghe o sesso. Al contrario, si trattano con rispetto e si prendono cura della loro salute, dello sviluppo e dell'ambiente. Sono aperti alle esperienze di crescita e alle relazioni significative, tollerante nei confronti del rischio, rapido alla gioia e al diletto, e accettazione e perdono di se stessi e degli altri.

È istruttivo confrontare una sana autostima con l'orgoglio e anche con arroganza. Se la fiducia in se stessi è "I can" e l'autostima è "I am", allora l'orgoglio è "I did". Sentirsi orgogliosi è trarre piacere dalla bontà delle nostre azioni e conquiste passate.

L'orgoglio non potrebbe essere più diverso dall'arroganza in quanto, se l'orgoglio deriva dalla soddisfazione, l'arroganza deriva dalla fame e dal vuoto. L'arroganza deriva dal latino rogare (chiedere, proporre) e significa "reclamare se stessi o assumere". L'arroganza non equivale a un'eccessiva autostima, proprio come non può esserci alcuna eccessiva salute fisica o eccessiva virtù morale, quindi non può esserci alcuna eccessiva autostima. Invece, tradisce tutto il contrario.

Le persone arroganti richiedono costante rassicurazione e sostegno sia da loro stessi che da altri, il che spiega la loro arroganza, il diritto, la rabbia e la riluttanza a imparare dagli errori e dai fallimenti. Al contrario, le persone con una sana autostima non cercano di tirarsi su spingendo giù gli altri. Invece, sono felici semplicemente di divertirsi nel miracolo dell'esistenza, con allegria, umiltà e azione tranquilla.

Proprio come l'alta autostima non equivale all'arroganza, così la bassa autostima non equivale all'umiltà. Le persone umili comprendono che nella vita c'è molto di più di loro stessi, ma ciò non significa che non abbiano una sana considerazione di sé.

Inutile dire che solo una minoranza di persone con bassa o insicura autostima è arrogante: la maggior parte semplicemente soffre in silenzio. Le persone con bassa o insicura autostima tendono a vedere il mondo come un luogo ostile e se stessi come vittima. Di conseguenza, sono riluttanti ad esprimersi e ad affermarsi, a perdere esperienze e opportunità ea sentirsi impotenti a cambiare le cose. Tutto ciò abbassa ancora di più la loro autostima, risucchiandoli in una spirale discendente.

La bassa autostima può essere profondamente radicata, con origini in esperienze infantili traumatiche come la separazione prolungata dalle figure dei genitori, l'abbandono o l'abuso emotivo, fisico o sessuale. Nella vita successiva, l'autostima può essere indebolita da cattive condizioni di salute, eventi di vita negativi come perdere un lavoro o divorziare, relazioni carenti o frustranti e un senso generale di mancanza di controllo. Questo senso di mancanza di controllo può essere particolarmente marcato nelle vittime di abusi emotivi, fisici o sessuali, o vittime di discriminazione sulla base di religione, cultura, razza, sesso o orientamento sessuale.

La relazione tra bassa autostima e disordine mentale e sofferenza mentale è molto complessa. La bassa autostima predispone al disturbo mentale, che a sua volta colpisce l'autostima. In alcuni casi, la bassa autostima è di per sé una caratteristica cardine del disturbo mentale, come, ad esempio, nella depressione o disturbo di personalità borderline.

Il buddhismo si assume una scarsa considerazione di sé perché assomiglia a un'emozione o un'illusione negativa perché, se una persona non è sicura in se stessa, viene lasciata alla frenetica ricerca di tutto tranne che di ciò che è veramente importante: la propria crescita e quella degli altri . Inoltre, la sua agitazione è vana: non cambia il passato, non cambia il futuro, ma rende miserabile il presente.

La nozione buddhista di diligenza è di deliziare le azioni positive, e la persona che non intraprende tale attività virtuosa è vittima di kausidya , cioè "pigrizia" o "pigrizia spirituale". Kausidya ha tre aspetti: non fare qualcosa per indolenza (pigrizia), non fare qualcosa per timidezza (scarsa autostima), e sembrare impegnato, ma in realtà sprecare tempo ed energie in attività prive di significato che non compiranno nulla a lungo andare (difesa maniacale). Solo quando ci asteniamo da questi tre aspetti della kausidya siamo veramente diligenti.

Tagore, il primo non europeo a vincere il premio Nobel per la letteratura, sembra incapsulare perfettamente l'atteggiamento buddista in questa preghiera poetica.

Lascia che non preghi di essere protetto dai pericoli, ma di essere senza paura nell'affrontarli.

Lascia che non implorassi di calmare il mio dolore, ma per il cuore di conquistarlo.

Permettetemi di non desiderare ansiosamente di essere salvato, ma di sperare nella pazienza di conquistare la mia libertà.

Concedimi di non essere un vigliacco, sentendo la tua misericordia solo nel mio successo; ma fammi trovare la presa della tua mano nel mio fallimento.

Oltre alla preghiera, c'è un modo in cui possiamo aumentare la nostra autostima?

Molte persone trovano più semplice lavorare sulla loro autostima piuttosto che sulla loro autostima e finiscono con una lunga lista di abilità e risultati da mostrare per se stessi. Poiché dipendono anche da questa lista per la loro autostima, non possono permettersi di considerarsi come sono veramente, con tutte le loro imperfezioni e fallimenti. E così non sono in grado di riconoscere, per non parlare di affrontare, i loro problemi e limiti reali e, ancora più tragicamente, di accettare e amare se stessi come esseri umani tutt'altro che perfetti che siano veramente.

Come sa chiunque sia stato all'università, una lunga lista di capacità e risultati non è né sufficiente né necessaria per una sana autostima. Mentre le persone continuano a lavorare alla loro lista nella speranza che un giorno possa essere abbastanza lungo, cercano di riempire il vuoto con status, reddito, proprietà, relazioni, sesso e così via. Attaccare il loro stato, criticare la loro auto, e osservare nella loro reazione che sono loro che attacchi e critichi.

Allo stesso modo, non serve cercare di aumentare l'autostima dei bambini (e, in misura crescente, degli adulti) con elogi vuoti e condiscendenti. Nessuno sarà ingannato, meno di tutti i bambini, che si sentiranno confusi se non esasperati, e saranno trattenuti dal tipo di impresa da cui potrebbe crescere la vera autostima. E che tipo di impresa è questa?

Ogni volta che viviamo i nostri sogni e le nostre promesse, possiamo sentirci crescere. Ogni volta che falliamo ma sappiamo che abbiamo dato il meglio, possiamo sentirci crescere. Ogni volta che sosteniamo i nostri valori e affrontiamo le conseguenze, possiamo sentirci crescere. Ogni volta che veniamo a patti con una verità difficile, possiamo sentirci crescere. Ogni volta che viviamo coraggiosamente con i nostri ideali, possiamo sentirci crescere. Questo è ciò che la crescita dipende da. La crescita dipende dal vivere coraggiosamente i nostri ideali, non dagli ideali della banca per cui lavoriamo, dalle lodi dei nostri genitori, o dai successi dei nostri figli, o da qualsiasi altra cosa che non sia veramente nostra, ma, invece, un tradimento di noi stessi .

Socrate è un esempio brillante di un uomo che ha coraggiosamente rispettato i suoi ideali e, alla fine, è coraggiosamente morto per loro. Nel corso della sua vita, non ha mai perso la fiducia nella capacità della mente di discernere e decidere, e quindi di apprendere e padroneggiare la realtà. Né ha mai tradito verità e integrità per una vita pietosa di auto-inganno e semi-coscienza. Cercando instancabilmente di allineare la mente con la materia e il pensiero con il fatto, è rimasto fedele sia a se stesso che al mondo, con il risultato che è ancora vivo in questa frase e in milioni di altri che sono stati scritti su di lui. Più che un grande filosofo, Socrate era l'incarnazione vivente del sogno che un giorno la filosofia avrebbe potuto liberarci.

Neel Burton è autore di Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Il segreto dell'autostima"