Il ruolo della rabbia nella depressione

Sigmund Freud era solito riferirsi alla depressione come rabbia rivolta verso l'interno. Mentre molte persone considerano questo un approccio troppo semplicistico al più comune disturbo della salute mentale nel mondo, non c'è dubbio che la rabbia abbia un ruolo significativo nella depressione. Come rilevato da uno studio del 2016, quando si tratta di disturbi emotivi in ​​generale, la presenza di rabbia ha "conseguenze negative, tra cui una maggiore gravità dei sintomi e una peggiore risposta al trattamento". I ricercatori hanno concluso che "sulla base di questa evidenza, la rabbia sembra essere un emozione importante e discreta nello sviluppo, nel mantenimento e nel trattamento dei disturbi emotivi. "Quando si parla specificamente di depressione, la scienza sembra supportare ulteriormente la teoria di Freud, mostrando sempre di più come la rabbia contribuisca ai sintomi. Uno studio del Regno Unito del 2013 ha suggerito che andare verso l'interno e trasformare la nostra rabbia su noi stessi contribuisce alla gravità della depressione.

Avendo lavorato con clienti depressi per più di 30 anni, queste scoperte non mi sorprendevano. Molte delle persone con cui ho lavorato e che lottano con la depressione condividono anche la comune lotta per trasformare la propria rabbia su se stesse. Tanto più che cerco di aiutare i miei clienti a esprimere la loro rabbia piuttosto che prenderla in mano e girarla verso l'interno, sono testimone diretta di quanto sia difficile per le persone interrompere questo processo. È una sfida per loro riconoscere il modo spiacevole in cui si trattano; sono significativamente più critici nei confronti di se stessi che di altri.

Le persone che soffrono di depressione spesso hanno intense "voci interiori critiche" che perpetuano sentimenti di indegnità e vergogna. Quando ascoltano questo critico interiore, non solo si sentono più depressi, ma trovano anche molto più difficile resistere alla loro depressione. Ciò include l'agire contro le loro voci interiori critiche, l'adozione di azioni positive che potrebbero aiutarli a sentirsi meglio con se stessi (come impegnarsi in attività di cui godono) e ad essere più socievoli.

Arrabbiarsi con queste "voci" può essere liberatorio, ma significa entrare in contatto con i nostri sentimenti di rabbia più che mirare a noi stessi. Il dott. Les Greenberg, il fondatore della terapia incentrata emotivamente, descrive un'importante differenza tra rabbia adattativa e rabbia non adattiva. La rabbia è una risposta adattiva quando ti motiva all'azione assertiva per porre fine a una violazione. Ad esempio, quando potremmo sentirci arrabbiati per il modo crudele con cui ci trattiamo oggi, siamo in contatto con la nostra rabbia adattiva e ci sentiamo come se fossimo dalla nostra parte. Lasciarci sentire ed esprimere rabbia adattiva può aiutarci a sentirci meno appesantiti, più liberi e più in contatto con il nostro vero sé.

La rabbia disadattativa, d'altra parte, ci influenza negativamente. Per prima cosa, può contribuire a sentirsi vittimizzato, imbronciato o bloccato in una sensazione di torto. Esempi di rabbia disadattativa rivolta verso l'interno possono includere sentirsi eccessivamente critici nei confronti di noi stessi, odiare noi stessi o considerarci impotenti, patetici o indifesi. Le risposte generalmente disfunzionali che risultano dalla rabbia disadattativa si basano sullo schema emotivo derivante da esperienze traumatiche nel nostro passato. Spesso, la nostra voce interiore critica è alla radice della rabbia disadattativa, spingendoci a rimanere in uno stato di frustrazione e sofferenza.

Possiamo quasi percepire la differenza tra rabbia disadattativa che ci trascina giù e più in profondità in uno stato di ansia o depressione e rabbia adattiva che ci allevia da un pesante fardello, alleggerendoci emotivamente e contribuendo alla nostra presa di azioni costruttive. Mentre può sembrare spaventoso affrontare queste emozioni più profonde, dobbiamo accedere alle emozioni adattive per trasformare le nostre emozioni disadattive. Questo può essere un processo vitale per aiutarci ad affrontare la depressione.

Uno studio del dott. Greenberg ha dimostrato che la terapia emotivamente focalizzata può trasformare le emozioni disadattive attraverso il processo di espressione e suscitare la risposta di un'emozione adattiva, cioè la rabbia adattativa. Questo approccio è stato particolarmente efficace nel migliorare i sintomi depressivi, il disagio interpersonale e l'autostima. Come descritto dal Dr. Greenberg, il processo "mira all'interno di una relazione empatica affettivamente sintonizzata per accedere e trasformare le memorie schematiche abituali disadattive disadattive [articolate come voci interiori critiche] che sono viste come la fonte della depressione". La trasformazione di queste emozioni disadattive può quindi essere una delle chiavi per combattere la depressione.

Il nostro approccio alla trasformazione della rabbia rivolta verso l'interno, che ha alcune somiglianze con l'approccio di Greenberg, è di far verbalizzare le proprie voci interiori critiche come se qualcun altro stesse dicendo loro questi pensieri arrabbiati. Incoraggiamo anche la persona ad esprimere la sensazione dietro i pensieri. Spesso, quando le persone fanno questo, esprimono molta rabbia verso se stessi. Dicendo i pensieri nella seconda persona (come affermazioni "voi"), cominciano a ottenere una certa separazione dai loro atteggiamenti severi e critici e spesso hanno intuizioni su dove questi pensieri provengono. Imposta il palcoscenico per loro "rispondendo" a questi attacchi e prendendo la propria parte. L'obiettivo è anche quello di aiutare la persona a sviluppare più auto-compassione e un punto di vista più gentile e più realistico verso se stessi.

Mentre esternalizziamo i nostri pensieri negativi e la rabbia che li accompagna, possiamo meglio resistere al nostro critico interiore e assumere una posizione compassionevole verso noi stessi, trattandoci come tratteremmo un amico. Questo non significa negare le nostre battaglie e battute d'arresto, ma significa abbracciare la pratica dell'auto-compassione. L'auto-compassione, come definita dalla ricercatrice Kristin Neff, coinvolge tre elementi chiave: l'autocompiacimento, la consapevolezza e la consapevolezza dell'umanità comune. La ricerca ha dimostrato che la pratica dell'auto-compassione può ridurre significativamente l'umore depresso. Come uno studio ha sottolineato, le convinzioni maladattive o irrazionali sono alla base dello sviluppo della depressione, tuttavia, quando alti livelli di auto-compassione hanno contribuito a contrastare questi pensieri negativi, non c'era più una relazione significativa tra le credenze irrazionali e la depressione. Questo stesso studio ha dimostrato che è "specialmente la componente autocompiacimento dell'autocompiacimento che ha moderato la relazione credenza-depressione irrazionale". Quindi, l'obiettivo primario per qualcuno che lotta per risolvere le proprie emozioni attorno alla depressione è di curarsi e considerare i propri sentimenti il modo in cui avrebbero un amico. Non si tratta di dispiacersi per noi stessi, ma di sentirsi forti e degni e meno timorosi di commettere errori.

In definitiva, accettare che la rabbia abbia un ruolo nella nostra depressione dovrebbe essere uno strumento di potenziamento nella nostra lotta per sentirsi meglio. Quando le persone esprimono la rabbia verso l'esterno in modo sano e adattivo, si sentono meno depresse. Accedere ed esprimere questa rabbia non è una questione di acting out, di essere esplosivi o di sentirsi amareggiati nei confronti di ciò che ci circonda. In realtà, significa esattamente il contrario. È un atto di difenderci e accettare di non essere quello che le nostre "voci" ci dicono che siamo. È un processo per affrontare le cose che ci feriscono ma anche affrontare il nemico interiore che tutti possediamo e che ci spinge più in profondità nella nostra sofferenza. Più possiamo prendere la nostra parte e resistere alla nostra tendenza a trasformare la nostra rabbia su noi stessi, più compassionevoli e vivi possiamo sentirci di fronte a qualsiasi sfida, inclusa la depressione.

Unisciti alla dott.ssa Lisa Firestone per il webinar CE "Aiutare i clienti a superare la depressione".

Solutions Collecting From Web of "Il ruolo della rabbia nella depressione"