Il rischio non è il destino

Quando sono stato contattato per la prima volta da Psychology Today per sviluppare un blog per la sua resa online, la mia prima risposta è stata: "Cos'è un blog?" Come membro della generazione sessantenne, ho letto libri stampati rilegati, ho ricevuto le mie notizie da un giornale , paga le mie bollette scrivendo assegni ogni mese e comunica con gli amici per telefono.

(Mi vergogno anche di ammettere che pago ancora un canone mensile ad AOL.com perché non riesco a capire come terminare l'estrazione mensile sulla mia carta di credito senza perdere il mio nickname.) Ma per essere onesti, avevo visto il film "Julie and Julia", quindi sapevo cos'è un blog; Non avevo proprio idea di come crearne uno. Si scopre che quelle erano barriere che i tecnici della rivista erano in grado di risolvere abbastanza facilmente. Quindi ora ho un blog.

La domanda successiva era: "Di cosa scrivo?" Il mio interesse per molti anni di pratica della medicina e di ricerca in varie aree dello sviluppo infantile è stata la vecchia questione di come la natura e l' educazione influenzano le nostre vite. La maggior parte dei miei articoli di ricerca e la maggior parte dei miei libri hanno esplorato le influenze biologiche e ambientali sul cervello fetale e infantile in via di sviluppo. L'uso materno di alcol o droghe durante la gravidanza, un trauma precoce di un bambino come abuso e negligenza, o eventi relativamente comuni come il divorzio in famiglia o la morte di una persona cara possono mettere il bambino a rischio di sviluppo, apprendimento, comportamento e difficoltà di salute mentale; i fattori nella famiglia e nell'ambiente della comunità possono migliorare quella vulnerabilità o peggiorare le cose. Emergono quindi due domande chiave: come riconosciamo e gestiamo i rischi? e come possiamo costruire la resilienza nei nostri figli promuovendo relazioni familiari sane e forti?

Informazioni sul titolo. Aristotele era il filosofo più previdente quando si trattava di capire lo sviluppo dei bambini, poiché era influenzato dalle abitudini e dallo stile di vita della madre durante la gravidanza e dalle relazioni familiari dopo la nascita del bambino. Riconoscendo che "(i genitori) generano figli simili a se stessi", Aristotele è stato eloquente nel definire i fattori di rischio per i bambini. Viste attraverso il prisma della scienza moderna, alcune delle sue idee sembrano abbastanza antiquate, e molte sono orribilmente politicamente scorrette, ma la natura essenziale della relazione genitore / figlio è al centro delle sue osservazioni sul rischio e sulla capacità di recupero.

Mentre ci mettiamo insieme, esamineremo il concetto di rischio da una prospettiva di vulnerabilità biologica ed esploreremo come lo stress ambientale fisico o emotivo può predare quella vulnerabilità per modellare il futuro del bambino. Guarderemo oltre le etichette del rischio verso un percorso di intervento e trattamento. In definitiva, spero di facilitare un dialogo tra genitori che si prendono cura di bambini ad alto rischio, professionisti di una varietà di discipline che forniscono servizi di valutazione e trattamento, e responsabili politici le cui decisioni influenzano la traiettoria finale della vita dei bambini. Creeremo un consenso sul fatto che le etichette di rischio non necessariamente prevedono il potenziale; il rischio non è il destino

Andando avanti, spero che tu risponda e mi dia il tuo feedback.

Solutions Collecting From Web of "Il rischio non è il destino"