Il rifiuto fa schifo

Ricordo ancora quando avevo 16 anni e il mio migliore amico mi lasciò per un'altra ragazza perché non ero abbastanza "profondo" per lei. Questa ragazza era la mia anima gemella, e quando mi ha respinto per un altro migliore amico (che immaginavo essere molto più interessante e complesso di me), la ferita e la perdita erano immense.

Mi sentivo devastato, la mia fiducia schiacciata. È un grande sollievo essere cresciuti, avere un certo numero di amici intimi invece di un migliore amico e, soprattutto, non prendere il rifiuto in modo così personale. O, almeno, lavorare sodo per non prenderlo così personalmente.

Quando prendiamo il rifiuto come prova delle nostre inadeguatezze è difficile permetterci di rischiare di essere veramente visti di nuovo. Come possiamo aprirci ad un'altra persona se temiamo che lui o lei scoprirà quello che cerchiamo disperatamente di nascondere – che siamo stupidi, noiosi, incompetenti, bisognosi o in qualche modo profondamente inadeguati?

Ovviamente non incontreremo gli standard di molte persone o conquisteremo il loro affetto, rispetto o approvazione. E allora?

Il problema sorge quando arriva la vergogna e non siamo in grado di vedere i nostri difetti, limiti e vulnerabilità in un modo paziente e amorevole. La paura del rifiuto diventa comprensibilmente intensa quando attinge alla nostra convinzione che siamo inferiori agli altri, o inferiori all'immagine che ci sentiamo in dovere di proiettare.

Il rifiuto è una via veloce per tornare alla vergogna dell'infanzia. Non è solo che sei andato a una festa e nessuno ha fatto uno sforzo per parlare con te. È che sei essenzialmente noioso e indesiderabile e così è e così sarà sempre.

Se ti impegni in questo tipo di pensiero globale, puoi evitare del tutto l'intimità, non permettendoti mai di essere visto o conosciuto. Oppure puoi respingere in modo difensivo persone o situazioni perché temi che una volta che sei stato visto per quello che sei veramente, sarai considerato indegno e non amabile.

Potresti persino credere che la persona che respinge è automaticamente superiore alla persona che viene rifiutata. Le relazioni non sono una sorta di bizzarra competizione in cui la persona che esce per primo, rifiuta di attaccarsi o soffre di meno viene proclamato vincitore. Il rifiuto può rivelare altrettanto e spesso di più, le insicurezze e le paure della persona che respinge.

Potremmo tutti desiderare di indossare armature (o almeno una muta) per proteggerci dai sentimenti di vergogna, disgusto di sé, depressione, ansia e rabbia che il rifiuto può evocare. Nessuno di noi è immune al dolore del rifiuto, ma più cresciamo nella maturità e nell'autostima, meno è probabile che lo prendiamo in modo altrettanto personale.

Quando riconosciamo che il rifiuto non è un'accusa del nostro essere, ma un'esperienza che dobbiamo affrontare ogni volta ancora e ancora se ci mettiamo là fuori, il rifiuto diventa più facile da sopportare.

L'unico modo sicuro per evitare il rifiuto è di starsene muto in un angolo e non correre rischi. Se scegliamo di vivere con coraggio, sperimenteremo il rifiuto e sopravviveremo per presentarci di più.

Solutions Collecting From Web of "Il rifiuto fa schifo"