Il ricordo delle cose passate

Laura Weis, used with permission
Fonte: Laura Weis, usata con il permesso

"La reminiscenza arriva dal geranio secco senza sole, dalla polvere nelle fessure, dagli odori delle castagne nelle strade, dalle profughi femminili nelle stanze riparate e dalle sigarette nei corridoi e nei profumi dei cocktail nei bar." TS Eliot, 1945

Quasi tutti diranno che certe canzoni, profumi o sapori "riportano tutto". Un odore caratteristico può suscitare ricordi immediati e potenti. Le canzoni della propria adolescenza possono immediatamente riportare una alla volta e una serie di sentimenti a lungo dimenticati. Assaggiare il cibo della propria infanzia o patria può far sì che le persone abbiano ricordi improvvisi e talvolta inaspettati.

Le persone nel marketing lo sanno bene. Pompano odori nei negozi per enfatizzare una stagione dell'anno (pigne a Natale, olio di cocco per l'estate) o di una qualità (come la pulizia o il calore) che credono cambierà l'umore di un acquirente e quindi la volontà di comprare. Suonano musica d'atmosfera per cercare di avere lo stesso effetto. L'idea è di farti sentire d'umore.

Memoria autobiografica

Abbiamo tutti ricordi del passato: infanzia, scuola, adolescenza, un primo lavoro e, naturalmente, un primo amore. Abbiamo ricordi di eventi molto specifici e di eventi più generali. Potremmo avere ricordi di fatti molto specifici (il tempo del giorno del nostro matrimonio, la marca della nostra prima auto, il nostro primo numero di telefono) che sono verificabili. Guardando indietro, le persone hanno ricordi più forti su due fasi della loro vita: la loro adolescenza e la prima età adulta (diciamo 12-25 anni) e l'ultima mezza dozzina di anni.

Molti di noi hanno amnesia infantile: ricordiamo poco dei nostri primi anni. Sono state avanzate diverse spiegazioni per spiegare questo. Potrebbe essere che il cervello è sottosviluppato e quindi non può memorizzare le informazioni, oppure non abbiamo abbastanza linguaggio sofisticato per memorizzare i ricordi.

Forse la visione del bambino del mondo è così diversa da quella dell'adulto che, mentre i ricordi rimangono, non abbiamo un reale modo di accedervi. Un modo di studiare il fenomeno è interrogare i bambini e le loro madri (o padri) sui dettagli, per esempio, della nascita di un fratello. Potrebbero essere chiesti quando o se la madre è andata all'ospedale, chi era l'assistente sostitutivo; il numero e il tipo di visite effettuate, ecc. Gli studi con questa tecnica hanno rilevato che i bambini ricordano circa i due terzi tanto quanto loro madre, ma prima dei tre anni quasi nulla.

Una questione centrale è quale "fatti" ricordiamo e che dimentichiamo e se questo viene sistematicamente distorto. Certamente la nostra capacità di ricordare il passato può essere influenzata da cose diverse, come se le persone tenessero un diario o se fossero state fatte registrazioni audio e / o cinematografiche di vari eventi. Guardare vecchi film domestici può essere molto sorprendente.

I ricordi sono distorti, costruiti e ricostruiti nel tempo, in particolare se gli eventi sono spesso o molto raramente raccontati. Le persone interpretano il significato o il significato degli eventi piuttosto che i dettagli. Allo stesso modo possono avere una o due immagini molto forti (immagini, suoni) che sono integrate in un tutto. C'è tutta la differenza tra un fatto autobiografico e una memoria personale generica.

Metodi di studio della memoria

Fu Sir Francis Galton che per primo diede inizio ai ricordi personali degli anni ottanta. Lo ha fatto dando alle persone una sola parola come "casa" o "padre" e chiedendo loro di ricordare qualche evento specifico associato a quel nome. Il dettaglio, il tono e la vividezza sono stati tutti valutati da Galton. Altri ricercatori hanno sviluppato un programma di interviste per cercare di mappare i ricordi di persone ed eventi di un individuo e comprendere il processo con cui si verificano.

Il vero problema per il progresso dello studio scientifico è la verifica di questi ricordi reali. C'è anche l'affascinante record di uno psicologo olandese che ha studiato la sua memoria autobiografica per oltre sei anni. Ogni giorno registrava alcuni eventi che gli capitavano, oltre 2.400 in tutto. Poi ha testato la sua memoria per loro ogni 12 mesi, vedendo se poteva rispondere a chi, cosa, dove e quando le domande. Ha trovato le domande "quando" più difficili da rispondere. Scoprì anche, forse non sorprendentemente, che quanto più insolito fosse l'evento e quanto più coinvolgente fosse il coinvolgimento emotivo, tanto meglio era il ricordo. È interessante notare che, più la memoria è sgradevole, più rapidamente sembra essere stata dimenticata. Alcune cose sembravano completamente dimenticate, ma con abbastanza stimoli o spunti quasi tutto veniva ricordato.

Gli studi hanno dimostrato che il modo in cui i ricordi vengono sondati influenza il loro richiamo. Essere chiamati a riconoscere piuttosto che a ricordare le cose ha un grande impatto, con il primo che è molto meglio del secondo. Molto dipende anche dal fatto che gli eventi siano stati registrati formalmente in un diario (anche un diario video).

Distorsione, opacizzazione e confabulazione

Un'importante distinzione fatta è quella tra verità e accuratezza. Se una persona ricorda l'essenza di una situazione (esperienza generale e sentimenti), potrebbe essere descritta come vera; ma è accurato solo se è corretto in ogni dettaglio. In questo senso la memoria più autobiografica è vera. La maggior parte delle persone comuni ha ricordi autobiografici che sono relativamente privi di errori nel senso che ricordano correttamente il profilo generale della loro vita, ma se gli viene chiesto di fornire informazioni dettagliate commettono errori.

Alcune persone, di solito quelle con amnesia causata da danni cerebrali, hanno ricordi annebbiati. Ciò significa che sembrano in momenti diversi per ricordare le cose, ma altre volte sono persi. Quindi sembrano avere le loro informazioni memorizzate ma a volte è difficile accedervi. Tuttavia, è noto che altri pazienti con lesioni cerebrali forniscono resoconti autobiografici dettagliati ma chiaramente errati di eventi. Alcuni sembrano incapaci di distinguere tra ricordi genuini e inventati e hanno quelli che vengono chiamati problemi "disexecutive". Questo è molto raro, tuttavia.

dei dati anagrafici

Molte persone affermano che il passato predice il presente: che la tua storia personale spiega in gran parte il tipo di persona che sei. Da qui il fascino delle biografie. Gli psicologi clinici, ma anche gli uomini d'affari, sono stati interessati a questo fenomeno nel tentativo di prevedere quanto bene le persone si esibiranno in specifici posti di lavoro, tenendo conto di quante scuole diverse sono state frequentate; se sei un primogenito; se sei stato eletto prefetto a scuola; l'età in cui ti sei sposato e così via. Tipicamente, i dati riguardano la storia educativa, lavorativa e personale di una persona, inclusi fatti riguardanti la salute, le relazioni, gli hobby, il denaro e le abitudini personali. Questo metodo di selezione tenta di garantire che solo i fatti biografici siano ammessi come prova.

Il passato sembra essere un altro paese!

Solutions Collecting From Web of "Il ricordo delle cose passate"