Il resto dell'iceberg: esporre i segreti

Bene è che alcuni cover-up per Veterans Affairs sono ormai ampiamente conosciuti, ma il resto dell'iceberg rimane pericolosamente nascosto. Un motivo principale per ciò che rimane nascosto e per l'esposizione estremamente tardiva delle cover-up ora nelle notizie è che i veterani americani sono in gran parte invisibili alla maggior parte degli altri cittadini.

Viviamo in una nazione che non è solo analfabeta della guerra ma anche analfabeta-militare, * perché agli americani non piace pensare alla guerra, i veterani costituiscono meno del 7% della popolazione e i veterani di guerra sono "l'altro 1%. "È raro che chiunque non viva con un veterano scelga di incontrare, conoscere o ascoltare un veterano. Questo porta a un isolamento spesso schiacciante per i veterani e i loro cari, e crea in questo paese una pericolosa frattura, la cui disastrosa conseguenza si sta ancora sviluppando – in gran parte invisibile – proprio mentre scrivo.

La maggior parte degli americani vive la vita quotidiana incurante dei bisogni e degli obiettivi dei veterani e delle loro famiglie, fatta eccezione per la comparsa occasionale di una medaglia d'onore del Congresso in un talk show, qualche spot pubblicitario, istante "Grazie per il vostro servizio" affermazioni e storie di lacrime strappalacrime su un genitore dispiegato che torna a casa e sorprende il loro bambino in un importante evento sportivo trasmesso sul grande schermo, negando la privacy di genitore e figlio e la libertà di concentrarsi su ciò di cui hanno davvero bisogno momento.

Non c'è da meravigliarsi che lo scandalo attuale di alcuni regimi dei funzionari VA per nascondere i lunghi periodi di tempo in cui molti veterani sono stati tenuti ad aspettare è una sorpresa. Qualunque non vaticano che si fosse preso la briga di ascoltare un veterano o due avrebbe almeno saputo dei tempi di attesa se non l'occultamento intenzionale della loro lunghezza.

Spero che tutti i non vaticani che leggono questo considerino la commemorazione del Memorial Day ascoltando – semplicemente seduti e ascoltando – un veterano di ogni epoca. Col. (Ret.) David Sutherland, fondatore e capo dell'importante Centro di Dixon dei Seals pasquali ** che aiuta le comunità a unirsi per sostenere i veterani e le loro famiglie, parla spesso del danno causato quando ciò che accade sulle spiegazioni diventa segreto a casa. I familiari dei veterani portano già ingiustamente la parte del leone della responsabilità di fornire supporto e comprensione ai veterani, e le loro comunità più ampie devono offrire ascolto ai veterani e ai loro simili. Questo è il progetto Welcome Johnny e Jane Home, ed è così semplice come sembra – solo ascoltarlo ma farlo con rispetto e tutto il cuore – ed è potente e positivamente trasformativo sia per i veterani che per gli ascoltatori, ben oltre ciò che più la gente si aspetterebbe. *** Le informazioni molto semplici per i potenziali ascoltatori e per i veterani sono su listen2veterans.org

Isolamento e invisibilità, come hanno scritto Col. Sutherland e io, sono i principali contributi all'alto tasso di suicidi dei veterani, che sono stimati – senza dubbio sottovalutati – di 22 al giorno, e le percentuali più alte tra i veterani anziani. * *** Quindi, quando decidi di fare una sessione di ascolto, una grande cosa da fare è farlo in una delle case dei veterani, in altre case di riposo o in strutture di ospizi, dove è probabile che tu trovi quelle della seconda guerra mondiale, la guerra di Corea e la guerra del Vietnam.

Tornando all'attuale esposizione VA, diamo un'occhiata a cos'altro è pericoloso. Problemi orribili nella fornitura di assistenza sanitaria di alta qualità ai veterani – come le orribili barriere che impediscono l'assistenza sanitaria di alta qualità alla maggior parte degli americani – meritano di più di quanto previsto da Andy Warhol sarebbero i 15 minuti di fama di ogni americano. I media perdono interesse quando "non ci sono più notizie", ma la sofferenza di veterani inadeguatamente curati o non curati per molto tempo continuerà. Speriamo che alcuni giornalisti responsabili si rifiutino di lasciare scomparire queste preoccupazioni sotto il tappeto.

C'è il problema aggiuntivo che in questo paese, troppi di coloro che detengono il potere, trovano modi facili per sollevare la responsabilità dalle loro spalle e posizionarla su quelle degli altri. Per tutta la mattina, ho cercato ciò che ricordavo – forse imprecisamente – come una frase di un poema di TS Eliot che ho letto al college. La frase che ho cercato di trovare è "una commissione per nominare un comitato", che mi è venuta in mente ieri quando il presidente Barack Obama ha annunciato di aver ordinato "un'indagine" sui reati di VA. La citazione di Eliot che sono riuscito a trovare è questa:

Cry cry cosa devo piangere?

La prima cosa da fare è formare le commissioni:

I consigli consultivi, le commissioni permanenti, le commissioni selezionate e le sottocommissioni.

Un segretario lo farà per diverse commissioni. http://quotes.dictionary.com/Cry_cry_what_shall_I_cry_The_first

Se non solo il presidente Obama, ma anche i suoi numerosi predecessori, non avevano davvero avuto alcuna idea del dilagante maltrattamento dei veterani da parte del VA, non c'è alcuna scusa per questa ignoranza. Nel luglio 2007, Veterans for Common Sense ha presentato una causa storica, Veterans for Common Sense v. Shinseki, mirava a porre fine a ritardi inconcepibili e maltrattamenti attivi di veterani, in particolare per i loro bisogni emotivi. Nel 2011, ho scritto su quello che è successo a quel caso, e copio parte del mio saggio qui perché è purtroppo ancora rilevante tre anni dopo:

la Corte d'Appello del Nono Circuito ordinò al Dipartimento per gli affari dei veterani di revisionare il suo sistema di salute mentale, definendolo "vergognoso" e tormentato da "eclatanti ritardi". Alla fine, i veterani pensarono che avrebbero potuto ricevere un sostegno rapido ed efficace mentre cercavano di guarire dalla carneficina emotiva provocata dalla guerra e dallo scontro culturale quasi inimmaginabile tra l'essere in guerra e il tentativo di tornare a casa.

L'ordinanza del tribunale ha dato al VA la possibilità di effettuare un importante inversione di tendenza; fai una buona occhiata a quello che è stato fatto per non aver aiutato e fatto peggio anche a molti veterani; identificare quelli nel suo sistema che i veterani hanno descritto come premurosi e utili; cercare di rendere gli approcci di quest'ultimo nel suo standard; e considera quali altri approcci, forse meno tradizionali, potrebbero implementare. La Corte d'Appello ha rinviato la causa al tribunale distrettuale in modo da poter elaborare un piano per fornire cure migliori. Questa opportunità è stata particolarmente importante alla luce dei crescenti tassi di suicidio commessi dai veterani non solo delle guerre attuali, ma anche di quelli precedenti.

Invece, secondo un recente rapporto del New York Times, piuttosto che lavorare con i querelanti – i gruppi senza scopo di lucro Veterani Uniti per verità e veterani per senso comune – per elaborare un piano migliore, il VA ha scelto di appellarsi a quella sentenza. Ciò è tanto più tragico e mistificante, dato che la ragione d'essere della VA è sicuramente quella di assistere i veterani e visto che la corte ha dichiarato che l'incapacità del VA di rivolgersi ai bisogni dei veterani costituiva una violazione dei loro diritti costituzionali, cioè di ricevere mentale assistenza sanitaria e alla tempestiva aggiudicazione delle loro richieste di disabilità emotiva.

La corte ha osservato che il VA non aveva agenti di prevenzione del suicidio in nessuna clinica ambulatoriale e che al 70% delle sue sedi non esisteva un sistema per rintracciare pazienti potenzialmente suicidi. La copertura mediatica dei veterani che soffrono di sconforto ha incluso storie allarmanti di coloro che hanno contattato il VA, ha detto apertamente – spesso in ripetute occasioni – che volevano uccidersi, e non hanno ricevuto alcun appuntamento o solo molte settimane o mesi in futuro o non ha nemmeno ricevuto una chiamata di ritorno. Spesso queste storie sono motivate dal fatto che questi veterani hanno continuato a uccidersi mentre aspettavano che lo staff di VA aiutasse.

I loro modi di affrontare la disperazione suicida sono lontani dagli unici problemi principali nel sistema VA. [1] Per anni, i suoi alti funzionari hanno riconosciuto nei loro comunicati stampa che provano una misura dopo l'altra per arginare le crescenti ondate di abuso di sostanze, violenza familiare e senzatetto. Ma i rapporti sui programmi di successo sono rari. [1] Quando ho scritto il mio libro sui veterani, sono stato in grado di identificare solo due esempi di programmi specifici che sembravano incontrare il successo. Quelli coinvolti l'uso del lavoro di consapevolezza e meditazione, e in un caso, di esplicitare alle prese con i conflitti morali intensi e vari che affliggono tanti veterinari. [1] Probabilmente ci sono altri programmi VA efficaci, ma ciò che sorprendeva era il modo in cui, mentre tenevo traccia dei comunicati stampa del VA dall'inizio della guerra degli Stati Uniti in Afghanistan, quelli nella parte superiore della gerarchia VA continuavano a riferire aumenta le manifestazioni di traumi emotivi e altri problemi psicologici.

Gli ultimi mesi hanno portato notizie sull'inefficacia degli psicofarmaci nel trattare le persone con traumi causati dalla guerra e le morti da interazioni farmacologiche, a volte interazioni tra farmaci psichiatrici e, a volte, tra questi farmaci e farmaci da prescrizione di altro tipo. Questi rapporti sono particolarmente preoccupanti alla luce del pesante e crescente uso di farmaci psichiatrici come approccio primario o unico ai problemi emotivi per i pazienti affetti da VA.

È difficile non chiedersi che cosa stiano pensando i migliori ottoni del VA. Sicuramente si rendono conto che, per lo meno, la loro decisione di appellarsi all'ordine del tribunale li fa apparire indifferenti a fornire aiuto a coloro che dovrebbero servire. Piegando all'indietro per dare loro il beneficio del dubbio, potremmo supporre che siano stati coinvolti in così tanti nel sistema di salute mentale dalle affermazioni delle compagnie farmaceutiche che i loro prodotti sono curativi e dalle rivendicazioni dei poteri- quello è che la psicoterapia è efficace per le persone che sono state traumatizzate dalla guerra. È raro sentire che i veterani riferiscono che le droghe psicoattive sono state utili a loro, anche se alcuni lo fanno. È quasi raro sentire i veterani dire che la psicoterapia era l'unica cosa di cui avevano bisogno per guarire, sebbene sia efficace per alcuni. Quasi sempre, tuttavia, coloro che si sono mossi verso la guarigione hanno affermato che il collegamento con altri veterani, il collegamento con gli altri nella comunità più ampia e il coinvolgimento in attività in cui si concentrano sull'aiuto agli altri e / o nei regni creativi sono stati utili.

Il VA sarebbe di gran lunga meglio servire i veterani se abbandonassero il loro appello dell'ordine del tribunale e invece investì parte delle loro considerevoli risorse in ciò che i veterani, piuttosto che Pharma e la tradizionale comunità di salute mentale, affermano di aver trovato salutare. Inoltre, il VA potrebbe riconoscere che vale la pena implementare in tutto il suo sistema i punti focali di consapevolezza, meditazione e conflitto morale che si sono dimostrati efficaci ma che solo pochi membri del loro staff usano sempre.

Per ora, come dichiarato dalla commissione del Nono Circuito della Corte, è vergognoso che il VA stia facendo appello all'ordine del tribunale perché riduca la sofferenza di coloro che il nostro governo ha inviato alla guerra. ^^

Nel gennaio 2013, Veterans for Common Sense ha perso la sua offerta per la Corte Suprema degli Stati Uniti per sentire il suo appello. Veterans for Common Sense è un'organizzazione no-profit con sede a Washington, DC. ^^^

Se leggere su quella coraggiosa e compassionevole causa ti fa sentire triste e impotente, questo è il momento di ricordare che non sei impotente e che solo ascoltare un veterano è utile per il veterano e l'ascoltatore. Ecco un tipico commento di un veterano che ha avuto una sessione di ascolto e da un ascoltatore:

Brock McIntosh, veterano dell'Afghanistan (US Army) (su listen2veterans.org) ha detto: Quando sono tornato dall'Afghanistan, sentire le parole "Grazie" da persone che non sapevano cosa ho fatto o visto era un gesto vuoto. Più di ogni altra cosa, volevo che la mia comunità ascoltasse le storie di veterani come me: partecipare a quella lotta morale e acquisire una più profonda consapevolezza del significato della guerra. Welcome Johnny e Jane Home Project comprendono l'importante ruolo che i civili possono svolgere semplicemente ascoltando i veterani attivamente e senza giudizio, generando nuove opportunità per i veterani di servire le loro comunità educandoli sulla realtà sfumata della guerra.

Un non vecchiano che ha ascoltato la storia di un veterano in The Welcome Johnny e Jane Home Project ha detto: ho deciso di fare questo per cercare di aiutare un veterano, e il veterano che ho ascoltato ha detto che ha aiutato. Quello che non mi aspettavo era l'effetto fortemente positivo che l'ascolto aveva su di me. La mia politica è molto diversa da quella del veterano ma era irrilevante. Si trattava di connessione umana. Ascoltando ciò che questo veterano aveva passato in campo militare e poi, dopo essere tornato a casa, ho appreso della loro umanità ma anche della mia. Mi sono ispirato all'integrità e all'onestà della persona e al coraggio di parlare così apertamente con me.


Per il Memorial Day – e tutti i giorni – lavoriamo insieme per porre fine alla disconnessione dei veterani dal resto di noi, per connetterci attraverso la nostra comune umanità.

——————

* Paula J. Caplan. 2011. Quando Johnny e Jane tornano a casa: come tutti noi possiamo aiutare i veterani. Cambridge, MA: MIT Press. listen2veterans.org

** http:? //dixon.easterseals.com/site/PageServer pagename = dixon_overview & S_S …

*** listen2veterans.org

**** Col. (Ret.) David Sutherland e Paula J. Caplan. 2013. Ferite invisibili. Philadelphia Inquirer. 10 febbraio

^ http://www.washingtonpost.com/politics/obama-defends-his-veterans-polici…

^^ http://www.psychologytoday.com/blog/science-isnt-golden/201108/veterans-…

^^^ veteransforcommonsense.org/

© Copyright 2014 di Paula J. Caplan Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Il resto dell'iceberg: esporre i segreti"