Il rammarico è sperimentato in modo diverso nelle culture?

"Il rammarico per le cose che abbiamo fatto può essere attenuato dal tempo; è dispiaciuto per le cose che non abbiamo fatto che è inconsolabile. "Sydney Smith, scrittore e chierico britannico (1771-1845)

Ogni volta che i consumatori effettuano un acquisto, possono occasionalmente sperimentare una forma di rimpianto nota come rimorso del compratore (o più generalmente dissonanza cognitiva). Comprando l'auto X, ho rinunciato alle auto A, B e C. Ho fatto la scelta giusta? Mi rammarico del fatto che ho comprato X (rimpianto per un'azione intrapresa) o forse mi pento del fatto che non ho scelto una delle auto A, B o C (rimpianto per un'inattività).

Alcuni anni fa, Thomas Gilovich, Ranxiao Frances Wang, Dennis Regan e Sadafumi Nishina hanno pubblicato un articolo sul Journal of Cross-Cultural Psychology in cui hanno esplorato le differenze interculturali nel modo in cui il rimpianto è stato vissuto. Nello specifico, hanno voluto valutare la frequenza di due forme di rimpianto attraverso le impostazioni culturali, vale a dire il rimpianto che è tipicamente sperimentato nelle proprie inazioni rispetto a quello sperimentato per le azioni intraprese. Un esempio del primo sarebbe il rimpianto di non aver perseguito il desiderio di diventare chef, mentre un'azione dispiaciuta potrebbe essere il fatto che si è deciso a diventare un ragioniere. Vedi il post di Art Markman, un collega PT blogger, su questo argomento qui. In diversi studi che sono stati condotti negli Stati Uniti, è emerso che a lungo termine, il rimpianto per l'inazione incombe maggiormente nei cuori e nelle menti delle persone.

Quest'ultima è culturalmente dipendente? Ci sono tratti culturali che potrebbero predisporre gli individui di un determinato paese a provare rimpianti in modi diversi da quelli provati dai campioni americani? Gilovich et al. dati raccolti dalla Cina, dal Giappone e dalla Russia, tre paesi ognuno dei quali possiede un ethos collettivista (vedi il mio post precedente qui su uno dei miei studi sul legame tra individualismo-collettivismo e creatività). Il pensiero era che le società con inclinazione individualista hanno maggiori probabilità di sottolineare l'autorealizzazione. Di conseguenza, l'incapacità di essere massimamente autorealizzati era ritenuta più probabile che sorgesse dall'inazione. D'altra parte, le società collettiviste sottolineano l'armonia del gruppo rispetto alla ricerca del proprio interesse. In tali casi, è stato ipotizzato che molte fonti di rimpianti potrebbero derivare da azioni intraprese che stavano offendendo ai membri del gruppo. I risultati non hanno sopportato l'effetto ipotizzato. Piuttosto, in tutte le culture studiate, gli individui provavano un maggiore rimpianto per le inazioni "egocentriche". Questo è abbastanza interessante in quanto dimostra questo elemento centrale nella psicologia del rimpianto.

Se ti stai chiedendo cosa mi dispiace di più, è scatenato da un evento che accade ogni quattro anni, vale a dire la Coppa del mondo di calcio. Da giovane, ho affrontato una decisione importante: dovrei trasferirmi in Europa e intraprendere una carriera calcistica professionale o prendere il percorso meno "rischioso" per diventare un accademico? Per ragioni troppo complesse per approfondire qui, non ho perseguito la mia carriera atletica. Mentre io sono pienamente soddisfatto nella mia professione prescelta (sapevo fin da piccola che sarei diventato un accademico), spesso provo il rammarico per la mia inerzia legata al calcio.

A proposito, due degli autori dello studio in questione erano ex professori di psicologia alla Cornell. Gridare ai professori Gilovich e Regan! Potrei pentirmi di non aver seguito la mia carriera calcistica in Europa, ma di certo non mi pento di averti come miei professori!

Fonte per immagine:
http://amorphia-apparel.com/img450/regret.gif

Solutions Collecting From Web of "Il rammarico è sperimentato in modo diverso nelle culture?"