Il radicale nel comportamentismo radicale

Quello che segue è, per la maggior parte, un estratto di un capitolo di un libro su cui sto lavorando per una serie di libri APA:

Gli psicologi hanno una lunga storia di ignoranza (ad esempio, Koch, 1964), non comprensione (ad esempio, Rogers, 1964), e / o intenzionalmente interpretazione errata (ad es., Chomsky, 1959) delle interpretazioni analitiche della psicologia. Per la maggior parte degli psicologi e della comunità laica, tutto il comportamentismo è una psicologia eccessivamente semplicistica, stimolo-risposta che meccanicamente collega risposte ovvie a eventi ambientali, negando l'esistenza stessa del pensiero e sottovalutando l'influenza dell'eredità genetica (Skinner, 1974). Questo, tuttavia, si applica solo al comportamentismo di Watson (1913, 1924), almeno nella sua forma più antica. Questo comportamentismo severo o classico fu abbandonato dalla maggior parte dei comportamentisti molto tempo fa. Ad esempio, Hull (1943) ei suoi colleghi neo-comportamentisti si sono leggermente spostati da alcune delle idee di Watson incorporando variabili intervenienti nelle spiegazioni di comportamento per le quali non esiste una causa contigua immediata (cioè, nessun apparente stimolo ambientale antecedente). Tolman (1932) ha offerto una versione diversa del comportamentismo che ha mantenuto la posizione esplicativa meccanicistica del neo-comportamentismo, ma ha cercato di identificare "un insieme di atti, stati, meccanismi, processi, strutture, capacità e proprietà interne" come cause di comportamento al posto del logicamente dedotte variabili intervenienti di Hull (Moore, 2003; vedi anche Koch). Skinner considerava questi approcci comportamentali metodologici in quanto studiavano comportamenti evidenti (cioè, quelli che possono essere visti dagli osservatori) come indicatori di processi più importanti che si verificano a livello coperto o interno.

Il comportamentismo radicale di Skinner (1945) offriva un quadro concettuale unico per spiegare il comportamento umano che non aveva fratelli stretti in Psicologia. Skinner usò il termine radicale per notare il netto contrasto tra il comportamentismo metodologico (cioè i comportamentismi di Watson, Hull e Tolman) e il suo approccio. Cioè, questo approccio ha mantenuto il comportamento manifesto come una variabile dipendente importante della psicologia pur riconoscendo l'esistenza e il significato di comportamenti non osservati (ad esempio, vedere i capitoli 15-17 di Skinner, 1953 Scienza e comportamento umano che si rivolgono all'autocontrollo, al pensiero e ad altro privato eventi). Tuttavia, non ha concesso uno status causale speciale a tali fenomeni. Cioè, piuttosto che collocare lo stato causale in entità o costrutti ipotetici, il comportamentismo radicale di Skinner ha tentato di dimostrare relazioni ordinate tra comportamento e ambiente. Questo approccio è, al suo interno, una prospettiva di selezione (Donahoe, 2003; Skinner, 1966; 1972). Le vedute del comportamentismo radicale causano un'interazione complessa che si estende su più scale temporali che coinvolgono gli organismi e l'ambiente.

Questo approccio evita la causa meccanicistica, spiega il comportamento sia palese che occulto, e concettualizza l'organismo come il luogo in cui interagiscono il comportamento e l'ambiente (Hineline, 1990; 1992). Cioè, il comportamento si evolve (o si sviluppa) per l'individuo in un modo complesso che coinvolge tre fonti primarie di influenza; eredità genetica, contingenze incontrate durante la vita di una persona e contesto socio-culturale in cui la persona si evolve. La selezione naturale a livello filogenico opera sulla specie per produrre le strutture, i riflessi e le predisposizioni che costituiscono l'individuo. Una persona è il prodotto della selezione naturale che opera attraverso contingenze di sopravvivenza e riproduzione con centinaia di migliaia di anni di storia che influenzano il loro corpo e il loro comportamento. La selezione influenza anche singoli organismi a livello ontogenetico nel corso della loro vita. Per adattarsi alla natura dinamica degli ambienti in evoluzione, la selezione per conseguenze o sensibilità alle contingenze ambientali consente alle specie in evoluzione di adattarsi ai cambiamenti prossimali nell'ambiente. La selezione per conseguenze opera sul comportamento dell'individuo con l'ambiente che funge da "agente" selettivo con la persona come veicolo, per così dire, di comportamento che interagisce con l'ambiente (Hineline, 1992). Queste contingenze modellano e stabiliscono un comportamento in interazione con la nostra eredità genetica e l'ambiente socio-culturale in cui uno è cresciuto. Il contesto sociale è di importanza critica in quanto l'ambiente sociale in cui il bambino sviluppa influenza pesantemente l'apprendimento. Ad esempio, la lingua del contesto sociale in cui il bambino è cresciuto determina la lingua che il bambino impara a parlare. In sostanza, l'ambiente socio-culturale di una persona porta la persona in contatto con le esperienze collettive di quella cultura (vedi la discussione di Dawkins sui memes, 1976).

[Ci sono troppi riferimenti per postare qui, ma quelli che vorresti che io chiarissi per te. Sarò felice di postare nella sezione commenti.]

Solutions Collecting From Web of "Il radicale nel comportamentismo radicale"