Il pubblico dell'avatar

Non vedo quasi mai film appena usciti, perché sono a buon mercato (aspettiamo il DVD!) E odio la folla in lotta. Ma una delle mie figlie voleva davvero vedere Avatar, così mi sono rotto e l'ho preso. Ormai sono sicuro che è praticamente impossibile dire qualcosa di originale sul film, ma ho una nuova prospettiva: voglio parlare del pubblico.

Mentre cercavamo posti nel teatro tutto esaurito, sia io che mia figlia abbiamo osservato che una proporzione schiacciante del pubblico del film era di proporzioni travolgenti. Cioè, molte persone erano sovrappeso, molto sovrappeso. E a giudicare dalle vasche di popcorn che stavano trascinando in giro, stavano per essere più sovrappeso alla fine del film.

Vorrei essere molto chiaro: non sto denigrando queste persone. Alcuni possono avere problemi medici che contribuiscono alla loro condizione, ma qualunque sia la loro ragione, non ho il diritto o il desiderio di essere critico verso il peso degli altri. Da un punto di vista sociale, tuttavia, devo dire che il tutto è stato un po 'strano. Avatar è un'eco-fantasia utopica su un mondo di potenti e umanoidi, i Na'vi, che vivono in perfetta armonia con il loro ambiente. Nel film compaiono centinaia di Na'vi, e nessuno sembra avere un grammo di grasso corporeo.

Quindi qui abbiamo un gruppo di umani seduti dentro per tre ore in una stanza buia, sgranocchiando spuntini grassi, affascinati dalle imprese fisiche di esseri coraggiosi profondamente in sintonia con il loro ambiente naturale. Questo è ciò che è strano: presumibilmente il pubblico apprezza il fatto di essere fuori natura, perfezionando abilità fisiche come l'equilibrio e la velocità e una forma fisica esagerata; se non lo facessero, non spenderebbero abbastanza soldi per sedersi e guardare queste cose. Perché, allora, questi valori non si manifestano nelle vite di molti tra il pubblico?

La verità è che spesso preferiamo le esperienze immaginarie delle finzioni a quelle reali della vita. Per prima cosa, la finzione è più facile e più sicura; possiamo immaginare noi stessi nelle situazioni più difficili e pericolose e non affrontare veri disagi o pericoli. Ma ancora più importante è il fatto che siamo capaci di immaginare situazioni più avvincenti e significative della vita. Anche quando le cose stanno andando bene, la vita reale porta un mix di sentimenti ed emozioni, la nostra felicità non è mai così pura come possiamo farcela nelle nostre storie.

Il nostro amore per le finzioni potrebbe essere la nostra rovina? Potrebbe essere che stiamo andando alla deriva nella situazione descritta in un altro film distopico, Wall-E, in cui gli umani sono diventati così sedentari che passano le giornate sdraiati su sedie galleggianti e inseguendo i divertimenti dei bovini? Probabilmente la mia ipotesi non lo è. Penso invece che sia meglio interpretare la situazione qui solo con delicatezza.

In un certo senso, il pubblico Avatar fornisce una metafora per tutti noi che amiamo l'intrattenimento. Ciò a cui siamo più attratti non è di rado ciò che ci manca nella vita reale. Ed è un po 'commovente che non possiamo riconoscere, mentre assorbiamo passivamente i nostri sogni elettronici, che spesso stiamo garantendo che ciò che siamo attratti rimarrà fuori dalla portata.

Per saperne di più, visita il sito Web di Peter G. Stromberg. Foto da Flickr, nome utente Lulu.

Solutions Collecting From Web of "Il pubblico dell'avatar"