Il prossimo dilemma di Kin Health è stressante a qualsiasi età

wikimedia.org
Fonte: wikimedia.org

Sia in prima persona o in avvicinamento agli anni d'oro, molti di noi dovranno affrontare un ricovero almeno una volta nella vita. Secondo un rapporto dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) nel 2010, ci sono stati 35,1 milioni di persone dimesse dagli ospedali dopo una durata media di 4,8 giorni. Nei casi in cui le persone sanno che saranno ammessi, c'è tempo per far conoscere i loro desideri in merito alle decisioni sul trattamento o alla fine del ciclo di vita. (1) Ma nelle emergenze, sia per i giovani che per i vecchi, senza direttive mediche gli ospedali parlano con parenti prossimi – anche se quella persona non è una persona amata. Una squadra di ricercatori di Yale in un rapporto di aprile ha documentato la loro preoccupazione.

La definizione di parente prossimo nella maggior parte degli stati significa parente di sangue o coniuge. Eppure, spesso coloro che amiamo, quelli per cui siamo più grati di essere nella nostra vita, sono esclusi dal prendere decisioni sanitarie per noi. I ricercatori di Yale in uno studio pubblicato il mese scorso su JAMA hanno scoperto che un numero crescente di pazienti non elenca i parenti come parenti prossimi, ma piuttosto membri all'interno della loro famiglia non nucleare. Tuttavia, c'è qualche domanda sul fatto che gli stati onoreranno tali desideri. Dal momento che le leggi statali sono diverse, ci può essere un ritardo quando si tratta di prendere una decisione medica critica.

Il collega postdottorato di Yale, il dott. Andrew B. Cohen e colleghi, ha sottolineato:

"Anche se un numero crescente di adulti non è sposato e vive da solo, gli statuti del consenso surrogato statale variano nel riconoscimento di relazioni importanti al di fuori della famiglia nucleare, come amici, parenti più lontani e relazioni intime al di fuori del matrimonio." (2)

Gli anziani a rischio e gli "sfortunati"

La situazione per gli anziani può essere terribile. Mentre i tassi di ammissione per gli anziani sembrano essere leggermente diminuiti, una nota informativa del CDC ha osservato che "gli adulti di età pari o superiore a 85 anni erano meno probabili rispetto a quelli di 65-74 anni e 75-84 anni che venivano dimessi e avevano più probabilità di morire l'ospedale. "E chi prende le decisioni per loro?

Thaddeus Mason Pope, JD, Ph.D. notato nel New England Journal of Medicine's Perspectives nel 2013:

"Le persone che sono state rese incapaci da un punto di vista decisionale, ma non hanno fornito direttive anticipate per la loro assistenza sanitaria e non hanno surrogati di assistenza sanitaria – a volte chiamati" non amichevoli "o" non rappresentati "- sono tra i membri più impotenti ed emarginati della società. La maggior parte dei non rappresentati sono anziani, senzatetto, disabili mentali o socialmente alienati. Tuttavia, le decisioni mediche per questi pazienti vulnerabili spesso mancano anche di garanzie e protezioni minimamente sufficienti. Di conseguenza, le decisioni sull'assistenza sanitaria fatte per loro sono a rischio di essere prevenute, arbitrarie, corrotte o incuranti. "(3)

Le soluzioni per ogni adulto portano ancora un rischio di stress

Sebbene la revisione dello studio di Yale comprendesse un esame di 109.803 veterani raccolti presso la Veterans Health Administration, è un campanello d'allarme per tutti coloro che non hanno direttive sanitarie in vigore. Circa il 7% circa dei parenti in lista erano al di fuori dell'unità nucleare.

È anche importante tenere a mente che coloro che prendono le decisioni mediche per i propri cari devono affrontare il peso dello stress decisionale. Spesso le persone si sentono stressate dalla seconda ipotesi delle proprie decisioni.

Come ha sottolineato l'AMA News:

"I responsabili delle decisioni surrogate possono essere ossessionati da persistenti dubbi sul fatto che abbiano fatto le scelte giuste per i familiari o possano sentirsi in colpa per quelle decisioni, mostra la ricerca. I surrogati spesso si sentono ansiosi e depressi e sono a rischio significativo di disturbi da stress post-traumatico. . . E l'angoscia è lenta a svanire. "(4)

Il team di Yale ha scoperto che i contatti familiari non nucleari includevano partner omosessuali, coniugi di common law e persino "compagno di anima viva" come loro parenti prossimi. Quello che una volta abbiamo definito l'unità familiare – marito, moglie e figlio – sta cambiando e, in quanto tale, potrebbe diventare una sfida per i decisori medici e i pazienti.

Come può essere risolto?

Le direttive anticipate sull'assistenza sanitaria sono documenti legali di cui i due tipi base sono testamento biologico e procure permanenti per l'assistenza sanitaria. Il processo decisionale è difficile, soprattutto quando ci sono fratelli coinvolti, poiché ognuno può avere una diversa interpretazione dei desideri di un genitore. Anche una direttiva medica può essere vista in modi diversi. La domanda cruciale diventa "E se?" Quando le persone sperano in un miracolo.

Cohen sollevò la proposta di uniformità in ogni stato per "le leggi del consenso surrogato predefinito", cioè le leggi statali che stabiliscono la priorità per le persone che dovrebbero essere contattate e agire come decisori surrogati durante un'emergenza medica.

5 pensieri da considerare

Per essere chiari sulla persona che sceglieresti di prendere una decisione per te in caso di emergenza critica, potresti voler:

  • Parla con un avvocato che potrebbe aiutarti a redigere una direttiva medica.
  • Decidi di istituire un procuratore sanitario – che, in alcuni stati, deve essere aggiornato quando un paziente viene ricoverato in ospedale o in una casa di riposo.
  • Esplora la procura temporanea per entrare in vigore in caso di un grave incidente o malattia – se il tuo stato preferisce questo a un proxy sanitario.
  • Rendi noti i tuoi desideri ai tuoi parenti anche se stampi immediatamente una breve direttiva medica su Internet.
  • Chiedi ai parenti di rispettare le decisioni che hai preso con il tuo partner e il tuo avvocato.

Secondo Charles Sabatino, JD, Ph.D, American Bar Association Commission on Aging and Law e riassunto in Advance Directives, il Merck Manual,

"Quando la legge statale non autorizza un decisore surrogato predefinito, i medici e gli ospedali di solito si rivolgono a parenti prossimi, anche se l'estensione della loro autorità legale diventa meno chiara. Nel raro caso in cui il problema sia riferito a un tribunale, i tribunali generalmente preferiscono nominare un familiare come tutore o conservatore per prendere decisioni sanitarie, ma possono anche rivolgersi a un amico o a un estraneo per dirigere le cure. Una procura duratura per l'assistenza sanitaria (e, in alcuni casi, un testamento biologico) elimina quasi ogni necessità di coinvolgimento dei tribunali e contribuisce a garantire che le decisioni relative all'assistenza sanitaria della persona siano rispettate. "(5)

Inoltre, le direttive anticipate possono in qualche modo mitigare la possibilità di un disturbo da stress post-traumatico, che i ricercatori hanno riscontrato colpisce un surrogato su tre che è stato coinvolto nel prendere decisioni sull'assistenza di vita. Tuttavia, le situazioni stressanti possono essere alleviate attraverso la comunicazione con i medici e con le squadre degli ospedali addestrate nelle decisioni di fine vita, sia improvvise che anticipate.

È particolarmente importante parlare con i genitori o le persone care nelle case di cura o nelle strutture di vita assistita. Mentre troppo spesso possono salutarvi quando sollevate il tema, parlare con loro in presenza di un membro dello staff infermieristico e suggerire che è semplicemente una politica per avere direttive in vigore, può essere utile.

(Rita Watson, MPH, scrive su questioni che riguardano gli anziani come ex destinataria del giornalista della Fondazione MetLife in Aging Award della Gerontological Society of America e New America Media.)

Riferimenti:

1. FastStats, CDC, 29 aprile 2015 Utilizzo dell'ospedale, National National Discharge Survey: tabella 2010

2. Andrew B. Cohen, MD, DPhil; Mark Trentalange, MD, MPH; Terri Fried, MD pazienti con relazioni di prossima generazione al di fuori della famiglia nucleare JAMA. 2015; 313 (8): 868. doi: 10.1001 / jama.2015.133.

3.Thaddeus Mason Pope, JD, Ph.D, Prendendo decisioni mediche per i pazienti senza Surrogates N Engl J Med 2013; 369: 1976-1978, 21 novembre 2013 DOI: 10.1056 / NEJMp1308197

4. Kevin B. O'Reilly / Assistenza per la fine della vita: Come aiutare i surrogati stressati Pubblicato il 13 giugno 2011 http://www.amednews.com/article/20110613/profession/306139942/4/ Fine -la cura della vita:

5.Sabatino, Charles JD, Advance Directives e Advance Care Planning: questioni legali e politiche, salute e servizi umani, American Bar Association, Commissione di diritto e invecchiamento 2007 e Advance Directives, Merck Manual, dicembre 2012

Copyright 2015 Rita Watson

Hai letto questi articoli?

  • Farmaci di memoria oggi e domani
  • È tutto nelle nostre menti? Memoria e invecchiamento

Solutions Collecting From Web of "Il prossimo dilemma di Kin Health è stressante a qualsiasi età"