Il processo di idealizzazione

È facile riconoscere quando hai gli occhi da taccagno e i sorrisi da ubriachi, i dollari ingiustificati gettati in barattoli di punta, l'atteggiamento del "go-with-the-flow" e le serenate da strada che vengono fuori da Say Anything sono i tipici tell. Soprattutto, però, sai di aver sbagliato quando ignori le scarpe orribili del tuo nuovo amante, tagli di capelli arruffati o commenti bizzarri. Nascondi questi commenti – "Non ho lasciato la mia stanza per una settimana quando Sugar Ray si è rotto" – in una scatola chiusa a chiave nella tua mente, lontano dalla portata degli amici giudici. Le qualità che gli altri vedono come difetti o bandiere rosse che trovi uniche o bizzarre.

Il fenomeno dell'idealizzazione facilita questo processo. Mentre i nostri cuori sono immersi nella gloria dell'attrazione, l'idealizzazione può insinuarsi nei nostri sistemi cerebrali. Alcune percezioni hanno un forte impatto sulla nostra soddisfazione nei rapporti: scegliere di adottare una prospettiva specifica su qualcuno, o di ricostruire inconsciamente i ricordi, può aumentare la nostra felicità generale con un nuovo partner.

Siamo tutti inclini all'idealizzazione. Proprio la settimana scorsa, ho idealizzato che avevo consumato il miglior panino della mia vita fino a quando il mio astuto compagno di stanza ha sottolineato che si trattava di un tacchino di due settimane sul pane che era sopravvissuto a lungo alla sua data di scadenza. Siamo particolarmente inclini a idealizzare i momenti del nostro passato. Un amico di recente mi ha detto, "L'anno scorso, in questo periodo, ho preso in giro tre fidanzati." Davvero? Potrei giurare che questa volta l'anno scorso non hai lasciato il tuo divano così da poter finire la prima stagione di T he Vampire Diaries.

Può essere facile ricostruire i ricordi per adattarsi alla nostra situazione attuale e talvolta questi ricordi rivisti ci aiutano anche in modi che non realizziamo. La ricerca ha dimostrato che molti di noi desiderano un partner che sia, tra le altre cose, attraente, affidabile, caloroso, di successo e intelligente. Tuttavia, nonostante ciò che ogni commedia romantica vorrebbe farci credere, è difficile trovare un partner con tutte queste caratteristiche. Fortunatamente per noi, i nostri ricordi e il potere di idealizzazione possono aiutarci a pensare di aver trovato qualcuno con ciascuna di queste qualità, anche se i nostri amici ci ricordano occasionalmente che non lo abbiamo fatto. Proprio come i Rom-com vengono modificati per garantire che la rana dell'eroina si trasformi in un principe nei titoli di coda, i nostri ricordi subiscono anche numerosi tagli e riscritture man mano che vengono elaborate nuove informazioni.

Nello specifico, l'idealizzazione si verifica quando generiamo illusioni positive massimizzando le virtù e riducendo al minimo i difetti. Queste illusioni derivano dalla nostra tendenza a sovrapporre i tratti reali dei nostri partner con la (errata) convinzione che i suoi difetti siano minimi. Non è che crediamo che la persona a cui siamo attratti sia un santo; siamo solo inclini a ritenere i loro difetti (vale a dire le scarpe, i tagli e i commenti di cui sopra) speciali e unici.

E fintanto che questa idealizzazione viene portata a un livello realisticamente sostenibile, i benefici di questo processo spesso superano i costi. Tuttavia, coloro che in modo irrealistico incantano gli amanti creando qualità che i loro partner non possiedono possono essere a rischio di disillusione e delusione. (Non sorprendentemente, la ricerca ha dimostrato che gli sposi segnalano una perdita di soddisfazione quando i loro partner si rivelano meno ideali di quanto pensassero inizialmente).

D'altra parte, quelli di noi che "appropriatamente" idealizzano i nostri partner hanno tutti i fatti; abbiamo solo scelto di interpretarli in una luce più positiva. Ha senso rafforzare l'immagine delle persone che ci piacciono, dato che a nostra volta speriamo di essere apprezzati da coloro che riteniamo desiderabili. Infatti, una profezia che si autoavvera può sorgere quando trattiamo i nostri partner come persone meravigliose e di talento, solo per ottenere da loro un comportamento correlato e, così facendo, migliorare la loro autostima. Credendo che i nostri partner siano le migliori versioni di se stessi, possiamo aiutarli a diventare quei sé ideali, un effetto noto come il fenomeno di Michelangelo.

Chi ha detto che non puoi avere la tua torta e mangiarla anche tu? Lei (o lui) era totalmente in errore (per non parlare dell'asceta). In effetti, le qualità che decidiamo di volere in una persona sono spesso, convenientemente, le qualità con cui la persona che finiamo ha. Forse una volta hai affermato che non ti saresti mai accontentato di qualcuno che non era un banchiere con tre fratelli (come te), ma ora che hai trovato il tuo unico chef, sei convinto che fosse perfetto per te da sempre. Con livelli "appropriati" di idealizzazione, ricostruiamo i nostri ricordi per credere che le qualità che abbiamo trovato in un'altra persona siano quelle che ci valutiamo.

I nostri ricordi revisionisti di solito prendono forma quando "ciò che sappiamo adesso" inizia a imprimere "ciò che accadde allora". Entrambi i membri di una coppia sono spesso responsabili della costruzione interdipendente di memorie vivide e vaste della loro storia condivisa. E, in particolare, gli attuali sentimenti verso un partner hanno un impatto significativo su come lui o lei è in grado di ricordare quel passato condiviso. Se una coppia è in pericolo, è più probabile che sostituisca i ricordi felici con nuovi pensieri di acrimonia. Ma se al momento contenti, sono più inclini a dimenticare i conflitti passati. Questa ricostruzione della memoria può migliorare una relazione quando raccolga più momenti positivi da un passato condiviso. Le coppie che ricordano il recente miglioramento delle loro relazioni (anche se tale cambiamento non si è verificato effettivamente) segnalano una maggiore soddisfazione. Quindi, idealizzare e provare ricordi più felici può essere doppiamente benefico.

Ma procedi con cautela, don Chisciotte del mondo: non tutte le battaglie possono essere vinte ordinatamente con il Trattato di Idealizzazione. Se si è già in trincea, è probabile che l'idealizzazione fasulla di un partner e la generazione di una fantasia insostenibile non riescano a sradicare le difficoltà. Ma ciò lascia ancora un modo in cui questo fenomeno può fungere da alleato efficace: l'idealizzazione e la ricostruzione dei ricordi possono migliorare una relazione sana o persino accendere una nuova fiamma. Quindi forse la prossima volta che sentirai, "Guarda il lato positivo," non sarai confuso su quale lato sia – guarderai il ragazzo con i capelli tagliati in una ciotola e realizzerai, Hey, forse Sugar Ray non era poi così male.

Riferimenti

  • Goodfriend, W. (2004, gennaio). Stima dei partner: percezioni distorte dei partner romantici delle rispettive facoltà e difetti. Paper presentato alla riunione della Society for Personality and Social Psychology, Austin, TX.
  • Miller, RS & Perlman, D. (2009). Relazioni intime. New York, NY: McGraw-Hill.
  • Murray, SL, Holmes, JG, & Griffin, DW (1996). I benefici delle illusioni positive: l'idealizzazione e la costruzione della soddisfazione nelle relazioni intime. Journal of Personality and Social Psychology, 70, 79-98.
  • Murray, SL, e Holmes, JG, (1999). I legami (mentali) che legano: strutture cognitive che predicono la resilienza della relazione. Journal of Personality and Social Psychology, 77, 1228-1244.
  • Watson, D., & Humrichouse, J. (2006). Sviluppo della personalità nell'età adulta emergente: integrazione di prove di auto-valutazione e valutazioni dei coniugi. Journal of Personality and Social Psychology, 78, 546-558.

  • Conclusioni e inizi
  • Il film leone fornisce approfondimenti sulle relazioni adottive
  • La fragilità della memoria
  • Sblocco dell'inconscio: 30 anni dopo
  • rifugiati
  • Cari genitori, è tempo di farli volare sul nido
  • Lodando il Signore degli Anelli in Anticipazione di Lo Hobbit
  • La poesia illumina il tuo cervello come una canzone preferita, spettacoli fMRI
  • Pensieri sull'11 settembre
  • 5 verità sull'ansia per aiutarti a rimanere presente
  • Quando ti senti non meriti di essere felice
  • Non spezzarmi il cuore
  • Heartbreakthrough: il paradosso di una vita passionale
  • Smistamento sinestesia
  • Osare ascoltare le voci
  • Il ruolo delle emozioni nelle nostre decisioni d'acquisto
  • 100 domande da porre al tuo ragazzo oltre a "Come è stata la scuola?"
  • Vai fuori in un parco con il tuo popolo
  • Quali sono i tuoi piaceri semplici e sottovalutati?
  • Disegnare una linea nello zucchero con la chef Emily Luchetti
  • Ecologia profonda, attivismo non violento e scienza
  • La nostra storia d'amore con thriller e suspense
  • Tradimento della lingua
  • Dormire dà memoria e apprende un passaggio
  • Come la nostalgia può migliorare la tua vita amorosa
  • Festa dei padri: una vacanza di gratitudine o desiderio?
  • Generazione di apatia: sei modi per ispirarsi
  • Power Naps Aiuta il tuo ippocampo a consolidare i ricordi
  • Hai sempre ragione?
  • 16 incursioni basate sulla ricerca per la tua vita sociale
  • La psicologia delle delusioni
  • Nuovo film di bullismo per mostrare "Perception"?
  • Trauma e Sonno I
  • Il mito della nutrizione
  • Cosa direbbe il tuo segno di protesta?
  • 14 chiede di aiutarti a comunicare sul sesso