Il "problema non parlato" nell'educazione

Guest post di Jess Pillmore. È co-fondatrice di una rivoluzionaria società di educazione artistica e autrice di Creatively Independent: Life on Your Terms con Play, Community & Awareness. Insegna a livello internazionale tecniche, teatro fisico e ideazione e il suo lavoro artistico è stato visto al Sundance Film Festival, Off-Broadway e nelle pubblicazioni nazionali.

Salterò nella parte più profonda e affermerò: il problema principale dell'educazione è l'ageismo. La voce individuale, le esigenze e le metodologie di un bambino non sono riconosciute come valide unicamente in base all'età. I bambini sono alla mercé di altri che interpretano, controllano e dettano il loro percorso.

Questo è il motivo per cui è impossibile ottenere tutti sulla stessa pagina su "successo", curriculum e metodologie perché non stiamo trattando coloro che sono direttamente interessati come persone uguali.

Le persone cercano e controllano l'ignoto.

Il futuro è sconosciuto.

I bambini incarnano il futuro.

L'idea non è rivoluzionaria. Nel nostro ciclo di vita, tutti noi sperimenteremo l'ageismo, lo perpetuiamo e poi lo sperimenteremo di nuovo. È un circolo vizioso di controllo, protezione, sfiducia, "il miglior interesse a cuore" e "lo sappiamo meglio". La rivoluzione sta fermando il ciclo. Non annaffiarlo in misura più sopportabile, come abbiamo fatto per generazioni, ma fermandolo a titolo definitivo.

"Sempre di più, sono arrivato a credere che la più grande riforma richiesta nelle nostre scuole sia l'abolizione di quel baratro tra giovani e vecchi che perpetua il paternalismo. Tale autorità dittatoriale conferisce al bambino inferiorità che persiste per tutta la vita; da adulto, si limita a scambiare l'autorità dell'insegnante con quella del capo. "(AS Neill, fondatore di Summerhill)

Credo, a livello viscerale, che gli adulti ricordino quanto sia stato sbagliato provare l'ageismo. La libertà è stata portata via, poco a poco o in momenti distinti, da quelli più grandi di noi. Noi ricordiamo.

Ma mescolato con il tempo e la rassegnazione, questo ricordo può essere sentito come "Sono andato tutto bene, quindi non deve essere stato così male". Sì, siamo venuti fuori bene, nel senso che siamo sopravvissuti, perché i bambini sono resilienti. Ma non confondiamo il problema. Non abbiamo prosperato a causa di questo controllo, ma piuttosto malgrado ciò. Abbiamo imparato da bambini come sopravvivere in un mondo che premia la conformità e la maturità. Abbiamo imparato come leggere i segni, obbedire a chi è al potere e aggirare le regole arbitrarie con ogni mezzo necessario. Abbiamo trovato modi per esistere all'interno di un sistema che non ci ha dato valore come persone con scopi, conoscenza di sé e abilità intrinseche per navigare nel mondo. Abbiamo fatto tutto questo con l'istinto primordiale di sopravvivere.

Questa sopravvivenza si basa in gran parte sulla nostra inclusione nella nostra comunità. Siamo animali sociali. Noi abbiamo bisogno l'uno dell'altro. Ribellarsi contro la comunità può avere conseguenze di vita o di morte in determinate fasi della nostra vita.

Sfortunatamente, il bisogno di aiuto è spesso interpretato come debolezza nella nostra cultura. La debolezza è equiparata allo stato basso. Così i bambini, anche se sono di fatto, in termini evolutivi, il livello successivo e più raffinato della nostra specie, sono considerati come uno status basso. E come abbiamo visto nel corso della storia, quelli etichettati come "status basso" sono i più minacciati per i diritti umani fondamentali … il più fondamentale, il diritto di essere liberi.

"Dubito che ci sia mai stata una cultura umana, da nessuna parte, in qualsiasi momento, che sottovaluta le capacità dei bambini più di quanto facciano oggi i nordamericani. La nostra sottostima diventa una profezia che si autoavvera, perché privando i bambini della libertà, li priviamo delle opportunità di cui hanno bisogno per imparare come prendere il controllo del proprio comportamento e delle proprie emozioni. "(Peter Gray, Free to Learn)

Per capire il mondo, i bambini perpetuano l'età attraverso la modellazione. Iniziano a sognare ad occhi aperti il ​​giorno in cui escono da questa prigione di basso livello con "Quando crescerò …", "Quando vivo in casa mia …" e "Quando avrò figli …". Un barlume di speranza per quando hanno il controllo della propria vita.

L'effetto a catena è sentito in tutti gli aspetti della nostra vita diventando parte del nostro vocabolario "naturale", una lente in cui vediamo il mondo. I paralleli sono visti negli stili di gestione aziendale, creazione artistica, religione e politica. È la nostra prima lezione che interpretiamo, sfidiamo, incarniamo e traduciamo in altri mezzi.

Quindi qual è l'alternativa? Fiducia e uguaglianza. Sono i maggiori rischi con il maggior numero di ricompense. Un messaggio di comunità ai bambini che dice:

Come ha scritto Peter Gray in Free to Learn , "Sei competente. Hai gli occhi e un cervello e puoi capire le cose. Conosci le tue abilità e i tuoi limiti. Attraverso il gioco e l'esplorazione imparerai ciò che devi sapere. I tuoi bisogni sono valutati. Le tue opinioni contano. Sei responsabile per i tuoi errori e puoi aver fiducia di imparare da loro. La vita sociale non è la putrazione della volontà contro la volontà, ma l'aiuto reciproco in modo che tutti possano avere ciò di cui hanno bisogno e la maggior parte desiderano. Siamo con te, non contro di te. "

Una comunità di adulti che amano, si fidano e rispettano i bambini. Una comunità che crede che prendersi cura di qualcuno significhi essere presenti e disponibili senza dettare e tracciare il proprio percorso.

Con speranza, sto affrontando ciò che sembra orribile e vergognoso: l'ageismo e il controllo dei bambini. Lo faccio da solo, è una lotta in classe, una lotta nella mia casa, ma in quale altro modo cambiamo se non per chiamare le cose col loro nome? Come possiamo evolverci se non lasciamo andare la vergogna e riconosciamo le ingiustizie del passato e le false credenze?

Propongo una cartina di tornasole per la rivoluzione dell'educazione. (Attenzione: anche se sembra che abbia spazio per le aree grigie, è rigorosamente sì o no).

"Credi che i bambini si conoscano meglio di come li conosciamo?"

Risposta. Siediti con lui. Chiediti perché.

Chiedi al tuo studente o bambino. Chiedi il perché. Ascolta.

La rivoluzione è qui.

Solutions Collecting From Web of "Il "problema non parlato" nell'educazione"