Il problema con i ragazzi

Quali cambiamenti consiglieresti se ti dicessero che i bambini afro-americani erano:

  • da quattro a otto volte più probabilità di essere drogato con Ritalin e altri stimolanti, che il pediatra Leonard Sax chiama "steroidi accademici".
  • leggere molto più male degli altri studenti.
  • tre volte più probabilità di suicidarsi.
  • 2 1/2 volte più probabilità di abbandonare la scuola superiore.
  • severamente sottorappresentati al college e ancora di più tra i laureati, bloccandoli così da quelli di oggi, per non parlare dei lavori di domani a livello professionale.

    Probabilmente invocheresti parole come "razzismo istituzionale" per giustificare i maggiori sforzi per migliorare il numero degli afroamericani.

    Tutte le affermazioni di cui sopra sono vere tranne una cosa: quelle statistiche non riguardano i bambini afro-americani. Riguardano i bambini di tutte le razze, in effetti la metà di tutti i bambini, metà della nostra generazione successiva: i ragazzi.

    Quando una disparità fa male alle donne o alle minoranze, vengono attuati importanti sforzi di riparazione. Perché non con i ragazzi? Nel nostro mondo politicamente corretto, se punti a un'ingiustizia contro le donne o una minoranza, sei considerato un eroe, ma ti permetti di evidenziare un deficit sofferto dai maschi, sei demonizzato come un piagnucolone o anti-femmina. I leader dei media di oggi, quando erano al college, hanno raccontato inesorabilmente quanto siano oppressivi gli uomini, così ora, questi guardiani dei media di solito rifiutano di pubblicare pezzi positivi per i maschi. Quindi, ad eccezione di alcuni libri e articoli minimamente influenti, tutto ciò che continuiamo a sentire è un ininterrotto, spesso ingiusto, tambureggiare su come le ragazze e le donne continuano a essere scoraggiate. Per esempio, c'è una statistica fasulla onnipresente che le donne guadagnano 77 centesimi sul dollaro rispetto agli uomini. Nel frattempo, i media, quando menzionano i ragazzi, di solito insistono che i ragazzi stanno bene. Ad esempio, una cover story della rivista Time , The Myth About Boys, ha dichiarato "I ragazzi stanno bene", sottintendendo che quelle statistiche terrificanti citate sopra sono in qualche modo compensate da piccoli recenti guadagni nei punteggi dei test (che, a proposito, sono sminuiti dalle ragazze 'guadagni.)

    E le nostre scuole continuano ad essere sempre più femminilizzate. La competizione, una delle motivazioni preferite dei ragazzi, è stata in gran parte asportata a favore dell'apprendimento cooperativo (che finisce spesso con il dire che il lavoro brillante e dedicato fa il lavoro noioso e pigro). Storie di eroismo e coraggio sono sostituite con tomi su relazioni e sheroes. Recess, che i ragazzi attivi cercano disperatamente di liberare energia repressa viene sempre più rimpiazzato da un altro giro di fonetica. Alle ragazze viene detto che possono realizzare qualsiasi cosa mentre ai ragazzi viene insegnato che la mascolinità è un tratto anti-sociale che deve essere estinto.

    La percentuale di insegnanti di sesso femminile K-12 è salita al massimo storico: 76,3 per cento. Nella scuola elementare è ben oltre il 90 percento. Il principale ruolo che i ragazzi modello vedono a scuola è il custode.

    E quando i ragazzi tornano a casa da scuola, i modelli maschili peggiorano. Sia guardando una sitcom, film, cartoni animati o commerciale, le probabilità sono buone che il maschio è un buffone o sleazebag mentre la femmina è esperta e sicura di sé.

    Gli uomini sono i principali responsabili della creazione delle macchine che guidiamo, degli edifici in cui viviamo, dei computer che utilizziamo e delle scoperte mediche che salvano le nostre vite, ma se un marziano discese sulla terra e guardasse la TV, avrebbe concluso che gli uomini sono usa e getta . Se i modelli di ruolo sono importanti, come immagini che i ragazzi siano influenzati da tutto questo?

    Cosa fare? I mindmolders dei bambini sono i media, le scuole e la famiglia. Ognuno ha un ruolo:

    I media ora si prendono cura eccessivamente per assicurare che donne, minoranze e gay non vengano ritrattate in modo sproporzionato. Adesso bisogna dare la stessa cura ai ragazzi e agli uomini.

    Le scuole sostengono di celebrare la diversità, ma insistono nel fornire un'educazione unica. Che si tratti di lezioni di co-o o di un solo sesso, i ragazzi hanno bisogno di istruzioni amichevoli: più insegnanti maschi che non sono stati addestrati a de-boy boys, più competizione, elogi per audacia, apprendimento più attivo (ad esempio, dramma e simulazione) e meno posti di lavoro, meno narrativa centrata sui rapporti e più storie di avventura ed eroismo, l'accettazione da parte degli insegnanti che i ragazzi, in media, si dimenano più delle ragazze, e questo non richiede critiche continue che, non sorprendentemente, portano a un comportamento più oppositivo , allo psicologo scolastico, al piccolo autobus giallo di educazione speciale, e ancora più spesso al Ritalin. Ora, in età scolare, secondo un rapporto del New York Times, uno stupefacente, scoraggiante, uno su cinque ragazzi è stato diagnosticato con ADHD.

Ironia della sorte, i genitori istruiti spesso fanno particolarmente male ai ragazzi. Il curriculum universitario e i media consumati dall'intellighenzia sottolineano le realizzazioni delle donne e i mali degli uomini. Quindi questi genitori troppo spesso si sentono giustificati nell'evitare, nel spremere la mascolinità dai ragazzi: aggressività, competizione, fisicità, avversione per i lunghi impegni. Naturalmente, non sto sostenendo che i genitori permettano a Junior di diventare un selvaggio, ma le qualità di cui sopra, canalizzate con saggezza, possono essere la sostanza di cui è fatta la grandezza. Possiamo perfezionare, ma raramente possiamo rimodellarci, così dobbiamo onorare i modi di essere degli uomini, così come oggi siamo stati sollecitati per decenni ad onorare le femmine ".

I ragazzi rappresentano metà del nostro futuro, quindi il problema con i ragazzi è un grosso problema per la società. Inoltre, avere così tanti bambini inutilmente infelici e sottoperformanti è di per sé molto triste. Durante i miei 29 anni come consulente in carriera e istruzione, ho notato un cambiamento radicale nei ragazzi e negli uomini che ho consigliato. Quando ho iniziato, molti di loro erano fiduciosi e ambiziosi. Ora, sproporzionatamente, sono scoraggiati o arrabbiati, mentre le ragazze e le donne sentono molto più spesso che il mondo è la loro ostrica. E hanno ragione, ma dovrebbe essere l'ostrica di entrambi i sessi.

È disponibile la seconda edizione di The Best of Marty Nemko. Puoi raggiungere la carriera e l'allenatore personale Marty Nemko su mnemko@comcast.net