Il premio sanitario del matrimonio: personalità o sesso?

In The Case for Marriage , Linda Waite e Maggie Gallagher (1) promuovono i vantaggi del matrimonio. Le persone sposate sono più sane, più ricche e vivono più a lungo, concludono. Man mano che le persone trascorrono sempre più spesso le loro vite, tali conclusioni sono sotto attacco.

Solo una correlazione?

Un risultato sorprendente è che l'88% degli uomini che sono rimasti sposati tra i 48 ei 65 anni sono sopravvissuti rispetto al 66% degli altri uomini (2). In altre parole, solo il 12% è morto rispetto al 34% del gruppo di confronto. Le donne sposate non avevano un vantaggio di sopravvivenza così grande. Nell'ultimo decennio, molti studi convergono sulla conclusione che le persone sposate hanno tassi di mortalità più bassi rispetto a quelli mai sposati, vedovi o divorziati qui e in tutto il mondo (3).

La correlazione tra i risultati di buona salute e il matrimonio è ancora solo una correlazione. Solo perché le persone sposate sono più sane, non segue che il matrimonio ha migliorato la loro salute. Forse le persone più sane sono più attraenti come partner e quindi più propense a sposarsi.

Un argomento simile può essere fatto sulla lunghezza del matrimonio. Il sociologo Eric Klinenberg (4) sostiene che le coppie possono stare insieme perché sono felici e in salute piuttosto che essere felici e in salute perché stanno insieme. Questo potrebbe essere un classico effetto di selezione in cui le differenze iniziali tra persone sposate e single sono attribuite al matrimonio stesso.

Questo problema non è facilmente scartato perché alcuni tratti della personalità che sono correlati con il matrimonio instabile sono anche associati a problemi di salute. Le persone con micce corte che sentono e esprimono una grande quantità di rabbia e ostilità sono difficili da vivere e hanno anche una maggiore vulnerabilità alle malattie cardiache e ad altre malattie.

Tuttavia, c'è molto di più rispetto al matrimonio stabile che seleziona i tratti della personalità che promuovono la salute. Ci sono molti modi in cui il matrimonio può effettivamente promuovere la salute, sia che ciò sia dovuto alla connessione emotiva tra i partner, oppure no.

In che modo il matrimonio può migliorare la salute

Avere uno stretto confidente è uno dei principali fattori predittivi della salute del cuore. La maggior parte degli uomini ha solo un confidente stretto – la loro moglie. Le donne sono tuttavia più fiduciose e in genere hanno molti amici a cui possono rivelare segreti che possono essere il motivo per cui il matrimonio è meno un vantaggio per la loro salute (1). Un altro motivo di questa differenza è che le donne generalmente si prendono meglio cura di sé in modo che il loro comportamento di buona salute si ripercuote sui loro mariti che acquistano una dieta più salutare, ricevono controlli medici, dormono di più e bevono meno alcolici.

I benefici per la salute derivanti dal matrimonio sono complessi, in particolare per gli uomini, che vanno dal comportamento di buona salute ai vantaggi di un'intima connessione sociale con il partner per ridurre i rischi di alcolismo, incidenti e violenza (5). Una delle ragioni per cui le persone sposate sono più sane è che tendono a godere di uno standard di vita più elevato associato a una maggiore aspettativa di vita.

È interessante notare che la vita singola eleva i livelli di testosterone maschile. Sia la competizione contro altri uomini, sia i rapporti sessuali con nuove donne aumentano la produzione di testosterone (6) che sopprime la funzione immunitaria. D'altra parte, il matrimonio tende a calmare gli uomini e ha l'effetto di ridurre la produzione di testosterone.

Le persone sposate fanno sesso più spesso dei single; si ritiene che migliori la salute, in particolare per gli uomini (1, 4). Inoltre, gli uomini che passano qualsiasi tempo a diretto contatto con i loro figli producono più ossitocina, l '"ormone coccoloso", che rafforza il sistema immunitario (7). Le donne sposate in genere crescono più bambini delle donne single e passano più tempo nella cura dei figli, ottenendo così maggiori benefici per la salute.

Conclusione

Potrebbe esserci un effetto di selezione in base al quale le persone sane trascorrono più delle loro vite sposate. Inoltre, il divorzio può essere un grave fattore di stress con costi sanitari elevati (1). Tuttavia l'obiezione di Klinenberg alla tesi di Waite e di Gallagher sui benefici per la salute del matrimonio non regge. Ci sono troppi meccanismi biologici convincenti attraverso i quali il matrimonio rende le persone più sane. Naturalmente, la convivenza non sposata avrebbe vantaggi simili, tranne che in genere è più instabile.

In confronto, la vita singola è (o era) dannosa – in particolare per gli uomini che soffrono i rigori di uno stile di vita rischioso e malsano e numerose sfide per il sistema immunitario. In futuro, poiché più persone sono single più a lungo, la qualità della vita singola può migliorare a causa di una maggiore integrazione sociale (4).

1. Waite, LJ, & Gallagher, M. (2000). Il caso per il matrimonio. New York: Doubleday.

2. Lillard, LA, e Waite, LJ (1995). Finché morte non ci separi: disgregazione e mortalità coniugale. American Journal of Sociology, 100, 1131-1156.

3. Blomgren, J., Martikainen, P., Grundy, E., & Koskinen, S. (2012). Storia civile 1971-1991 e mortalità 1991-2004 in Inghilterra, Galles e Finlandia. Journal of Epidemiology and Community Health, 66, 30-36.

4. Klinenberg, E. (2012). Going solo: la straordinaria ascesa e il sorprendente appeal del vivere da soli. New York: Penguin.

5 Courtenay, WH (2000). Fattori comportamentali associati a malattia, lesioni e morte, tra gli uomini: Prove e implicazioni per la prevenzione. Journal of Men's Studies 9, 81-142.

6. Archer, J. (2006). Testosterone e aggressività umana: una valutazione dell'ipotesi della sfida. Recensioni Neuroscence & Biobehavioral, 30, 319-345.

7. Uvnas-Moberg, K. (1998). L'ossitocina può mediare i benefici dell'interazione sociale positiva e delle emozioni. Psiconeuroendocrinologia 23: 819-835.

Solutions Collecting From Web of "Il premio sanitario del matrimonio: personalità o sesso?"