Il Predator e il Pachiderma

Sin dall'inizio, le preoccupazioni dei genitori e della società riguardo al mondo digitale si sono concentrate sulla sicurezza, e la terribile notizia che lo stupro di tre bambini era il risultato diretto di incontri su un'app chiamata Skout li indubbiamente li approfondisce. Qualunque sia il dialogo che accompagna il nuovo piano di Facebook di far partecipare i preadolescenti (legalmente, questa volta) sarà senza dubbio sulla sicurezza, non sulla psicologia, che è la questione più importante. L'attenzione per la sicurezza ha praticamente cancellato qualsiasi sforzo sia stato fatto per tenere i telefoni cellulari fuori dalle aule, dal momento che molti genitori si preoccupano degli scenari di tipo Columbine.

Non c'è niente di sbagliato nel preoccuparsi della sicurezza di tuo figlio, naturalmente. Il vero problema è che concentrando la discussione sulla sicurezza da soli, non stiamo parlando dell'elefante digitale nel salotto, che influenza lo sviluppo dei bambini e degli adolescenti. Forma come pensano nel senso più ampio. Colpisce come e cosa leggono, quali informazioni danno la priorità, come socializzano e come si vedono.

Perché i genitori in generale ignorano l'elefante psicologico? Perché stanno consegnando ai bambini dispositivi digitali o li hanno parcheggiati davanti ai televisori quando gli è stato detto "no schermi fino all'età di 2 anni?" Perché stanno lasciando andare i bambini di dieci anni su Facebook, o su tredici anni? su YouTube e usa app come Skout, che ha permesso loro di "flirtare" con estranei che erano geograficamente vicini? Okay, qualcuno potrebbe dirmi perché Skout è una buona idea per chiunque, e molto meno per gli adolescenti che sono notoriamente molto, molto pessimi nell'anticipare le conseguenze e nel calcolare i rischi? (È il loro cervello, in parte, che è la colpa.) Il problema con Skout non erano solo i predatori, ma il concetto stesso, quando si parla di adolescenti.

I genitori ignorano volontariamente l'elefante psicologico? Perché non vogliono sentir parlare dell'impatto che la vita digitale ha sullo sviluppo? (Ogni volta che scrivo un post come questo, meno persone lo leggono … Hmmmm.)

Prima di tutto, la tecnologia è il qui e ora, ei genitori vogliono che i loro figli facciano parte del qui e ora. Sono convinti che la tecnologia = successo in futuro perché è stato detto ripetutamente. Gli avvertimenti sul divario digitale alla fine degli anni '90 – tutti quei "non abbienti" che sarebbero stati esclusi dalla taglia per essere raccolti nell'era tecnologica – attirarono l'attenzione di ogni famiglia con bambini e dei mezzi in America che si adattarono in modo appropriato quindi la loro progenie potrebbe essere padrona dell'Era dell'informazione. Di conseguenza, molti genitori identificano erroneamente l'agilità digitale – che a volte mancano – con abilità tecnologiche. C'è, tuttavia, un'enorme differenza tra l'utilizzo di un dispositivo digitale o di un'app e la consapevolezza di come costruire una differenza, temo, molti genitori non apprezzano facilmente. Inoltre, l'Information Age offre un'infinità di informazioni e disinformazione, fatti e faide factoid, molti dei quali indistinguibili dai nativi digitali che non sono stati addestrati a individuare la differenza. Di conseguenza, come alcuni esperti hanno opinato, potrebbe esserci una nuova divisione intellettuale: quei giovani che trovano le loro passioni prima e sono capaci di "pensare profondamente" e gli agili skimmer che hanno solo dominato una ricerca su Google e che hanno vinto " essere il padrone di tanto in tanto presto.

In secondo luogo, la competitività del mondo di oggi rende alcuni genitori timorosi del fatto che, se lasciano i propri figli abbandonare digitalmente a un certo livello, da Facebook, dagli sms, da te-name-it-in qualche modo questi bambini perderanno la posizione sociale o il capitale. L'appartenenza è sempre stata importante per i giovani e gli adolescenti, ma la posta è stata alzata nell'era digitale. "Mi preoccupo per Facebook", ha detto la madre di un dodicenne, "ma ci sono tutti i suoi amici. Ho paura che lei si perda. "Intendi zoppicare tuo figlio tenendolo fuori da Facebook? Ci vuole un genitore forte per prendere quella decisione, e certamente ci sono alcuni genitori che lo fanno. Tieni presente che, secondo un sondaggio del Consumer Reports del 2011, 7,5 milioni di bambini di età inferiore ai 13 anni erano comunque su Facebook, perché hanno mentito sulla loro età. Un rapporto di Pew dice che il 49% dei ragazzi di 12-13 ammette di aver mentito per andare avanti. Sorpresa sorpresa. Ma anche questo ci impedisce di parlare dell'elefante digitale.

In terzo luogo, ai genitori piace pensare che quando guardano nella stanza del loro bambino e vedono tutti quegli schermi, sta accadendo qualcosa di veramente educativo. Guarda tutto questo multi-tasking! Circa sei anni fa, in linea con i primi studi sugli adolescenti su Internet, gli esperti hanno previsto un aumento della creatività, dal momento che un rapporto del Pew Center ha rilevato che il 28% degli adolescenti era un blog. Molti hanno anticipato una nazione di diaristi e un miglioramento delle capacità di scrittura. Ora, però, la maggior parte dei ragazzi non scrive blog (solo il 14% fa, la maggior parte di essi provenienti da famiglie a basso reddito) e invece di scrivere, l'attività è stata ridotta all'aggiornamento di stato su Facebook o Twitter. La verità è che la maggior parte delle attività online non è altro che diversivo. Vogliamo davvero che altri nove anni si uniscano al "divertimento?"

Il divario digitale ha un nuovo significato al giorno d'oggi, come riportato il New York Times la settimana scorsa, mentre sempre più bambini sono trascinati nella macchina che consuma tempo e che è molto più di attività digitale. Risulta che i genitori meno istruiti hanno maggiori probabilità di non riconoscere l'indolenza digitale; i genitori con un'istruzione universitaria fanno un po 'meglio, ha trovato la Kaiser Family Foundation. Ma, prima che i laureati universitari inizino a darti una pacca sulla schiena dei tuoi genitori, tieni presente che anche i tuoi figli usano i loro dispositivi in ​​gran parte per l'intrattenimento, non per l'educazione: ne vale la pena dieci ore al giorno! (Ho già fatto questa domanda, ma i bambini in America dormono mai?) Quindi, la buona notizia è che i tuoi figli stanno sprecando 90 minuti al giorno in meno rispetto agli altri perditempo. Ora su quell'elefante …

In quarto luogo, i genitori stanno ignorando l'elefante perché il vero monitoraggio dell'attività digitale richiede tempo, energia e impegno – e molti genitori semplicemente non ne hanno abbastanza di nessuno – e offre la reale possibilità di ostilità dei bambini, come il Kaiser del 2010 Rapporto sulla fondazione della famiglia trovato. Quale percentuale di genitori controlla cosa? Dipende dallo studio, dalla definizione di "monitor" e dall'età del bambino. Lo studio della Kaiser Foundation ha rilevato che il 64% dei genitori aveva regole sull'uso del computer per i bambini 8-10; ricorda che ciò significa che il 36% non ha regole. Quando i bambini erano 11-14, solo il 60% dei genitori aveva delle regole; quel numero è sceso al 36% per il gruppo di 15-18 anni. Intendiamoci, solo il 26% dei genitori con regole ha dichiarato di farli rispettare "la maggior parte" del tempo. Solo il 39% li ha applicati "alcuni" del tempo.

La verità è che tenere traccia dell'attività online di tuo figlio richiede tempo e fatica, e dovresti farlo praticamente ogni giorno perché sia ​​efficace, quindi non è davvero sorprendente che la maggior parte dei genitori non lo faccia. C'è anche il vecchio problema di Parenting 101: è più facile dire "sì" che "no", se non è necessariamente migliore per il tuo bambino a lungo termine.

Il rapporto del Pew Center 2011 è un po 'più roseo sulla supervisione dei genitori e ho il sospetto che questi numeri saranno utilizzati per giustificare l'accesso ai ragazzi più piccoli su Facebook, in particolare se i genitori possono controllare con chi è amico il bambino e vedranno ciò che viene pubblicato, e così mantenere il bambino "al sicuro". Tutto questo non ha senso, a mio avviso: i bambini hanno davvero bisogno di aggiornare il loro stato? Carica le foto? La posizione di "Io sono una celebrità nel mio universo" dovrebbe iniziare prima? I bambini non dovrebbero giocare fuori o leggere? Ancora una volta, il 41% dei genitori non usa alcun tipo di controllo parentale sull'uso di cellule e computer da parte dei figli secondo questo studio, e anche quelli che lo fanno tendono a parlare del modo migliore per navigare nel cyberspazio, piuttosto che usare mezzi tecnici per monitorarlo, tranne che con i bambini più piccoli.

Infine, alcuni genitori almeno non vogliono parlare dell'elefante perché ciò richiederebbe di ridurre la propria attività digitale: il ping della cella o del testo a cena, la pagina di Facebook per vantarsi e connettersi, e simili. Dopotutto, è divertente, non è vero?

Per il momento, tutti stanno ancora osservando i predatori mentre il Pachiderma siede indisturbato in mezzo a loro.

http://www.kff.org/entmedia/upload/8010.pdf

http://pewinternet.org/~/media//Files/Reports/2011/PIP_Teens_Kindness_Cruelty_SNS_Report_Nov_2011_FINAL_110711.pdf

Solutions Collecting From Web of "Il Predator e il Pachiderma"