Il potere elusivo delle situazioni quotidiane

La scorsa settimana ho avuto un piccolo intervento chirurgico dopo aver rotto due dita, il che spiega il motivo per cui mi ci vorrà 5 volte il tempo per scrivere questa voce in quanto ti porterà a leggerlo. A seconda del mio stato d'animo al momento della domanda, se mi chiedi come li ho fatti, ti direi tirando fuori gli orfani dalle macerie dopo un piccolo terremoto o colpendo un fallo con un pipistrello bagnato durante una slo -pitch gioco di softball. Ti lascerò decidere quale è l'impresa più impressionante.

In realtà non avevo mai rotto un osso prima e oltre ad avere i denti del giudizio, non avevo mai avuto nemmeno un intervento chirurgico. Ma la mattina della procedura non ero affatto nervoso. In effetti, ero molto meno ansioso rispetto a mia moglie, che stava ancora superando la sua irritazione completamente giustificabile per come ho sofferto le ferite (non ti preoccupare, le piacciono gli orfani, è il softball che gioca sotto la pioggia battente che non è andato particolarmente bene).

Dopo essermi registrato all'ospedale, sono stato condotto in una piccola stanza per un ultimo colloquio preoperatorio dallo staff infermieristico. Poi sono stato lasciato solo a cambiare in abito, o "johnnie", come si riferivano a esso in modo divertente. Quando ho chiesto chiarimenti su questo processo sartoriale, sono stato informato che, sì, in effetti, avevo bisogno di rimuovere ogni ultimo indumento personale prima di intraprendere una procedura ambulatoriale di 30 minuti.

Così ora sono seduto da solo in una stanza minuscola e buia che sembra sia stata anche usata per conservare apparecchiature informatiche obsolete, con nient'altro che una sottile camicetta da ospedale tra me e il resto del mondo. E non riesco nemmeno a legarmelo perché, come ho omesso di menzionare fino ad ora, un dito rotto è su ogni mano. (Lo so, lo so, sono una meraviglia della scienza ortopedica.) In altre parole, mi hanno appena dato un vestito inadeguato con l'unico tipo di chiusura che non posso chiudere nel mio stato attuale, un coulisse. Meraviglioso. L'infermiera torna a informarmi sugli eventi da seguire, ma sto ascoltando a malapena perché devo controllare continuamente il nodo di disfacimento sul retro del mio abito per garantire che la nostra interazione rimanga saldamente radicata nella categoria di infermiere / paziente senza devolvere in quello di artista / modella nuda.

Poi vengo condotto nella stanza con il letto in cui sarò per la procedura, dove incontrerò la squadra di anestesia. Mi informano sulle mie opzioni in modo pratico ma accurato. Posso ottenere un blocco dito locale, anche se non sono sicuro che sarà abbastanza forte se il chirurgo decide che ha bisogno di mettere le viti nel dito. Posso ottenere un blocco sull'intero braccio, l'improbabile effetto collaterale per cui si verifichino danni ai nervi. Posso "andare sotto" del tutto, con o senza un tubo di respirazione e, a proposito, ho qualche lavoro dentale di cui dovrebbero essere a conoscenza nel caso in cui detto tubo debba essere inserito rapidamente?

Devo ammettere che a questo punto sto diventando un po 'nervoso. Intendiamoci, tutti stanno facendo il loro lavoro e lo fanno in modo cortese. L'infermiera era amichevole e rassicurante; la gente di anestesia ha parlato in termini chiari e accessibili a un laico. Ma i vari aspetti di questa situazione mi fanno sentire piuttosto a disagio e persino un po 'spaventato. Sono in un luogo sconosciuto, sto prendendo decisioni su questioni mediche di cui so ben poco in consultazione con persone che non ho mai incontrato prima, e ho detto che sono ancora nudo sotto un abito scomodo il cui status rimane tutto tranne che sicuro?

La mia ipotesi è che questi aspetti di questa situazione non abbiano prestato attenzione ai medici e alle infermiere con cui stavo interagendo. Ma per me, la stanza, il mio vestito, l'improvvisa apparizione di un anestesista che vuole discutere del piccolo rischio di danni ai nervi permanenti tre secondi dopo essersi introdotto e scuotere la mia stecca … questo è ciò che ha trasformato la mia disposizione dal blasé all'ansia.

Pochi giorni dopo la procedura, ho raccontato la mia esperienza a mio suocero, un neurologo che pratica a Boston e insegna a Harvard. Mi ha detto che ogni volta che gli viene chiesto di tenere un discorso per laurearsi studenti di medicina o nuovi residenti, dice sempre loro che una delle cose migliori che possono accadere loro professionalmente è ammalarsi. Non è una malattia grave, certo, ma abbastanza per farli lottare per prenotare un appuntamento tempestivo, lottare con la compagnia di assicurazioni, stare seduti troppo a lungo nelle sale d'attesa e solo in genere fare un ripasso su cosa sia un paziente.

Penso che sia un ottimo consiglio, e certamente non solo per gli operatori sanitari. È utile per quelli di noi che lavorano come professori per provare ancora una volta cosa vuol dire essere studenti in un corso di conferenze. Per gli psicologi di vivere un'ora come paziente. Per il rappresentante del servizio clienti trascorre 30 minuti in attesa. Senza tali esperienze, o per lo meno immaginando tali esperienze, è fin troppo facile perdere di vista i fattori situazionali che influenzano le persone con cui interagiamo nel corso del nostro lavoro.

Come sappiamo da decenni di ricerca in psicologia sociale, molti di noi sono troppo distratti dal potere della situazione nelle nostre interazioni quotidiane. (Per un grande blog che esplora la portata e le implicazioni di questa tendenza in quanto si applica a vari domini come la legge, la politica, gli affari e altro ancora, controlla The Situationist.) E sembra che questa tendenza sia amplificata solo quando operiamo entro i confini confortevoli dei nostri mondi professionali.

Naturalmente, la prescrizione di mio suocero può essere applicata anche a relazioni professionali nella direzione opposta. Lo studente ha irritato il fatto che il suo professore non abbia risposto a una e-mail entro tre ore sarebbe stato consigliato di considerare che gli altri 99 studenti della classe avrebbero potuto fare richieste simultanee di attenzione personale. Il viaggiatore aereo potrebbe trarre beneficio dal fatto che questo particolare impiegato del banco bagagli smarrito non è la persona che ha inviato i suoi bagagli ad Austin invece di Boston. Dovrebbe essere il paziente che si avvicina alla sua terza ora di attesa nel pronto soccorso per riconoscere che, per quanto possa essere doloroso, un coglione che rompe due dita colpendo un softball non richiede un pronto intervento medico come il 7enne appena arrivato ragazza che soffre di un attacco d'asma, anche se è abbastanza sicuro che il bambino è solo un falso. E così via.

I fattori situazionali esercitano una potente influenza sulle nostre interazioni quotidiane. Saremmo tutti ben serviti per prenderci il tempo di fermarci, notare e meditarli più spesso. Questo ci consente di comprendere più a fondo la natura umana, ci offre opportunità di crescita personale e ci consente di trasformare le nostre tabelle in situazioni altrimenti minacciose. Me? Ho in mente un vestito nuovo per insegnare la mia prima conferenza in autunno, un nuovo johnnie appena uscito dalla borsa. Questa volta doppiamente annodata, comunque.

Solutions Collecting From Web of "Il potere elusivo delle situazioni quotidiane"