Il potere di fare una piccola cosa

"Non possiamo fare grandi cose su questa terra. Possiamo solo fare piccole cose con grande amore. "
– Madre Teresa

Ho avuto a lungo una relazione di amore / odio con quella citazione.

Da un lato, voglio essere abbastanza umile da credere che piccoli gesti quotidiani fatti dal cuore possano ricucire insieme il mondo in cui vogliamo vivere.

D'altra parte, ciò a cui sono maggiormente attratto sono le ampie azioni che trasformano e riformano – che portano cambiamenti radicali e che alterano la vita:

Pinel, scatenando i detenuti in un manicomio francese e spostando per sempre il modo in cui ci avviciniamo alla malattia mentale.

Pinel unchaining the inmates at Salpetriere

Lo psichiatra francese Philippe Pinel (1745-1826) ha liberato i malati di mente dalle loro catene presso il rifugio di Salpêtrière a Parigi

Gandhi, in lotta per i diritti degli intoccabili. Dimostranti pacifici che insegnano ai loro corpi a zoppicare nonostante la vista di cani addestrati e manichette antincendio. Un uomo di 38 anni che calpesta un piede calpestato sulla luna. Penicillina. Un romanzo che si diffonde come un incendio, che colpisce le menti di milioni di persone.

Nonostante le parole sagge di Madre Teresa, nel profondo del mio cuore continuo a credere che se solo potessi fare una "grande cosa" su questa terra, sarei pieno di soddisfazione e di pace (non che mi farebbe beffe di fare diversi grandi cose – ma uno sembra un bel posto da cui iniziare).

Poi, questa settimana, ho scoperto per caso il potere innegabile di fare una piccola cosa …

È successo quando mi sono svegliato una mattina alla vista di lenzuola fresche di bucato appese pacificamente su una corda da bucato. Di fronte al mio letto.

No, io e mio marito non abbiamo spostato il materasso nel cortile sul retro per approfittare del romanticismo dei cieli stellati e delle brezze estive. Nella maggior parte delle notti qui intorno, il risultato sarebbe stato essere risucchiato dalle zanzare, inzuppato dalla pioggia e colpito dall'illuminazione – in questo ordine approssimativo.

Invece, i fogli facevano parte del progetto di pace del mese: la riduzione dell'impronta di carbonio della nostra famiglia (la quantità totale di gas serra che la nostra famiglia emette – o causa di essere emessa – dalle nostre scelte di stile di vita).

In mezzo a una lotta più epica per domare il nostro uso dell'automobile e del condizionatore d'aria (che racconto di dolore e sventatezza salverò per un'altra settimana), ho anche deciso di bandire l'asciugatrice dal nostro allegro regno.

Net-hopping dalla Guida al risparmio sull'elettricità di Michael Bluejay a un grande blog sull'essiccamento pigro della linea di abbigliamento per un sito di advocacy che promuove la messa in onda di un bucato (pulito), sono finito su PayPal approvando l'acquisto di un grande stand-alone indoor-outdoor stendibiancheria, giustamente chiamata la signora Pegg's.

Da lì, le cose non erano così tagliate e "asciutte".

La corda per il bucato è stata montata con successo sul nostro mazzo e l'attuale carico del giorno è stato felicemente (e pigramente) appeso mentre aspettavo con impazienza di godermi l'odore del sole e l'illuminazione del carbonio autocompiacimento.

Tre giorni dopo le lenzuola erano ancora bagnate come il giorno in cui uscirono dalla mia lavatrice.

Sapevo che, teoricamente, su tutta la terra, le persone stavano appendendo i loro vestiti a varie corde, corde, ganci, rami e fili e raccogliendoli in un lasso di tempo ragionevole più tardi, in uno stato non umido. Ahimè, non nel mio angolo del mondo conosciuto.

Si è scoperto che (appena sotto la mia piena consapevolezza durante tutti questi anni di oblio con aria condizionata) le nostre giornate erano piene di umidità sciropposa e indolente (dannazione, è meglio che prenda queste lenzuola dentro) occasionalmente spezzato da brevi "prese in giro" di sole (sì, appendi le lenzuola in fretta!) seguito da improvvisi e inattesi periodi di pioggia torrenziale (oh, perdi tempo – eccoci di nuovo qui).

Nel caso ti stia chiedendo, come ho fatto io, se lasciare i fogli fuori durante la notte risolverebbe il problema, posso attestare il fatto che le nostre notti sono soggette a temporali frequenti e istericamente inducenti (l'isteria era stata il regno esclusivo dei nostri 8 e 3 anni fino al momento in cui ho visto le mie lenzuola gocciolanti illuminate da ripetuti lampi di lampi). Infine, per aggiungere insulto alle ferite provocate dalle intemperie, le prime mattine producono questa noiosa (sebbene attraente) cosa chiamata rugiada. Tutto bene per far crescere funghi e larve di zanzara, ma non tanto per l'asciugatura all'aria aperta.

Sembrava che Kermit the Frog avesse ragione – non era facile essere verdi!

Era tempo di gettare il mio asciugamano (umido, ammuffito) e rannicchiarmi all'asciugatrice con la coda tra le gambe? O c'era qualcos'altro che potevo provare – qualcosa che mi avrebbe aiutato a fare un po 'più lungo la linea (vestiti)?

Fu allora che chiesi a mio marito come si sarebbe sentito ad avere la linea di vestiti nella nostra camera da letto.

Ammetto che non è stato così entusiasta al primo colpo.

Non ero così sicuro di me stesso. Dopotutto, sono io che continuo a parlare del mio bisogno di bellezza e ordine. Avendo speso quanta energia e pensiero come ho nel coordinare, disarmare e feng-shuining la nostra camera interiore, sarei davvero d'accordo con una corda da bucato piena di calzini e pantaloncini da ginnastica nel mezzo di tutto questo?

C'era solo un modo per scoprirlo.

La mattina dopo la grande decisione, mi sono svegliato per vedere file di lenzuola fresche di bucato che si asciugavano fianco a fianco davanti al mio letto.

Clothesline full of sheets in author's bedroom

Foto per autore (nella camera degli autori)

E ho sentito la mia faccia … scoppiare in un grande sorriso.

Il mio cuore si stava espandendo nella canzone. Questa era bellezza! Questo era l'ordine! Questo era il feng shui al suo meglio!

Da allora, quella sensazione di gioia ha continuato a spuntare ogni volta che sono accolto dalla vista di vestiti che ondeggiano dolcemente nella brezza prodotta dal nostro ventilatore da soffitto. E non è perché credo che appendere le mie mutandine e reggiseni davanti al mio letto sia una di quelle "grandi cose" che aiuteranno a salvare il mondo (il modo in cui possono influenzare l'ecologia del mio matrimonio è un'altra domanda).

Credo che sto semplicemente sperimentando il potere di aver fatto un passo modesto, ma inflessibile, verso una vita più vicina ai miei valori personali.

Chi sapeva che tanta felicità potesse derivare da un piccolo atto fatto con grande integrità?

Bene, oltre a Madre Teresa, quello è.

——————

Copyright Elaine Shpungin 2010

Elaine Shpungin, Ph.D. si diverte a scrivere dei suoi tentativi "pacifici" di creare armonia una scelta alla volta. Al momento, è una studentessa di Nonviolent Communication (NVC) e Restorative Circles (RC), uno scrittore in erba, un genitore umiliato, un partner romantico in continua evoluzione e un direttore di una clinica di psicologia per studenti di dottorato in Psicologia clinica / comunitaria.

Per ricevere annunci sui futuri messaggi Peacemeal, segui Elaine su Twitter: http://twitter.com/eshpu

Solutions Collecting From Web of "Il potere di fare una piccola cosa"