Il potere delle pratiche minuscole

C00 Public Domain
Fonte: dominio pubblico C00

Nessun atto di gentilezza, non importa quanto piccolo, è mai sprecato. ~ Aesop

A seconda della famiglia in cui sei cresciuto, dei messaggi che hai ricevuto crescendo e del trucco della tua personalità, emozioni come la gentilezza, l'apprezzamento e la compassione possono o meno venire naturalmente a te. Fortunatamente, ci sono una varietà di modi per portarli nelle tue interazioni con gli altri. La gentilezza, l'apprezzamento e la compassione sono emozioni che si correlano direttamente con determinate azioni e possono essere sviluppate con intenzione e attenzione.

Praticare azioni del genere costruisce e fortifica percorsi neuronali associati a queste emozioni. Queste azioni agiscono come acqua e fertilizzante, contribuendo a coltivare la gentilezza, l'apprezzamento e la compassione, così fioriscono più pienamente e le sentiamo più profondamente. Qualunque cosa prestiamo attenzione diventa più grande, sia che sia utile e in buona salute o inutile e malsana. La nostra attenzione è come l'acqua – qualunque cosa l'acqua cresca più grande.

Possiamo scegliere di annaffiare i fiori piuttosto che le erbacce del nostro giardino cognitivo ed emotivo sintonizzando i sentimenti di gentilezza, apprezzamento e compassione, portandoli alla mente e prestando attenzione alle azioni che espandono il nostro contatto cosciente con loro. Questo può iniziare con pratiche apparentemente minuscole come condividere un sorriso, estendere alcune parole di buon cuore ed essere emotivamente presenti con coloro con cui entriamo in contatto. Queste pratiche semplici ma preziose ammorbidiscono il cuore e, per prendere in prestito un termine dal pugilato, pugno sopra il loro peso. Non costano nulla in più e possiamo facilmente coinvolgerli, anche quando abbiamo una giornata difficile.

  1. Sorridi – intenzionalmente e spesso. Un sorriso è il gesto di apertura alla gentilezza. Un sorriso sincero è un piccolo ma profondo atto di generosità. Oltre a emanare gentilezza e connessione, il sorriso innalza l'umore innescando il rilascio dei neurotrasmettitori della serotonina e della dopamina. Anche sorridere è almeno un po 'contagioso; quando sorridiamo agli altri, spesso si ottiene un sorriso in cambio.
  2. Saluta le persone quando le incontri. Dì "ciao", "buongiorno" e "buon pomeriggio". Anche un cenno del capo è un atto di gentilezza, un riconoscimento dell'altra persona.
  3. Quando è possibile, saluta le persone per nome. Essere chiamati con il proprio nome è tra le esperienze più sottovalutate, ma potentemente convincenti che una persona possa avere. Simboleggia il riconoscimento e la connessione: ci interessa abbastanza ricordare il nome di qualcuno e usarlo.
  4. Dì "grazie". È un modo per riconoscere gli altri e onorare i loro sforzi. Il messaggio di fondo di questa dichiarazione facile da prendere per scontata e spesso trascurata è che io ti vedo e siamo connessi. Esprime anche apprezzamento e riconosce la gentilezza degli altri, il lavoro che svolgono o il servizio che forniscono a noi.
  5. Se necessario ed emotivamente sicuro, impegnarsi in forme di cura, come ad esempio mettendo una mano sulla spalla di un altro per comunicare supporto, mettendo un braccio intorno a qualcuno in uno spettacolo di gentilezza, o condividendo un abbraccio sincero. Il tocco premuroso ha molteplici vantaggi fisiologici ed emotivi per entrambe le persone. Riduce la pressione sanguigna, abbassa l'ormone dello stress cortisolo e stimola il rilascio di ossitocina, l'ormone legante. Il contatto rilascia anche serotonina, un neurotrasmettitore che agisce come un antidepressivo naturale, che calma e regola l'umore.

La qualità del nostro ambiente è una funzione di ciò che tutti noi apportiamo. Ognuna di queste micro pratiche presenta piccole isole di gentilezza e connessione condivise. Forniscono modi incredibilmente semplici ma significativi per contribuire alla qualità complessiva della tua esperienza e di quella degli altri.

Copyright 2017 Dan Mager, MSW

Solutions Collecting From Web of "Il potere delle pratiche minuscole"