Il potere delle piccole decisioni

È molto più facile soffocare un primo desiderio che gratificare tutti quelli che lo seguono. -La Rochefoucauld.

wikimedia
Fonte: wikimedia

Nel suo recente libro, Unbroken Brain, la giornalista Maia Szalavitz scrive: "La dipendenza non appare solo; si svolge, con molte influenze. "Nessuno avrebbe scelto di essere un tossicodipendente. Non ti svegli una mattina e decidi di diventare un alcolizzato. Un giorno di uso di droghe non significa dipendenza. Mentre i giorni si accumulano, emergono le caratteristiche della dipendenza. Di conseguenza, una persona che non ha mai scelto di essere un tossicodipendente finisce con un drogato. Allo stesso modo, qualcuno che ha una seconda dose di dolce ogni sera finisce con venti sterline più pesanti di quanto lui o lei aveva programmato.

La teoria della dipendenza da Primrose Path, sperimentata dallo psicologo comportamentale Howard Rachlin, suggerisce che la dipendenza deriva dalla mancanza di consapevolezza da parte delle persone dell'impatto dell'attuale consumo di droga sulle preferenze future (ad esempio, la formazione dell'abitudine). Piccoli passi il lunedì ti rendono più probabile che commetta un comportamento simile martedì. Il comportamento si nutre di se stesso.

La teoria del percorso Primrose si concentra sulla fase iniziale della dipendenza attraverso una serie di decisioni incrementali con conseguenze che non sono percepite dall'individuo fino a quando non è troppo tardi. La teoria presuppone che i tossicodipendenti siano completamente presenti focalizzati in senso cognitivo. Gli individui prendono decisioni in questo momento dalla prospettiva rigorosa del piacere momentaneo e ignari delle conseguenze a lungo termine. Ad esempio, quando una persona decide se bere, in genere non tiene conto del fatto che può diventare dipendente. Piuttosto, confronta semplicemente il valore di una bevanda ora con il valore di astenersi ora.

Questo pensiero a breve termine può portare a scelte impulsive. Ad esempio, quando si pianifica a lungo termine, la maggior parte delle persone intende mangiare cibi sani, fare attività fisica regolarmente, smettere di fumare e trascorrere meno tempo su Internet. Ma questi piani richiedono il ritardo della gratificazione. Poiché in un dato giorno il valore della presente indulgenza è sempre superiore al valore di qualsiasi ricompensa distante (beneficio per la salute), le persone tendono ad andare per una gratificazione immediata.

È solo la nostra tendenza perversa a favorire il breve termine a lungo termine. Il nostro cervello preferisce sempre l'uccello in mano ad avventurarsi nella boscaglia. Tuttavia, quando ci pentiamo delle nostre scelte passate, stiamo prendendo una prospettiva a lungo termine. Ad esempio andare al bar e ubriacarsi e poi rimpiangerlo. Da una prospettiva immediata, la scelta è abbastanza ragionevole, ma da un punto di vista a lungo raggio, l'atto sembra essere un errore.

I farmaci sono anche usati per far fronte a sentimenti dolorosi come ansia e depressione. Le droghe sono più allettanti per coloro che hanno subito importanti esperienze traumatiche. La teoria della dipendenza da automedicazione suggerisce che gli individui con deficit nelle abilità di regolazione delle emozioni (cioè abilità rilevanti per modificare le reazioni emotive e tollerare emozioni negative) usano droghe nel tentativo di gestire stati affettivi negativi o angoscianti. Ad esempio, gli individui con storie di esposizione ad ambienti infantili avversi (ad esempio, abusi fisici e sessuali) tendono ad avere una minore capacità di regolare le emozioni negative e di far fronte efficacemente allo stress. Questo stile di coping diventa un comportamento appreso e quasi automatico.

Tutto sommato, le scelte che creano uno stile di vita indesiderabile vengono fatte un giorno alla volta. Non sono fatti al livello di una considerazione sullo stile di vita a lungo termine. Queste scelte sono scelte miopi e inizialmente irrilevanti, ma alla fine aprono la strada a una grande decisione. In qualsiasi occasione, l'uso di droghe (o eccesso di cibo) produce danni limitati. Il danno si verifica dopo ripetute indulgenze.

Di conseguenza, il progresso del trattamento richiede uno sforzo quotidiano lento e costante per rendere ogni giorno leggermente migliore rispetto all'ultimo. C'è un limite a quanto possiamo cambiare le altre persone o quanto velocemente possiamo cambiare noi stessi. In effetti, la ricerca suggerisce che avere l'intenzione di fare qualcosa prevede solo di fare il comportamento desiderato circa il 33% delle volte, anche per le persone non tossicodipendenti. Non importa quanto siano forti le intenzioni dell'obiettivo, non vi è alcuna garanzia che l'obiettivo sarà raggiunto, a causa della natura automatica e compulsiva del comportamento.

Solutions Collecting From Web of "Il potere delle piccole decisioni"