Il potere della sana vergogna

flickr image by bruckerrlb
Fonte: immagine flickr di bruckerrlb

La vergogna è una delle emozioni più distruttive. La vergogna è quella sensazione dolorosa e profonda che ci dice che siamo difettosi o difettosi. Il filosofo francese Jean Paul Sartre ha descritto la vergogna come "un brivido immediato che mi attraversa da capo a piedi".

Lo psicologo Gershen Kaufman spiega come la vergogna sia l'improvvisa rottura del ponte interpersonale, che si verifica quando qualcuno ci relaziona in modo degradante e critico – o quando prevediamo di essere criticati o attaccati. Tale vergogna può avere un effetto tossico e paralizzante sul nostro benessere.

L'aspetto positivo della vergogna

Ma è tutta vergogna? Sociopatici e bugiardi patologici sono persone che non provano vergogna. Loro mancano di rispetto e feriscono gli altri senza l'inconveniente di sentirsi male. Molto probabilmente, hanno avuto così tanto vergogna da crescere che la loro strategia di sopravvivenza dipendeva dal compartimentalizzare questa emozione dolorosa – allontanandosi da essa e, nel processo, dalla sensibilità degli altri.

Gli individui che liberamente fanno vergogna e feriscono gli altri sono di solito persone che sono guidate da una vergogna inconscia. Trovano un modo per trasferire la loro vergogna agli altri. Come dice Gershen Kaufman:

"Se mi sento umiliato, posso ridurre questo effetto incolpando qualcun altro. La colpa direttamente trasferisce vergogna a quell'altra persona, permettendomi di sentirmi meglio con me stesso ".

Con il passare degli anni, le difese e la struttura della personalità di una persona possono diventare così indurite che diventa difficile accedere alle emozioni primarie a cui è stato tenuto a bada per così tanto tempo. Poiché l'empatia e la gentilezza verso i propri sentimenti non sono più accessibili, c'è poca empatia nei confronti dei sentimenti e dei bisogni degli altri

Una vergogna profondamente sepolta è un aspetto importante e spesso trascurato dell'eziologia dei disturbi della personalità. Le persone costruiscono e investono in un sé che è molto lontano da chi sono veramente. Poiché questo falso sé si sente sempre più "naturale", c'è una disconnessione sempre più solida dal loro sé vulnerabile, tenero e autentico.

Abbraccia la vergogna

Un aspetto positivo della vergogna è che ci dice quando abbiamo ferito qualcuno, quando abbiamo attraversato un confine che viola la dignità di una persona.

La vergogna può sorgere naturalmente quando abbiamo rotto il ponte interpersonale, quando abbiamo parlato o agito in un modo che ha infranto la fiducia o ferito una relazione. La vergogna attira la nostra attenzione. Se possiamo fermarci e notarlo invece di andare avanti, abbiamo l'opportunità di correggere il nostro comportamento.

Ad esempio, potremmo gridare parole arrabbiate e offensive, come "Sei così egocentrico" o "Sei un tale idiota!" Dopo che la polvere si sarà calmata, potremmo provare vergogna per aver attaccato qualcuno a cui teniamo – o per aver violato la dignità umana di una persona. Essere consapevoli della nostra vergogna offre un'opzione per chiedere scusa come un modo per ricostruire la fiducia. Potremmo anche notare i sentimenti più vulnerabili che sono alla base del nostro attacco – forse tristezza, dolore o paura di perdere la relazione.

Non c'è nulla di vergognoso nel provare vergogna. È semplicemente una parte del nostro cablaggio. Mentre la vergogna può essere debilitante, può anche essere un sistema di preallarme per quando siamo pronti a infrangere la fiducia e ferire una persona. Tale vergogna amichevole ci protegge dal fare o dire qualcosa che potrebbe tornare a perseguitarci. Tale vergogna ci consente di preservare la fiducia e salvaguardare le nostre relazioni.

Se possiamo riconoscere la vergogna in un primo momento, potremmo avere la sensazione di quale vergogna sia.

Forse questa è una vergogna tossica che dice: "Non hai il diritto di esprimere i tuoi veri sentimenti e desideri. Sei cattivo e sbagliato per sentirti in questo modo. Non hai il diritto di occupare spazio nel mondo. "

O forse questa è una vergogna amichevole che cerca di dirci: "Basta! Stai per fare del male a qualcuno. "Potremmo quindi fermarci, fare un respiro profondo, notare la rabbia e scoprire i sentimenti più vulnerabili che stanno accadendo all'interno."

Un aspetto di una pratica di mindfulness può essere quello di differenziare la vergogna tossica da una vergogna sana e amichevole. Riconoscere la vergogna tossica che ci trattiene dall'essere e affermare noi stessi è un passo utile per ridurlo. Notare una sana vergogna che ci informa quando stiamo violando i confini di un'altra persona e la dignità può sintonizzarci su come stiamo influenzando le persone.

© John Amodeo

immagine flickr di bruckerrlb

Ti preghiamo di considerare di gradire la mia pagina Facebook.

John Amodeo, Ph.D., MFT è autore del libro pluripremiato sulle relazioni come percorso spirituale, Dancing with Fire: un modo consapevole di amare i rapporti. I suoi altri libri includono The Authentic Heart e. È stato un terapeuta specializzato in matrimonio e famiglia per 35 anni nella zona della Baia di San Francisco e ha tenuto conferenze e condotto seminari a livello internazionale.

Solutions Collecting From Web of "Il potere della sana vergogna"