Il potere della resilienza

Co-autore: Steve Schlozman, MD

Un bambino di 10 anni profondamente investito nell'hockey sviluppa il diabete giovanile.

A tre bambini, 4, 7 e 15 viene detto dai genitori che stanno per divorziare

I genitori di un sedicenne scoprono con orrore che il loro figlio ha subito un'overdose fatale.

Una donna di 85 anni sopravvissuta ad Auschwitz, scopre che suo nipote è stato dispiegato in Afghanistan.

Una mamma single di 35 anni che ha lasciato una relazione violenta con suo marito scopre che il suo quindicenne è stato aggredito sessualmente a scuola.

Un ragazzo di 16 anni viene improvvisamente scaricato dalla sua ragazza di due anni.

A volte la vita ha una brutta mano. Mentre alcuni potrebbero obiettare ai meriti relativi di queste particolari vignette come mancanza di disavventure ugualmente ponderate, il nostro obiettivo qui non è quello di classificare l'intensità relativa degli eventi pessimi. Il nostro obiettivo, invece, è accentuare che la vita stessa è mutevole, che la vita rifluisce e scorre, e che le fortune e le disgrazie che derivano dall'essere umani sono in realtà parte della condizione umana.

Ecco perché abbiamo musica pop oltre a Dostoevskij.

Il fatto è che tutti hanno cose orribili che accadono a noi. Comprensibilmente, queste cose orribili possono potenzialmente oscurare il bene. Non è come le vignette sopra non sono comuni. Stanno anche, impazzendo, non per colpa di nessuno.

Accadono e basta

La domanda chiave, quindi, non è "perché" accade questa cosa, ma in che modo nel mondo ci gestiamo quando accadono queste cose. Ci crolliamo? Diventiamo depressi o senza speranza?

O ci raduniamo?

Forse la cosa più importante – come possiamo radunarci?

Queste domande ovviamente ci fanno visitare ancora una volta il concetto di resilienza. Perché alcuni di noi sembrano inesorabilmente resilienti.

Come lo comprendiamo? Siamo nati resilienti o costruiamo la nostra capacità di recupero per allenarci per una maratona?

Anche se abbiamo alcune risposte a queste domande, la giuria è ancora fuori. Abbiamo solo di recente come una cultura diventata investita a livello nazionale nella comprensione dei fenomeni di resilienza.

Sappiamo, infatti, che la resilienza è fondamentale per l'instaurazione della salute. Si potrebbe essere tentati di dire che è particolarmente importante per il mantenimento della salute mentale, ma sembra sciocco e inaffidabile separare il benessere psichico dal resto del corpo. Un'anima sofferente soffre dappertutto. Ecco perché siamo così interessati a capire come funziona la resilienza.

Iniziamo definendo il termine. La resilienza è meglio intesa come la capacità di un individuo di mantenere la stabilità personale e sociale nonostante le avversità. E i brevi aneddoti sopra certi richiedono alcuni mezzi per mantenere la stabilità.

Inoltre, la ricerca attuale suggerisce che la resilienza coinvolge tre componenti principali:

1. Attributi biologici : ci sono tratti innati, punti di forza e punti deboli con cui tutti i bambini sono nati. Alcuni bambini rotolano con avversità. Altri dimoreranno e sembreranno bloccati quando le cose andranno male. Questi tratti, quindi, possono sia ostacolare che favorire la resilienza.

2. Relazioni familiari e sociali : tutti i bambini richiedono attaccamenti interpersonali positivi nelle loro vite. La famiglia, la famiglia allargata e una miriade di adulti importanti nella vita dei bambini (allenatori, insegnanti, ecclesiastici) contribuiscono a promuovere l'integrità individuale, la fiducia e la fiducia negli altri nella salute. Queste relazioni aumentano chiaramente la capacità di resistere alla cattiva sorte. Affascinante, è una strada a doppio senso. Gli adulti mentori beneficiano tanto quanto i bambini di queste importanti alleanze.

3. Ambiente : le forze sociali, politiche, ambientali ed economiche che ci circondano possono migliorare o minacciare la nostra stabilità emotiva e la salute mentale. La nostra capacità di far fronte ai cambiamenti socio-ambientali è un elemento estremamente importante nello sviluppo della resilienza. In effetti, è qui che i cambiamenti politici si sono concentrati più intensamente.

Attualmente, quelli di noi coinvolti nel benessere dei giovani si stanno concentrando molto su questi concetti. Il nostro centro, The Clay Center for Young Healthy Minds, ha come missione centrale: consideriamo la resilienza un processo da promuovere piuttosto che un tratto acquisito.

Come facciamo questo? Attraverso l'impegno attivo e un'attenta consapevolezza.

L'impegno si riferisce alle relazioni personali con individui, gruppi e comunità importanti che favoriscono la forza personale. L'impegno implica anche un attaccamento ad altre esperienze significative nella nostra vita. Gli sforzi creativi sono stati a lungo dimostrati per aumentare le capacità di coping di bambini e adulti. Dove saremmo senza i poteri curativi della nostra musica, storie e poesie?

La consapevolezza è il processo di diventare sempre più in sintonia con le nostre forze emotive, vulnerabilità, pregiudizi e reazioni agli eventi della vita. L'attenzione attenta a queste diverse forze promuove l'adattamento e l'adattamento massimo. I rimedi per gli attributi della società inutili – stigma, pregiudizio e disinformazione – possono fare molto per migliorare la resilienza attraverso una consapevolezza più accurata.

Soprattutto, la resilienza è contagiosa. Siamo attratti dagli altri, attirati dalla loro capacità di recupero e impariamo dai loro successi e insuccessi.

Possiamo diventare tutti resilienti. Ma la resilienza non è un progetto solista. Questa non sarebbe la prima volta che ci vuole un villaggio.

Prima pubblicazione su CommonHealth.org e sul MGH Clay Center for Young Healthy Minds: Sviluppo della resilienza attraverso Engagemenr, Awareness and Media (dream). Per ulteriori informazioni, vedere www, pathstodream.org

Solutions Collecting From Web of "Il potere della resilienza"