Il potenziale della mente che invecchia

Un mito persistente nella nostra cultura incentrata sulla gioventù suggerisce che il processo di invecchiamento significa inevitabile, progressivo declino. Nel mio campo di ricerca, la salute del cervello, questo mito si traduce in molte persone che credono e permettono ai loro migliori anni cerebrali di essere nel passato.

Pensaci. Quando credi che il tuo cervello stia funzionando al massimo delle prestazioni?

Spesso faccio domande alla gente, e la risposta è quasi sempre 10 o 20 anni fa – non importa che età siano!

Mentre è vero che molti processi cerebrali decadono con l'età, questa è solo una parte della storia. Come esperti di salute del cervello, stiamo scoprendo che c'è di più da celebrare che da temere. Alcune funzioni cerebrali in realtà migliorano man mano che invecchiamo. Infatti, finché non è presente alcuna malattia, la maggioranza degli anziani continua ad avere la capacità di continuare ad apprendere nuove cose e prendere decisioni corrette.

Una nuova ricerca condotta da Joshua Hartshorne presso il Massachusetts Institute of Technology ci mostra diversi processi mentali di picco in epoche diverse. Ad esempio, lo studio rivela che tendiamo a ricordare i fatti come nomi, date e luoghi nelle scuole superiori. Ma questa velocità di elaborazione inizia a diminuire rapidamente all'età di 18 anni. Analogamente, la quantità di informazioni che possiamo ricordare e utilizzare in un dato momento, chiamata memoria di lavoro, funziona meglio nei nostri vent'anni. Ma altre capacità, come l'intelligenza emotiva e il miglioramento del vocabolario non raggiungono il picco fino a decenni più tardi.

Come osserva il Wall Street Journal, lo studio di Hartshorne ha esaminato una serie di processi cerebrali diversi che costituiscono l'intelligenza, piuttosto che considerare l'intelligenza come una singola misura, come è stato fatto tradizionalmente. Al Centro per BrainHealth dell'Università del Texas a Dallas, noi, come Hartshorne, riteniamo importante esaminare la salute cognitiva e l'invecchiamento da una prospettiva più ampia e più completa.

Alcuni anni fa, il nostro team di BrainHealth intraprese uno dei primi studi per esaminare il legame tra età, salute cognitiva e capacità decisionale. Molti studi precedenti avevano documentato un declino della capacità di pensare in modo logico e risolvere i problemi man mano che una persona invecchia. Tuttavia, questi studi presentavano una debolezza importante: tendevano a ignorare fattori positivi legati all'età, come una lunga esperienza di vita, capacità di ragionamento e conoscenze accumulate che possono preservare e persino migliorare le capacità decisionali.

La nostra ricerca, "Healthy Brain, Health Decisions: The MetLife Study of Decision-Making Potential", ha esaminato gli adulti sani negli anni '50, '60 e '70. Incoraggiante, non abbiamo riscontrato alcun calo nelle capacità decisionali in qualsiasi fascia d'età. Abbiamo anche scoperto che la capacità di apprendimento strategico – la capacità di setacciare e sapere quali informazioni sono più importanti su cui concentrarsi e ignorare le informazioni meno importanti – può effettivamente aumentare con l'età.

In effetti, il gruppo dei partecipanti più anziani ha fatto meglio dei gruppi più giovani anche su altre misure. Erano più coscienziosi; più saggio su considerare le loro opzioni prima di prendere una decisione; e meno probabile che sia eccessivamente concentrato sull'arrivare immediatamente a una soluzione senza considerare altri risultati rispetto ad altri gruppi.

Questa ricerca suggerisce che il tuo cervello potrebbe essere in grado di compensare la sua minore velocità di elaborazione e la capacità di ricordare i fatti attraverso miglioramenti in altre funzioni. Una delle maggiori risorse del cervello che invecchia è il suo profondo deposito di informazioni ed esperienze apprese e la capacità di derivare e ricordare le grandi idee astratte in modo più efficiente dei dettagli. Questo è uno dei motivi per cui gli amministratori delegati delle aziende tendono a essere tra i 50, i 60 o anche più anziani, piuttosto che sui ventenni. Un lavoratore di 25 anni potrebbe essere in grado di accogliere e ricordare più dettagli, ma essere meno abile nell'apprezzare quali informazioni siano importanti e quali siano meno rilevanti per la decisione in corso.

Se sei qualcuno che crede che i tuoi migliori anni di cervello siano dietro di te, chiediti questo: potresti svolgere il lavoro che stai svolgendo o gestire le responsabilità nella tua vita ora vent'anni fa? Probabilmente no. Quello che ti manca nella velocità di elaborazione e capacità di apprendimento, dovresti essere in grado di recuperare in conoscenza, esperienza e saggezza. Ma non succede solo da solo; devi continuare a sfidare il tuo cervello per mantenere in forma questa ultima capacità. Un altro vantaggio per il cervello che invecchia: gli studi mostrano che gli anziani sono meno propensi a soffermarsi su informazioni negative; sono molto più propensi a ricordare il bene in una situazione o contesto. Questa capacità di rimanere positivi è di grande beneficio nelle interazioni sociali.

In effetti, la nostra recente ricerca dimostra che la neuroplasticità intrinseca del nostro cervello può essere sfruttata per migliorare la capacità mentale e la salute cognitiva del cervello, suggerendo che potrebbe non essere mai troppo tardi per mantenere o addirittura migliorare le prestazioni del nostro cervello.

È tempo per noi di ripensare le percezioni negative del pubblico sull'invecchiamento cognitivo e coltivare una visione più positiva. L'invecchiamento, di per sé, non è una malattia. Per la maggior parte degli anziani che non svilupperanno l'Alzheimer o altre forme di demenza, l'invecchiamento è un processo di sviluppo che può aggiungere una prospettiva preziosa alle capacità di pensiero esistenti del cervello di ordine superiore.

Se continui a rimanere attivo mentalmente sfidando te stesso a pensare in modo più profondo, evitando distrazioni costanti e sovraccarico di informazioni, e imparando nuove abilità e informazioni, è probabile che i tuoi migliori anni di cervello siano ancora davanti a te, non dietro di te.

Questo post sul blog è apparso su HuffingtonPost.com.

Solutions Collecting From Web of "Il potenziale della mente che invecchia"