Il possibile impatto degli SSRI sulla funzione sessuale maschile e sulla fertilità

Mentre non sono mai stato impressionato dall'argomento secondo cui gli SSRI funzionano molto meglio del placebo, sono rimasto impressionato dall'elenco degli effetti collaterali correlati agli SSRI. Sono anche disposto a scommettere che il tuo medico non ha discusso di quanto gravi possano essere gli effetti collaterali sessuali o che potrebbero essere potenzialmente irreversibili.

Gli uomini che assumono SSRI dovrebbero essere consapevoli del potenziale impatto di questa classe di farmaci sulla loro funzione sessuale e fertilità.

SSRI e funzione sessuale maschile

Ne ho parlato in un post del 3 ottobre, ma lo ripeto a causa delle ultime scoperte che ho elencato nella sezione che segue (SSRI e Fertilità maschile).

Secondo il Journal of Sexual Medicine (gennaio 2008), ogni persona a cui è stata prescritta una prescrizione per un SSRI deve ricevere un avvertimento come il seguente: "C'è un'alta probabilità di effetti collaterali sessuali durante i farmaci SSRI. Ci sono indicazioni che in un numero sconosciuto di casi, gli effetti collaterali potrebbero non risolversi con la cessazione del farmaco e potrebbero essere potenzialmente irreversibili. "

SSRI e fertilità maschile

Se sei un uomo che sta assumendo SSRI, ecco quello che sappiamo fino ad oggi su questa classe di farmaci e sulla fertilità maschile. Quanto segue è tratto da un annuncio pubblicato poche settimane fa da The American Society for Reproductive Medicine, come riportato da Reuters [si prega di notare la parte su come è improbabile che un test spermatico di routine accetti questo tipo di danno spermatico]:

Il trattamento con paroxetina (Paxil), che appartiene alla classe dei farmaci antidepressivi inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI), aumenta la frammentazione del DNA nello sperma, secondo una ricerca presentata oggi alla 64a riunione annuale della American Society for Reproductive Medicine a San Francisco.

Sebbene lo studio non abbia valutato direttamente la fertilità maschile, l'aumento di cinque volte del numero di uomini che hanno sviluppato DNA anormale dello sperma mentre è in trattamento con paroxetina è "preoccupante" e "suggerisce un effetto avverso sulla fertilità", ha detto il co-investigatore Dr. Cigdem Tanrikut, della Harvard Medical School di Boston.

In uno studio clinico ha descritto come "il primo studio per valutare l'impatto di un SSRI sui parametri dello sperma in uomini sani", 35 uomini hanno assunto paroxetina per 5 settimane. Il farmaco è stato somministrato in dosi giornaliere di 10 mg la prima settimana, 20 mg nella seconda settimana, 30 mg nella terza e quarta settimana e 20 mg nella quinta settimana.

I test sono stati condotti su campioni di sperma ottenuti prima di iniziare la paroxetina e dopo 4 settimane di trattamento. Il punteggio medio di frammentazione del DNA è aumentato dal 13,8% prima che la paroxetina fosse iniziata al 30,3% alla settimana 4, una quantità statisticamente significativa.

La percentuale di uomini con un punteggio di frammentazione del 30 percento o superiore prima del trattamento passò dal 10 al 50 percento.

Le analisi dello sperma condotte durante lo studio, tuttavia, hanno mostrato volume, concentrazione, movimento e aspetto normali.

La paroxetina era anche associata a una significativa disfunzione sessuale, con un terzo degli uomini che riportava problemi con la funzione erettile e quasi la metà riportava difficoltà eiaculatorie.

"L'integrità del DNA è fondamentale per la normale fertilità", ha detto Tanrikut. Ad esempio, una maggiore frammentazione del DNA dello sperma aumenta il rischio di fallimento dell'inseminazione intrauterina.

"L'anormale integrità del DNA spermatico influisce anche sugli esiti della gravidanza delle più avanzate tecnologie di riproduzione assistita, come la fecondazione in vitro (FIV)", ha aggiunto. "In effetti, è l'unica scoperta del fattore maschile che ha dimostrato di influenzare i risultati dell'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI)".

"Una grande percentuale di pazienti su (SSRI) può avere la loro fertilità colpita", il co-investigatore Dr. Peter N. Schlegel, presso il Weill Medical College della Cornell University di New York, ha osservato in corrispondenza con la Reuters Health.

Tra gli uomini infertili che assumono un SSRI, "un'analisi standard dello sperma non misurerà questo effetto", ha sottolineato Schlegel, e "dovrebbe essere preso in considerazione un test speciale per la frammentazione del DNA …"

Lo sperma sembra essere danneggiato da un rallentamento del loro trasporto attraverso il corpo, "un nuovo meccanismo di danno", ha detto. "La maggior parte degli agenti influisce sulla fertilità abbattendo la produzione di sperma. Rallentare il trasporto di spermatozoi può permettere che lo sperma venga danneggiato (da temperature più alte, o semplicemente "diventando troppo vecchio" – essere eiaculato dopo che avrebbero dovuto essere). "

"Abbiamo visto casi gravi in ​​cui gli spermatozoi sono rallentati così tanto che quasi nessun spermatozoo appare nell'eiaculato."

Sulla base di questi risultati, il team di ricerca sta pianificando studi più ampi utilizzando altri antidepressivi SSRI.

Solutions Collecting From Web of "Il possibile impatto degli SSRI sulla funzione sessuale maschile e sulla fertilità"